lunedì 26 luglio 2010

Il Carreau aux fruits rouges et chocolat blanc di dEleciously


Il post di apertura della settimana, che è poi quello al quale tengo maggiormente, riguarda una ricetta presa in prestito da uno dei miei blog preferiti, quello di Eleonora S. alias dEleciouSly.

A chi fosse appassionato di dolci come me ed ancora non conoscesse il suo blog, consiglio vivamente di farci una visita approfondita: troverete tante ottime ricette di sicuro effetto e molto ben descritte... e sicuramente vi rifarete gli occhi con le belle foto delle sue preparazioni.

Eh si, perché oltre che una eccellente pasticcera Eleonora, secondo me, ha anche un particolare talento per la fotografia.

Si da il caso che condividiamo anche un amicizia virtuale su Facebook e che in uno dei miei rari interventi sentendole descrivere un dolce da pubblicare le abbia suggerito quello che ha poi scelto (citandomi) come titolo del suo post :-DDD

La cosa mi ha reso molto contento ed ho pensato che il modo migliore per ricambiarle la cortesia fosse eseguire e pubblicare la ricetta oggetto del post.

Si tratta di un semifreddo in forma di mattonella così strutturato: tre sottili strati di pasta sablée sono alternati a due delicate mousse: la prima ai frutti rossi e la seconda al cioccolato bianco.

Rispetto alla ricetta originale ho solo fatto le variazioni che consigliava lei stessa, ovvero ho usato frutti di bosco misti anziché solo frutti rossi... allora, direte voi, dovrebbe chiamarsi "Carreau aux fruits de bois etc..." e allora, dico io, lasciamo perdere questi dettagli marginali ;-D

Poi ho fatto metà dose, perché l'ho portato sabato ad un pranzo dai miei ed eravamo pochi quindi la dose giusta era metà... anche se ovviamente c'era chi si sarebbe rifatto ;-)

Inoltre, ho invertito l'ordine degli strati di mousse; ed infatti la mousse al cioccolato bianco ha la compattezza adatta a sostenere gli strati superiori.

Le difficoltà maggiori che ho incontrato ad eseguire questo dolce con mezzi "casalinghi" sono stati esclusivamente nell'esecuzione del sablé.

Con questo caldo infatti, riuscire ad impastare, stendere e movimentare un impasto con quasi il 40% di burro (per non parlar dell'uovo), non disponendo di abbattitori e con 28-29° di temperatura ambiente è stata un impresa non da poco.

Per facilitarmi il compito mi sono un po' ingegnato, per esempio una volta impastato il sablé l'ho conservato già diviso in tre parti uguali già stese pressapoco rettangolari.

Una volta solidificato l'ho finito di distendere col matterello tra due fogli di carta forno poggiati su una sagoma rettangolare di cartoncino della misura necessaria e facendo continuamente fuori/dentro col frigo.

Il risultato ha ampiamente ripagato i miei sforzi, ne è venuto fuori un sablé profumatissimo, che si scioglieva letteralmente in bocca... anche un po' fragile per la verità, vista la sottigliezza (3 mm!)

Se anche voi vi volete cimentare nell'opera fate attenzione a questo aspetto e maneggiate gli strati di sablè con un accuratezza direi... maniacale!

Per la ricetta vi rimando direttamente all'originale, in fondo a quel post troverete il collegamento al praticissimo PDF da scaricare.

Per quanto riguarda il mio modesto parere, ora che l'ho assaggiata posso confermarvi che questa è una torta di alta pasticceria, scioglievole, delicata e ben bilanciata, insomma un capolavoro di bontà... il mio consiglio spassionato è: provatela... e basta!

22 commenti:

  1. Posso solo dire che dopo esser rimasta folgorata dal Ele, ora lo sono di nuovo qui da te! Questo non è un semplice dolce, è un capolavoro! Non credo ci sia altro modo di definirlo. COMPLIMENTI, sarò ripetitiva ma è vero ^_^
    Buona settimana, a presto

    RispondiElimina
  2. mamma mia nanni tra te ed Ele c'è da perdersi siete entrambi dei pasticceri spettacolari!!!questo dolce mi lascia senza parole per bellezza gusto estetica e golosità senza fine!!!ci vuole passione vera per realizzare certe meraviglie e tu c'è l'hai!!!baci imma

    RispondiElimina
  3. Ma è stupendaa!!!
    Troppo bravo!
    Mi hai fatto scoperto anche un nuovo blog, ho visto qualcosa...direi che tra te e lei c'è da strabuzzare gli occhi e mordere lo schermo!

    RispondiElimina
  4. Le ricette di Eleonora sono una garanzia, e tu l'hai resa in maniera perfetta! Davvero bravo!

    RispondiElimina
  5. Waoooo! Ma è splendida!
    Quel post me lo ricordo ancora e se ci fosse un concorso vorrei come premio QUELLA foto: è sublime!
    Mamma mia ragazzi come siete bravi!
    Mi inchino entusiasta. Siete da sogno!

