lunedì 22 marzo 2010

Uovo di Cioccolato (Uovo di Pasqua)


Settimana lunghissima per me la scorsa, senza possibilià per lungo tempo di cucinare alcunchè e con tutti i piani buttati all'aria.

Era prevista infatti per ieri anche la festa di compleanno in grande per i 4 anni del piccolo chef, che invece è stata rimandata.

Come ho già detto in coda ai commenti del post precedente, c'è stato qualche problema in più con la sua salute che ha portato alla ribalta nuove priorità.

Adesso che tutto è più o meno tornato alla normalità, riprendo a scrivere e pubblicare.

Essendo abituato a fare tre post a settimana questa premessa mi pareva doverosa...

Non che non abbia fatto proprio niente... sono riuscito a trovare il tempo per fare una Sacher Torte da 30 persone per il decimo compleanno della mia nipotina ma era un po' tirata via e così non ho fatto neanche le foto :-(

La tradizione vuole che per la Pasqua ci si scambino uova decorate di varia natura.
L'uovo per l'uomo ha sempre rivestito un forte carattere simbolico legato alla vita ed al suo mistero.

Ancor prima dell'avvento del cristianesimo, già nell'antica Persia pare ci fosse l'usanza di scambiarsi uova di gallina all'arrivo della primavera.

Essendo appena entrati nella primavera non c'era tema più adatto per oggi, così si arriva preparati per la Pasqua!

Farsi l'uovo di cioccolato da soli in casa non è difficile o almeno, è più semplice che fare i cioccolatini ripieni.

Anzitutto è necessario avere gli stampi da uova di cioccolato, in più una bilancia, la carta forno ed i soliti arnesi per il temperaggio per ottenere un bell'uovo lucido e solido!


Di stampi i negozi di casalinghi molto forniti, ne vendono di varie misure: di solito si trovano quelli da 250, da 350 e da 600 gr.

Indicativamente le misure interne ovvero quelle dell'uovo che ne risulta sono rispettivamente: 205x135 per il 250 gr. 230x165 per il 350 gr. e 270x185 per il 600 gr.

Questi pesi sono calcolati però per l'uovo in produzione automatica, gli stampi come noterete, hanno spesso dei punzoni e relativi fori di accoppiamento per la produzione a macchina in automatico.

Per farli artigianalmente è preferibile mettere un 10-20% di cioccolato in più così da avere un uovo più spesso e maneggevole.

La cosa alla quale dovrete prestare maggiormente attenzione è il maneggiare le uova.
Il calore delle dita infatti lascia dei segni evidenti sulla superficie lucida dell'uovo.

Cercate quindi di maneggiarle lo stretto necessario e ricordate che le ditate potrete sempre coprirle con la decorazione.

Ho provato anche ad usare i guanti in lattice, ma le mani si scaldano anche di più!
L'unica cosa che non lascia segni è usare un panno morbido, che però fa poca presa.


Procedimento

Praticamente si fanno le duè metà dell'uovo, poi si saldano insieme e si decora.

Essendo cavità che possono accogliere un chilo e anche più di cioccolato il metodo che si usa per i cioccolatini di riempire la cavità e poi rovesciarla non è applicabile, bisogna ricorrere perciò ad un altro metodo.

Sciogliere il cioccolato e temperarlo.
Versare nello stampo pesando la quantità occorrente per fare metà uovo.


Ricordate che se usate un cioccolato con molto zucchero sarà meno scorrevole e quindi vi occorrerà metterne un 10-20% in più!

Ruotare lo stampo più volte per distribuire uniformemente il cioccolato fino ai bordi dello stampo nel mentre che solidifica.



Nelle foto come vedete lo stampo non è sempre il solito ma le foto buone per illustrare erano queste! Guardate quindi il cioccolato!

Via via che addensa l'onda rallenta e si assottiglia, quando sarà ridotta ad una goccia, appoggiate lo stampo capovolto su carta forno a solidificare per 10'


Passare in frigo altri 10'
Togliere dal frigo e lasciar solidificare a temperatura ambiente tutto il tempo necessario affinchè l'uovo si stacchi dalla sagoma, in genere con 18° ci vuole un oretta.

