mercoledì 31 marzo 2010

Pizzette


Oggi piccola parentesi salata con queste pizzette di pasta sfoglia, o meglio di finta sfoglia.

Come molti di voi già sapranno, da anni spopola sulla rete una ricetta per ottenere un impasto che sfoglia in cottura, ma che rispetto alla pasta sfoglia tradizionale non presenta la difficoltà dei "giri" ed è anche notevolmente più veloce da ottenersi.

La prima volta che mi sono imbattuto in questo metodo è stato anni fa (2005 forse?) quando curiosavo anonimamente in un noto forum di ricette di cucina e vidi per la prima volta questo metodo proposto da Stefania, alias Arabafelice, che raccontava di averlo appreso guardando un programma di cucina su una TV americana via satellite, segnai la ricetta al volo e... la smarrii!!! ...poi mi passò di mente e non la ricercai più.

Più recentemente, curiosando nel nuovo sito di Anna Rita, alias Marble, anch'ella protagonista indiscussa del suddetto forum, ho notato che lei proponeva un impasto simile (con la ricotta) ma con un nome di origine chiaramente austriaca: le Topfentascherln.

Finora quindi avevo usata quest'ultima versione quando dovevo fare dei mini-croissant veloci dolci e d'effetto che, inutile dirlo, hanno sempre riscosso un successo strepitoso, mai però li avevo provati in versione salata.

La settimana scorsa vedere la rielaborazione da parte di Adriano di questa finta sfoglia (che a lui proviene da altra fonte ancora e comunque, neanche a lui è mai stata chiara quale sia l'origine) mi ha invogliato ad applicare questo impasto per fare delle pizzette, come quelle che si comprano al forno.

Quelle del forno poi non le compro più da un pezzo... non so voi ma a me le paste sfoglie confezionate con margarine vegetali lasciano uno strato di sego sul palato, oltrechè sono ottenute sicuramente con olii di palma, cocco o colza, sostanze queste che finchè posso cerco di evitare.

La preparazione di base è quindi una pasta che può sostituire egregiamente la pasta sfoglia vera e propria soprattutto nella preparazione di finger-food dolci o salati che siano mini-croissant, pizzette, vol-au-vent, tartellette o danish.

Oltretutto questa pasta rispetto alla sfoglia vera che sia di burro o di margarina, ha anche il pregio di essere un po' meno grassa, quindi più digeribile e meno calorica.

Il metodo quì riportato è quello elaborato da Adriano Continisio.

Ingredienti

Farina 00 250 gr.
Formaggio spalmabile tipo Philadelphia o simili 250 gr.
Burro 160 gr.
Sale
Olio EVO
Passata di pomodoro
Mozzarella
Origano

In una ciotola mescolare la farina con due pizzichi di sale, il burro ed il formaggio con una spatola in modo da ottenere un composto bricioloso.

Trasferire su un foglio di pellicola trasparente e compattarlo in un rettangolo che misuri più o meno 25x35 e alto un cm circa.

Chiudere bene la pellicola, spostare su un taglierino e mettere in frigo per una notte almeno, meglio ancora per 24 ore.

Adesso si tratta di dare dei giri semplici, per dare un po' di struttura e di omogeneità alla pasta che da briciolosa che era diventerà magicamente liscia e uniforme.

Primo giro:
Spolverizzare la spianatoia con farina, spacchettare il panettino, metterlo sulla spianatoia, spolverizzarlo e stenderlo col mattarello non troppo sottile.

Ripiegare il lato destro al centro e poi il lato sinistro sempre al centro in modo da ottenere un panettino simile a quello di partenza (se non vi è chiaro guardate le foto del post di Adriano).

Rimpacchettare con la pellicola e riporre in frigo sempre poggiato sul tagliere.

Dopo mezz'ora circa dare un secondo giro identico al primo, altra mezz'ora in frigo e poi ripetere ancora con il terzo giro.

Rimettere in frigo fino all'utilizzo.

Siccome la mia spianatoia è piccola ho ritagliato l'impasto a metà e steso in due tempi distinti.

Stendere l'impasto a 2-3 mm. circa di spessore, avendo cura di infarinare in precedenza spianatoia impasto e matterello.

Con un tagliapasta rotondo da biscotti ricavare tanti dischetti che trasferirete poi sulle teglie coperte di carta forno.

Potrete anche metterli piuttosto vicini in quanto questa pasta in cottura si ritira e cresce verso l'alto.

