mercoledì 8 settembre 2010

Spaghetti di gelato ai frutti di bosco



A casa avevo scritto la bozza di questo post, neanche lunghissimo ma che mi piaceva molto.

Poi una volta salvato sulla chiavetta qualcosa è andato storto e non si riapre più così ora lo devo improvvisare un po'...

L' "imprinting" con gli spaghetti di gelato risale a quand'ero un ragazzotto e cominciavo ad andare in vacanza al mare con gli amici.

In qualche località imprecisata del litorale toscano mi imbattei in un locale con annessa gelateria che serviva i gelati con delle presentazioni spettacolari.

Coppe trionfali con cialde, biscottini, spruzzi di panna e cacao e tra le tante cose: l'uovo al tegamino e gli spaghetti, tutto di gelato ma tali da sembrar veri.

Per me che ero abituato che il gelato era cono o coppetta e che il massimo era la coppetta da 1.000£ in centro dal Vivoli, fu quasi un shock!

Poi probabilmente quella fu una moda passeggera, infatti dopo aver preso piede anche nelle gelaterie dell'entroterra toscano con la stessa rapidità queste preparazioni più stravaganti sono tornate nell'ombra.

Quello che è rimasto lo si vede appeso al muro come un trofeo in qualche gelateria di provincia e sono delle vecchie foto ingiallite e scolorite di elaboratissime coppe trionfali...


Quest'anno mentre ero in vacanza come sempre ho dedicato un pomeriggio a qualche acquisto.

Ero distrattamente intento a spulciare qualche libro di dolci in una libreria di Portoferraio alla ricerca di qualche idea, quando sfogliando un libriccino sui gelati chi ti ritrovo?
Ma gli spaghetti di gelato, no?!
Potevo rimanere indifferente di fronte a questo déjà vu?

Così acquistato il libriccino (e visto che c'ero anche un altro paio) e a casa me lo sono studiato...

In buona sostanza dice che per fare gli spaghetti di gelato i trucchi sono due:

- usare uno schiacciapatate per trafilare gli spaghetti
- distribuirli sul piatto freddissimo messo con opportuno anticipo nel congelatore

ed io ce ne aggiungerei un terzo:
-trafilare il gelato appena morbido appena mantecato o che al massimo sia stato due ore nel freezer ;-)

Come base si fa un gelato fiordilatte come condimento si mettono i frutti di bosco variamente sparsi.

Un variante ineressante che mi è venuta in mente può essere di fare una salsetta di frutti rossi e colarla sopra tipo "pommarola".

Per fare la suddetta salsetta schiacciate i frutti per ricavarne il succo aggiungete zucchero a piacere, un po' di succo di limone e fatela addensare a bagnomaria.

La ricetta del gelato è una delle tante per fare il fior di latte, uno dei più semplici che ci siano.
Se aggiungete anzichè i frutti di bosco, 60-70 gr di cioccolato fondente otterrete il gusto stracciatella.

Se vi piace ci potete mettere anche un po' di aroma di vaniglia, in tal caso mettetene una bacca aperta nel verso della lunghezza a bagno nel latte caldo e poi filtrate prima di utilizzarlo nella ricetta.

La panna va montata per far incorporare aria e dare volume al gelato.

Il glucosio serve per mantenere un po' più morbido il gelato quando lo si sporziona, inoltre credo serva per evitare in parte la formazione degli indesiderati cristalli di ghiaccio, vista l'alto contenuto di acqua nella miscela del gelato.


Ingredienti
Latte fresco 200 ml
Panna 200 ml
Zucchero 80 gr
Glucosio 40 gr
Frutti di bosco misti per guarnire 100 gr circa

Procedimento
In un pentolino sciogliere a fuoco lento latte, zucchero e glucosio.

Far raffreddare e trasferire poi in frigo per qualche ora a raffreddare ulteriormente.

Nel frattempo ricordatevi di mettere i piattini o le coppette di servizio nel freezer.

Montare la panna, aggiungere il latte dolcificato e mescolare bene.

Accendere la gelatiera e versarci la miscela, far girare fino a mantecatura.