Controllate da sotto di tanto in tanto a che punto è.
Se lo distaccate forzatamente prima rimarranno dei brutti segni sul cioccolato lucido.

Quando estraete il semiguscio dallo stampo sentirete un crepitio di cariche elettrostatiche ed uno sprigionarsi di aroma di cacao!


Conservate il primo semiguscio e preparate il secondo come sopra.


Per unire i due semigusci preparate una teglia da forno capovolta sui fornelli con un foglio di alluminio ben steso sopra.

Accendete i fornelli per pochi secondi in maniera da avere il calore distribuito uni formemente. Toccate con mano per controllare via via che raffredda che sia al punto giusto, ovvero caldo ma non da bruciare.

Nel frattempo avrete sistemato al lato su di un panno morbido un semiguscio con la sorpresa dentro chiusa in un sacchettino (non dimenticatela! può sembrare superfluo come consiglio ma a me è capitato più volte e se ne fate diversi trovate anche il modo di distinguerli l'uno dall'altro con le diverse sosprese dentro o rimarrete nel dubbio di avere mandato i Gormiti destinati a vostro nipote, alla vostra fidanzata!).

Prendere l'altro semiguscio appoggiarlo sulla placca calda muovendolo un poco in circolo, il bordo dell'uovo si deve sciogliere appena appena,


sollevate il semiguscio ed applicatelo all'altro facendolo combaciare premendo delicatamente e controllandone tutto il perimetro.


Lasciar raffreddare la saldatura.

Prendete l'uovo sempre sistemato sul panno e procedete alla decorazione. E quì date fondo al vostro estro artistico, le possibilità sono innumerevoli.

Potete anche lasciare l'uovo così com'è ed incartarlo con stagnole colorate, stoffe, fiocchi, fiori secchi etc...

Prima di incartarlo procuratevi un bicchierino di plastica che gli faccia da piedistallo.
Nei negozi che vendono articoli di carta io ho trovato delle coppette monoporzione per budini che facevano al caso.

Per fare una decorazione commestibile i materiali sono vari.

Si trovano in commercio tubetti di glasse di zucchero colorate da usare come matite.
Le potete ricavare anche da voi facendovi il fondente di zucchero come spiego quì.

Qualche anno fa facevo così, ma è lungo e laborioso, oltretutto bisogna anche aspettare che asciughi bene per incartarlo ed il fondente tende anche a staccarsi più facilmente; perciò ho decorato con altro cioccolato (al latte e bianco) che a me era più congeniale, usando il sac-a-poche con bocchetta liscia di 2 mm.

Qualche consiglio: la decorazione è sia un modo per impreziosire il vostro dono (eh già perchè di solito l'uovo lo si fa per donarlo, no?), che un trucco efficace per coprire qualche magagnetta, le ditate in primis!

Lo ripeto, non maneggiate troppo l'uovo e siate semplici: le decorazioni eccessive appesantiscono l'insieme.

Partite possibilmente con le idee chiare, uno schizzo a matita su un foglio vi può già dire se il colpo d'occhio è efficace; ricordate infatti che quì non c'è la gomma per cancellare, ogni grattata sull'uovo lascia la cicatrice!

Ultimo ma non meno importante, scrivere su una superficie curva non è così semplice come scrivere su di un piano: per prendere la mano potrete allenarvi sulla calotta esterna dello stampo.

Per questo uovo ho scelto un motivo floreale di roselline bianche ripetuto all'infinito... repetita iuvant!


P.S.: ho anche caricato la foto sul canale Caffarel di Made in kitchen, pare che la Caffarel dia una sorpresa a tutti i partecipanti.

Speriamo sia di cioccolato o meglio ancora... di Gianduia!

30 commenti:

  1. meno male che per il tuo piccolo ora va tutto bene!
    non vorrei ripetermi, ma davanti ai tuoi post rimango sempre sena parole!sei di una bravura unica, il tuo uovo è semplicemente fantastico!!