Mettere un po' di passata in una tazza e prelevando con un cucchiaino condire ogni dischetto, aggiungere un pizzico di sale e qualche goccia di olio EVO e mettere in forno caldo a 180° x 5' circa, regolatevi voi coi vostri forni.

Potreste anche condire la passata nella tazza prima di distribuirla, magari mettendoci un acciuga sciolta nell'olio caldo, in tal caso però dovrete usarla tutta!

Tagliare la mozzarella a cubettini.

Quando cominciano a colorarsi sopra tirarle fuori, aggiungere un cubettino di mozzarella ed un pizzico di origano su ogni dischetto e rinfornare altri 3', finchè il cubetto si scioglie.

Sfornare, far intiepidire e mettere sul vassoio di portata.


Quando ritagliate la pasta col cerchio vi rimarranno diversi piccoli scarti inutilizzati di forma imprecisata, che potrete recuperare così: rimpastateli tutti assieme rapidamente, rimettete poi il tutto in congelatore per 10' e date di nuovo poi i 3 giri semplici come sopra.

Con questo sistema sfoglierà di nuovo che è una bellezza.

16 commenti:

  1. Ecco tu mi presenti le pizzette di prima mattina e mi fai già venire voglia...io mangerei pizzette vita natural durante!!

    Anche io ho addocchiato questa famosa finta sfoglia ma non ho ancora provato, le tue sicuramente sono sfogliate benissimo.

    RispondiElimina
  2. Anche io le faccio come le tue...questo impasto e' stato una vera rivelazione!!!! ;-)

    RispondiElimina
  3. ma che meraviglia!! l'avevo già vista da adriano e mi incuriosiva, adesso credo che per Pasqua le proverò e sono sicura diventeranno un must per le feste di compleanno dei mostri!

    RispondiElimina
  4. Bellissime queste pizzette e che fame a quest'ora!!! :-9
    Un abbraccio
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  5. @Elena: provalo quest'impasto, è miracoloso, davvero!
    Ciao

    @Stefania: di più! un illuminazione!! ;-)

    @Katia: con queste vai sul sicuro: piacciono a grandi e piccini. Ciao

    @AnnaLuisa&Fabio: grazie e buon appetito allora!
    Un abbraccio a voi.

    RispondiElimina
  6. bellissime!!!
    Voglio provarla anche io questa sfoglia!!

    RispondiElimina
  7. Mi piace la storia di questa ricette!Alla fine l'importante è che sia buona e mi sembra proprio di sì...di queste ne potrei mangiare vassoi interi, non scherzo!

    RispondiElimina
  8. @Alem: e io ti esorto... poi non riuscirai più a smettere! ;-)

    @Francesca: oltre che facile per me è eccellente anche gustativamente; pensa poi, nel buffet dove figuravano è l'unica cosa che mi hanno finito completamente.

    RispondiElimina
  9. Ciao Nanni. devo preparare un buffet per il 24 novembre e volevo portarmi avanti surgelando alcune cose. Come vanno surgelate queste pizzette e quanto tempo prima mi consigli di scongelarle essendo la festa nel pomeriggio?. grazie, ciao. Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lara.
      Per il 24 novembre? Che è il ristoro per la maratona di Firenze stavolta?? ahahah ;-P

      Dunque, per la sfoglia (vera o finta che sia), si parla sempre di congelazione del prodotto (o dell'impasto) crudo.
      Meglio non superare i 15 gg in freezer, poi per scongelare si tiene in frigo a 4° almeno 12h e successivamente si cuoce.
      Ciao

      Elimina
  10. ma sei un simpaticone é!!....si tratta della festa a sorpresa che sto organizzando per il sessantesimo compleanno di mia mamma. Scusa, sono un pó scarza sul salato....Faccio i dischetti, li condisco col pomodoro e li congelo, giusto? poi li scongelo e li cuocio come fossero freschi. buono? grasssie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, faccio per ruzzare un po'... ;-)

      Ok procedi così, poi finisci di condire e cuoci. Al limite puoi cuocere la sera innanzi e dargli poi una riscaldatina all'attimo di portarle sul buffet...

      Prego e buona domenica!

      Elimina
  11. Grazie ancora! ti faró sapere...alla prossima! ciao, Lara

    RispondiElimina

Se ti va puoi lasciare un commento.

Prima di pormi domande tecniche assicurati che:
- quello che chiedi non sia già scritto nel post e non lo hai letto per la fretta
- vuoi realmente riprodurre la ricetta e non domandi tanto per fare, perché io non rispondo così tanto per fare.

I commenti pretenziosi e/o anonimi verranno automaticamente cestinati.

Grazie

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001