Prendere lo schiacciapatate (quello non l' ho raffreddato, ma forse era meglio) riempirlo di gelato e trafilarlo sul piatto o coppetta ben freddi.

Guarnire con i frutti di bosco ben lavati ed asciugati.


Contrariamente a quello che si potrebbe intuire dalla prima foto non si arrotolano bene come gli spaghetti di semola, meglio servire col cucchiaino... ;-)


Dimenticavo: partecipo al blog Candy di Imma di Dolci a go-go!!!.

Il suo dolcissimo blog ha compiuto due anni e per l'occasione la bravissima fata dei cheese-cake (e non solo di quelli ;-)) ha organizzato questa simpatica iniziativa al termine della quale estrarrà un regalino a sorpresa.

Cliccate sull'immagina e andate a vedere di cosa si tratta, su! ;-)

24 commenti:

  1. Nanni, mi fai sorridere, quando ero piccola sbavavo davanti alle vetrinette di una gelateria a Sorrento che faceva gli spaghetti di gelato, e poi con un passato di fragole faceva il sugo di pomodoro.
    Erano un sogno per me

    RispondiElimina
  2. nanny carissimo grazie mille per aver partecipato al mio blogcandy ....sei un tesoro!!!!!e che dire di questi spaghetti!!mai visti primi ma sai che ti dico,di questi ne mangerei un piattone:D!!!!sono senz'altro scenografici e secondo me in tavola fanno un figurone....dolci spaghetti di gelato...che genialata!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  3. Noooooooo!! Sai che ogni tanto, quando vado in campagna passo da Rivanazzano, in una pasticceria nel centro del paese a mangiare questi fantastici spaghetti??
    Loro li "condiscono" con una salsa di amarene per fare il sugo e anche il parmigiano!! ihihih... granella di amaretti tritati!
    Bravissimo, il tuo piccolo cuoco sarà impazzito!!

    RispondiElimina
  4. Ecco una bellissima idea, questa sera ho sette bambine scatenate per cena, per dessert avranno una bella sorpresa. Grazie, penso che farò un figurone...

    RispondiElimina
  5. Cioè...uno prepara il gelato e poi lo passa semplicemente nello schiacciapatate?

    Non posso crederci!

    Sabato sera sarà il mio dessert!

    RispondiElimina
  6. mai visto un gelato meglio presentato! grazie per averlo illustrato perchè non ne conoscevo l'esistenza.
    come al solito sei bravissimo
    buona giornata

    RispondiElimina
  7. CARO NANNI TI VOLEVO DIRE CHE SONO RIUSCITA A FARE LE STRISCE SULLA CROSTATA, COME MI HAI SUGGERITO TU.
    NON SONO PERFETTE ...DEVO PRENDERE LA MANO.
    MA ALMENO HO CAPITO COME FUNZIONA....
    AHAHA .
    GRAZIE ANTONELLA

    RispondiElimina
  8. Ehehehe...adesso mi costringi all'outing.
    Come per Lydia quando c'è stata la "moda" degli spaghetti di gelato io restavo anziano-inside e preferivo sempre il secchiellino (a Napoli non dicono tutti coppetta ma anche secchiellino...:PPP) salvo poi pescare qualche forchettata dagli altri "per provare". Insomma ero un piccolo "tombino goloso" anche svariati anni fa.
    Leggendo il tuo post non sai quanti sorrisi che ho fatto ripendandoci.
    Bello lo spunto e la realizzazione. Complimenti come sempre anche per l'idea della "pommarola" che trovo decisamente centrata ed in tema! :)))

    RispondiElimina
  9. Questa e' una delle cose che mi sarebbero piaciute da piccina ed ho dovuto aspettare di essere grande per potermi fare :-)

    RispondiElimina
  10. @Lydia: il tuo imprinting allora è stato ancor più giovanile del mio ;-)
    Lieto davvero di averti fatto sorridere :-)

    @Imma: grazie a te carissima! Per me è un modo come un altro per giocare coi dessert.
    Ciao!