    RispondiElimina
  2. ciao!
    quest'uovo è favolosamente elegante.
    mi viene voglia di metterlo in cornice.
    complimenti e.... ben tornato

    RispondiElimina
  3. Bentornato on line e...basta, sei il mago del cioccolato!
    Hai anche la famosa Fabbrica? ;-)

    RispondiElimina
  4. a parte il fatto che avrei voluto vederla la tua sacher "tirata via", l'uovo è meraviglioso, fortunata la donna che lo riceverà!!
    p.s. ma la sorpresa è all'altezza? :))

    RispondiElimina
  5. Sono felice che il piccolo chef stia meglio. Io ci ho provato l'anno scorso a fare l'uovo. Per me è stato un lavoro titanico, sopratutto l'unione dei due mezzi. Arrivata in fondo mi sembrava di aver scalato l'everest quindi non ci ho proprio pensato a decorarlo!!! Io tuo è bellissimo, molto raffinato.
    sei veramente un mago del cioccolato :)

    RispondiElimina
  6. complimenti, sono rimasta senza parole...
    ciao

    RispondiElimina
  7. Per te il cioccolato non ha segreti! sembra tutto facile! ma non è così...quell'uovo così lucido è una meraviglia! e le roselline...bellissime!
    basta, mi fermo, comunque complimenti!
    Francesca

    RispondiElimina
  8. E' un vero capolavoro!!! complimenti davvero!! a me sarebbe piaciuto anche sapere come hai fatto a fare le roselline. Sai anche io mi sono cimentata ma il mio è tutta un'altra storia (cioè non assolutamente paragonabile al tuo!!) bravissimo e ancora bravissimo!!!

    RispondiElimina
  9. Bravissimo !!!!
    Le roselline sono un bisciù!!!!!!!
    Quì ci vuole passione...arte...e pazienza!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Sono contenta che ora il piccolo stia meglio, aspettavo con impazienza una tua nuova ricetta e come sempre ci stupisci con un nUOVO capolavoro ;)
    Complimenti!

    RispondiElimina
  11. Ma sei stato bravissimo!!!Io a fare l'uovo avrei combinato un disastro,poco ma sicuro... complimenti ciao e buona serata

    RispondiElimina
  12. Ciao Nanni,volevo ringraziarti perchè seguendo le tue spiegazioni sono riuscita per la prima volta a chiudere perfettamente il mio uovo di cioccolato.
    Complimenti per il tuo uovo,e soprattutto per il tuo blog!

    RispondiElimina
  13. @Cris: Grazie! Sei stata rapidissima!

    @Barbara: Grazie! Sono contento che ti piaccia. Ciao!

    @Stefania: Grazie e ben trovata! Ah ah ah, non sono Willy Wonka, non ancora almeno! ;-))

    @Saraq: Grazie! La Sacher era ottima ma bruttina... L'uovo è destinato all'ortopedico che ha operato mia madre, la sorpresa saranno i cioccolatini del prossimo post! Ciao!

    @Elena: eh, il primo uovo non si scorda! Io mi dimenticai di metterci la sorpresa, quindi il primo in realtà fu il secondo! Ciao!

    @Alem: Grazie!

    @Ale: Grazie, a me bastano anche queste! Ciao!

    @Francesca: Grazie, avevo anche altre idee per le uova, vediamo se prima di pasqua ce la faccio a pubblicarne altre... Ciao!

    @K@tia: Grazie!
    Per fare le roselline temperi il cioccolato bianco, lo metti nel sac-a poche con bocchetta di 2 mm. e cominci a fare una spirale stratificata. La densità del bianco ti permette di salire in altezza.

    @Patty53: Grazie, passione anzitutto!

    @Patty: Grazie, sei sempre carinissima.

    @marifra79: grazie per i complimenti e buona giornata!

    @maria61m: bene! Mi fa molto piacere sapere che quello che scrivo può essere d'aiuto a qualcuno! Grazie!

    RispondiElimina
  14. bello! ma la sorpresa ce l'hai messa?

