lunedì 1 marzo 2010

Mendiant


Chi ha visto il film Chocolat, ricorderà che la protagonista Vianne Rocher impersonata da Juliette Binoche è più di una valente cioccolatiera, ama infatti indovinare i gusti dei suoi clienti valutando empaticamente gli aspetti peculiari delle singole personalità ed usando quindi i vari sapori abbinati al cioccolato in maniera terapeutica, a compensarne gli eccessi o le carenze.

Lei in sè però, ama le cose semplici, il mendiant è infatti il suo cioccolatino preferito.

Quindi oggi ricetta sul cioccolato ma facile facile.
Cosa sono i mendiant? Sono dischi di cioccolato sui quali si appoggia della frutta secca , più facili di così...

In giro se ne vedono di tutti i tipi ovvero anche di cioccolato al latte o bianco e con le combinazioni più disparate di semi, frutti secchi e talvolta anche freschi!

L'origine del nome è francese, mendiant significa infatti mendicante.
Pare che faccia riferimento ai 4 ordini monastici che praticavano la questua associando il colore di ogni frutto al colore dell'abito monastico.

Più esattamente: l'uvetta per i Domenicani, la nocciola per gli Agostiniani, il fico secco per i Francescani e la mandorla per i Carmelitani.

La tradizione li vorrebbe presenti sulle tavole natalizie, ma si sa, se è fatto di cioccolato ogni momento è buono...

Per 20 pezzi

Ingredienti

Cioccolato fondente 300 gr. (ve ne avanzerà un po')
Mandorle pelate 20 pz.
Nocciole pelate tostate 20 pz.
Fichi secchi 4-5 pz.
Uvetta 60 chicchi

Procedimento

Preparare la frutta secca selezionando le mandorle e le nocciole intere e tagliando ogni fico in 4-6 pezzi dipende dalla loro grossezza.


Sciogliere il cioccolato e temperarlo (così vengono belli lucidi), distribuirlo a cucchiaiate su un foglio di carta forno formando dischi di 6 cm circa di diametro.


Aggiungere rapidamente la frutta secca ed i semi.
Io ho messo su ciasun disco: una mandorla ed una nocciola intere, un pezzetto di fico e tre chicchi di uvetta. Così mi sembra ben bilanciato.


Lasciar asciugare il cioccolato.

Conservare in luogo fresco e buio.

18 commenti:

  1. Semplicemente eccezionaliiiiii!!!!!

    RispondiElimina
  2. grazie anche per la storia, non la conoscevo, i tuoi cioccolatini sono sempre perfetti e lucidissimi! una meraviglia!
    Francesca

    RispondiElimina
  3. E secondo te, dopo queste foto e il ricordo della pasticceria di Chocolat io dovrei aspettare fino al prossimo Natale? Ti ricorderai vero, cosa succede a chi per troppo tempo si nega al piacere del cioccolato: si finisce come l'austero sindaco del villaggio, con i segni di un'orgia di cioccolato, addormentato in vetrina!
    Complimenti per questa ricetta e per il blog.
    A presto!

    Sabrine

    RispondiElimina
  4. io non ho mai commentato il tuo blog...ma ci sono passata spesso...
    quindi colgo l'occasione per complimentarmi ma soprattutto per ringraziarti,dawero tanto per tutti i consigli e trucchetti che ci sveli...GRAZIE MILLEEEEEE
    ps.COMPLIMENTI ANCORA

    RispondiElimina
  5. Questi sembrano davvero facili e ci credo che sono buonissimi per la loro semplicità.Alla fine solo due ingredienti che però vanno d'amore e d'accordo.Meglio di così!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Io mi sento agostiniana, ed anche un pò Juliette Binoche, ora che ci penso.
    Certo mi maca Johnny Deep...

    RispondiElimina
  7. nella sua semplicità è la grandeur...di questo tuo mendiant...
    divertente l'abbinamento secondo l'ordine monastico....
    peccato che mi abbiano vietato il cioccolato per l'allergia..è quasi peggio della clausura!!!
    ma mi accontento di leggere la ricetta e vedere le foto..e quasi quasi ho il sapore in bocca:-)

    RispondiElimina
  8. I tuoi dolcetti sono davvero dei capolavori!
    Se passi dal mio blog c'è un premio per te.
    A presto

    RispondiElimina
  9. semplicemente meravigliosi!
    complimenti!

    RispondiElimina
  10. @Anna: oppure eccezionalmente semplici!!!

    @Alem: grazie :-)

    @Francesca: la storia l’ho trovata su Wikipedia in inglese.
    Grazie a te per il commento!

    @Sabrine: ah si, ed infatti anch’io cerco di non negarmelo mai!

    @Marianna: grazie a te per il commento!

    @Damiana: è vero, ed in mezz’ora si fa tutto, foto comprese.

    @Lydia: quando lo trovi lo riconosci perché lui preferisce la cioccolata calda in tazza ;-)

    @ZIZI: che peccato! Effettivamente il cacao è una sostanza molto allergizzante.

    @Patty: grazie! Più tardi passo a vedere.

    @Mammadeglialieni: grazie!
    P.S: Che nickname buffo che hai scelto!

    RispondiElimina
  11. Ho gironzolato nel tuo blog e sono rimasta senza parole!!! non so cosa dire, sei un vero maestro. La scatola per i tartufi poi mi ha tolto ogni parola! Complimenti

    RispondiElimina
  12. @Nanny: io ho resistito 2 giorni prima di assaggiarli, prima erano da finire i boeri ;-)

    @Elenuccia: Grazie dei complimenti! Ho visto che abbiamo in comune anche la passione per la corsa, i miei complimenti a te quindi per la maratona di NY, io ancora non ne ho mai corsa una. A presto!

    RispondiElimina
  13. Non c'è che dire, semplici ma buoni e da te realizzati alla perfezione!!!^_^
    Un abbraccio
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  14. questi li farò nei prossimi giorni ;-)

    RispondiElimina
  15. Deve far fresco dalle tue parti! ;-))

    RispondiElimina

HO ABOLITO I COMMENTI, NON RIUSCENDO PIÙ A RISPONDERE IN TEMPO UTILE.

CHI VUOLE PUÒ SCRIVERMI PRIVATAMENTE :-)

BUON PROSEGUIMENTO

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001