    @Tery: si, il piccolo chef stravede per queste cose, il rischio è che poi mi tocca farlo sempre così il gelato :-)
    Amarene ed amaretti? Che buono, me lo segno subito ;-)
    A presto

    @mafalda: prego! Vi auguro buon divertimento!!! ;-)

    @Virò: beh, io ho fatto proprio così :-)
    Buon appetito!

    @Sonia: tutto sommato è una presentazione molto semplice. Grazie del tuo messaggio :-)
    Ciao

    @antonella: bene, bravissima, sono contento che i miei suggerimenti ti siano stati utili :-)
    Aspetto di vederla pubblicata allora ;-)
    Ciao

    @Gambetto: Forchettata? Ma dalle tue parti sono così bravi a farli che si avvolgono con la forchetta?!? ;-)))
    Grazie per i complimenti, sei sempre gentilissimo :-)

    @Stefania: piccina? Stai toscanizzando il tuo vocabolario eheheheh ;-)
    Idem per me però se non trovavo il libro manco mi veniva in mente :-)

    RispondiElimina
  11. Pastaia non troppo ma gelatofila parecchio! Posso azzardare un bis scacciatristezza? Con abbondanza di condimento fruttoso ;) Mitico ^__^

    RispondiElimina
  12. Grazie cara! Per te anche un tris!
    Ciao!

    RispondiElimina
  13. ussignur noooooo questo noooooo. Da ragazzina impazzivo per gli spaghetti di gelato, mi sembravano quasi una magia!!! ed eccoli qua...voglio provare assolutamente.

    RispondiElimina
  14. che carini...
    anch'io ricordo benissimo da piccola una gelateria che faceva l'uovo al tegamino, e a me piaceva tantissimo, più per l'idea che per il sapore (il tuorlo lo faceva con un'albicocca sciroppata, che in realtà non mi piaceva)

    questo però pare proprio bono!

    RispondiElimina
  15. Ciao,mi ricordo bene questi spaghetti e anche l'uovo al tegamino.
    La tua idea della "pommarola" e' assolutamente geniale!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  16. E' vero!! Una volta si prodigavano con le forme più stane in fatto di gelati. Ora si è persa l'abitudine prediligendo LA TEXTURE (da quando ho letto da te sto termine lo infilo dappertutto!! E' esattamente la parola che mi mancava per definire certe cose) del gelato in purezza.
    Che bella idea rispolverarla. Perfetta per i bimbi! :>

    RispondiElimina
  17. @elena: non ero l'unico allora!
    Eh eh, quando si è bambini è tutto magico :-)
    Ciao!

    @Gaia: neanche a me piace molto la frutta sciroppata, ma il gelato mi piace eccome! ;-)

    @Edith: davvero? A me sembrava quasi un idea scontata :-)
    Grazie!

    @Tiz: dire "consistenza" o "cremosità" non è la stessa cosa vero? ;-) eheheheh
    Felice di averti contagiata ;-)

    RispondiElimina
  18. Carinissimi i tuoi spaghetti!!!
    Se facessi un gelato aglio, olio e peperoncino...come li vedi insiseme?
    :))

    RispondiElimina
  19. Troppo belli questi spaghetti di gelato| Mi ricordo quando andavano di moda insieme all'uovo al tegamino, poi non si sono visti più... e io mi ero dimenticata!
    Ci volevi te Nanni a riportarli su!!
    Ciao e buona giornata!

    RispondiElimina
  20. Li mangiavo sempre a Rapallo da bambina =) però i miei erano con il nero di seppia quindi cioccolato fondente =) meravigliosa, ricetta meravigliosa =)

    RispondiElimina
  21. Che bei ricordi anche per me....il gelato spaghetti!

    RispondiElimina
  22. @Renza: e se no era per il libro neanche mi meniva in mente di farli!
    Ciao!

    @Cey: fortissimi gli spaghetti di gelato al cioccolato!
    Grazie per la tua visita!

    @Blunotte: sonon contento di averti fatto ripensare ad un bel ricordo :-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  23. ti è venuto perfetto il gelato...ma io non capisco c'ho un freezer ch elo fa diventare abbastanza consistennte dopo due giorni forse e un congelatore in cantina che lo indurisce...uffiii

    RispondiElimina

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001