    RispondiElimina
  15. @Paolo: si l'ho riempito di cioccolatini al latte e malto!
    Ciao

    RispondiElimina
  16. Meraviglioso! Complimenti ;)
    Sonia

    RispondiElimina
  17. Che dire sei veramente bravo e direi anche molto creativo,complimenti sul serio è un piacere guardare il tuo blog inoltre devo aggiungere che è ben fatto e spiegato molto bene per coloro che vogliono provare a realizzare le tue ricette.

    RispondiElimina
  18. @Sonia: Grazie dei complimenti!
    A presto.

    @Caramel: beh si, è tutto di cioccolato...

    @monica: Grazie dei complimenti, se ti vien voglia di provare qualcosa...

    RispondiElimina
  19. no no e no!!!
    Non mi rassegno proprio.
    Anche se non ho di certo 18 gradi in casa questo week end ci riprovo!!!

    Quest'anno voglio anche io regalare uova fatte da me e con la sorpresina personalizzata! Uffff...

    A leggere il tuo post sembra tutto così semplice... ma se non imparo a temperare il cioccolato non si staccherà mai dal guscio vero?

    RispondiElimina
  20. Nanniiiii!!! Ero certa che da te avrei trovato anche questo!!! :D W il mio maestro di coccolatoooo!!! Adesso ci si prova... Anche se stavolta temo... Ma se ci va tutto questo tempo per mezzo uovo a farne un po' ci va una vita... :( Grazie!!!

    RispondiElimina
  21. Una vita? E quanti ne devi fare??!
    Comunque sono convinto che non avrai difficoltà... ;-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  22. ahah! no... più che quanti ne dovevo fare, quanto poco tempo avevo (era l'ora a temperatura ambiente che mi preoccupava! ;) )
    Alla fine ho fatto 6 gusci: quattro sono diventati le uova per i miei bimi, due sono rimasti lì per mancanza di tempo... :(
    Grazie, come sempre, per i tuoi preziosissimi consigli, Nanni!! Il tuo blog è preziosissimo!! :)
    Se ti va, puoi vedere uno dei risultati... :) BACIONI!!!

    RispondiElimina
  23. I "bimi" erano i BIMBI, ovviamente... ;p

    RispondiElimina
  24. Passi di rado da quì ma quando lo fai mi dai sempre grandissima soddisfazione! :-DDD
    Sono proprio contento tu abbia trovato gli spunti che cercavi e gli abbia messi in pratica così bene :-)
    Grazie, bacioni ed auguri di buona Pasqua a te e famiglia!

    RispondiElimina
  25. Nanni!! Io vorrei passare molto più spesso!! :( Purtroppo non riesco mai a fare tutto quello che devo... ma non mi dimentico mai del mio "maestro" ;))) e so che da te trovo tanti consigli preziosissimi e tanta disponibilità e gentilezza!! :)
    Spero che qualcuno passi da me e ti scopra!! E' il minimo ringraziamento che ti devo! :)
    Per il resto... l'elenco delle ricette che ho scoperto qui da te e devo provare si allunga sempre più... ;p Mannaggia al tempo!!
    Un abbraccio e ancora grazie!!

    RispondiElimina
  26. Si lo so, non è un rimprovero il mio (ci mancherebbe anche che ne facessi!), tu passa quando puoi ti assicuro che quì sarai sempre la benvenuta :-)
    Io stesso poi passo periodi di assenza anche lunghi perché faccio anche altro, perciò capisco bene il valore del tempo e di certe priorità.
    Un abbraccio e grazie a te!!

    RispondiElimina
  27. ciao..complimenti per il tuo fantastico blog..sei bravissimo!! riguardo all'uovo di pasqua avrei da chiederti una domanda..ho provato a farlo due o tre volte ma con risultati pessimi..non riuscivo a tirarlo fuori dallo stampo..cosa sbaglio??
    Federica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica, intanto grazie per i complimenti! :-)
      Se non riesci a smodellare dallo stampo vuol dire che il cioccolato non è temperato.
      Verifica che il tuo metodo di temperaggio sia corretto.
      Ciao!

      Elimina

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001