    RispondiElimina
  6. l'avevo già visto da ele ed ora qui da te ho la conferma di un dolce strepitoso (se mai avessi avuto bisogno di conferme)...da fare senz'altro, ma quando non avrò 30° stabili in cucina!! :-)

    RispondiElimina
  7. Davvero speciale questo dolce, mi sono subito andata a scaricare il pdf. Complimenti a Eleonora, e anche a te ;)
    Ciao!

    RispondiElimina
  8. Ho adocchiato questo dolce anche io da Ele...devo dire che ti è venuto splendido :-)

    RispondiElimina
  9. Non posso che dire....la proverò di sicuro!!! magari con un pochino più di fresco, ma la proverò di sicuro. E' perfetta sia dal punto di vista estetico che per l'accostamento del cioccolato bianco con i frutti di bosco....è talmente bella che mi ha conquistata ;)

    RispondiElimina
  10. che meraviglia!
    anche io 'tengo' lo stesso vassoietto, pero' mi manca la parte migliore: il dolce!!
    ;-)

    RispondiElimina
  11. @Federica: grazie! Ed io giro volentieri buona parte dei complimenti all'ideatrice di cotanta bontà!
    Buona settimana a te!

    @Imma: Grazie! La passione per i dolci credo sia comune a molti, tu compresa ;-)
    Baci e a presto!

    @Tery: Bene, sono contento di averti fatto conoscere qualcosa di bello :-D
    A presto!

    @giulia: grazie! Ho cercato di fare del mio meglio. Ciao!

    @dauly: confermo: è strepitoso! Ciao

    @Meg: grazie! Giro anche quì buona parte dei complimenti ad Ele :-)
    Ciao!

    @Stefania: si avevo letto il tuo commento al post.
    Grazie, ho cercato di fare del mio meglio :-D
    A presto!

    @Elena: aspetta di assaggiarla allora che ti conquisterà anche di più!
    Buona settimana

    @Gaia: ma guarda! Si vede che ci abbiamo l'IKEA a Firenze, eh? ;-D

    RispondiElimina
  12. Nanni questa si e' alta pasticceria, sei bravissimo. Proprio ieri ho visto il paticcere top di queste parti fare una torta simile...!!

    RispondiElimina
  13. Insomma...insieme visti i risultati siete proprio una bella "associazione a delinquere" per golosi impenitenti!...aggiungerei anche maniacali della perfezione a giudicare le raccomandazioni per la sablè! :P ahahahahah
    PS
    Sempre ammirato, serio. Chapeau! ;)

    RispondiElimina
  14. @Simonetta: ma dai, l'avrà vista anche lui sul blog di Ele?
    Grazie! i complimenti li giro ovviamente anche a lei
    A presto!

    @Gambetto: per essere veri golosi bisogna essere impenitenti! ;-D
    L'associazione a delinquere potrebbe essere di stampo... da dolci!
    Ciao!

    RispondiElimina
  15. E' così bello che avrei timore a tagliarlo....
    :))

    RispondiElimina
  16. buonissima... e che belle foto! complimenti! se vuoi passa da me: http://panpepatosenzapepe.blogspot.com/

    RispondiElimina
  17. Mamma mia che meravigliosa visione..!!!Bello e buono questo dolce..ma forse chiamarlo dolce è un'offesa!!..è un capolavoro..!!hai ragione Ely è bravissima!!..Complimenti!!

    RispondiElimina
  18. Caro Nanni, ti rinnovo i ringraziamenti ed i miei più sinceri complimenti per questo splendido ed inaspettato omaggio magistralmente eseguito! È sempre un piacere vedere i propri lavori realizzati da qualcun altro, soprattutto se altrettanto appassionato e così valido!

    P.s. Rubo un minuscolo spazio qui sul tuo blog, permettimi, per ringraziare anche tutti voi dei gentilissimi commenti...

    Un abbraccio

    Ele :)

    RispondiElimina
  19. mi aggiungo: stupenda! che lavoro quei rettangoli sottili e friabili mi intimoriscono ma è sicuramente buonissima!
    complimenti, fortunati i parenti che l'hanno mangiata... ;-P

    RispondiElimina
  20. Stefania sarebbe Tiziana? Di solito si confondono con Patrizia. Con Stefania è più raro... :D .
    Tiz.

    RispondiElimina
  21. @Zio Piero: una volta tagliato però a mangiarlo sparisce ogni timore ;-D

    @Martina: Grazie! Ok, non mancherò.
    Ciao

    @Morena: chiamiamolo dolce capolavoro allora, va'... ;-) Grazie e a presto!

    @Ele: ed io ti rinnovo i ringraziamenti per averci fatto conoscere questa meraviglia per gli occhi e per il palato :-)
    Un abbraccio a te!

    @Francesca: bella e buona! Grazie e a presto!

    @Tiziana: ehm... scusami, devo fare ammenda... conosco il tuo nome ma nel copia incolla è sparita la tua risposta, perdonami.
    Come posso rimediare?
    Grazie per i complimenti e per l'inchino, almeno io, non merito tanto ;-)
    Ciao!

    RispondiElimina

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001