mercoledì 28 aprile 2010

Polpettine di trippa


Queste polpettine sono deliziose, fuori croccantine e dentro si sciolgono come il burro.

Le ho fatte domenica scorsa per portare a pranzo a casa dei miei dove sono state molto apprezzate.

Purtroppo per la fretta di andare ho fatto poche foto e senza il contorno al quale avrebbe pensato mia madre.

Avevo voglia di proporre qualcosa di insolito e spero di esserci riuscito con queste polpettine di trippa che io trovo una vera prelibatezza.

Ora, essendo io figlio di un trevigiano e di una fiorentina non potevo non essere un estimatore del quinto quarto bovino.

Infatti, uno dei tratti comuni delle cucine delle due città è rappresentato dalle ricette di trippe.

Pensando alla trippa e alle frattaglie in genere molti di voi arricceranno il naso o quanto meno alzeranno il sopracciglio.

Verso le frattaglie secondo me vige una sorta di tacito pregiudizio del gusto comune, pregiudizio che nasce dal retaggio culturale della società dell'abbondanza che disprezza i piatti e le materie prime cosiddette povere per celebrare solo ciò che è simbolo e veicolo di ricchezza.

Allora, sono gourmet l'ostrica ed il filetto, mentre che so... l'aringa e le frattaglie sono ritenuti indegni.

Finisce così che quando andiamo al ristorante abbiamo più soddisfazione del nome, che del gusto del cibo che abbiamo ordinato.

Fortunatamente nella mia città sopravvive una bella tradizione di street-food rappresentata dai chioschi dei trippai, alcuni considerati storici al pari di famosi ristoranti.

Io stesso qualche anno fa avevo in mente di pubblicare da qualche parte in internet una guida dei trippai di Firenze e provincia, poi mi è mancato tempo e voglia.

Questi ambulanti principalmente fanno il panino col lampredotto, che sarebbe un altro dei quattro stomaci bovini; in più i migliori offrono giornalmente un menu di altre specialità di frattaglie che possono spaziare dal fegato con cipolle, all'insalata fredda di poppa e nervetti.

Una decina di anni fa frequentavo una scuola di arti marziali cinesi ed il mio istruttore di allora oltre che avviarmi al podismo, conoscendo la mia passione per le frattaglie mi fece un dono preziosissimo.

Mi regalò infatti un volumetto intitolato "Troppa Trippa" sottotitolo: "Sull'antico mestiere del trippaio a Firenze ed i mille modi di cucinare la trippa nel mondo", Neri Editore, autore: Indro Neri.

Scopro poi sfogliandolo che il libro era dato in allegato ad un numero della rivista "Podismo"!

A distanza di anni poi sfogliando la pagina dei ringraziamenti scopro alcuni nomi legati al mondo podistico fiorentino e allora mi torna tutto :-)

Il libro è una monografia di ricette di tutto il mondo, curiosità e citazioni letterarie tutto relativo appunto agli stomaci bovini che essendo ruminanti hanno un apparato digerente complesso con quattro stomaci di caratteristiche e nomi diversi.

Nel corso di questi anni sono tornato a cercare il volume per farne omaggio ad altri estimatori, ma purtroppo risultava esaurito e non c'era una data certa di ristampa... fino all'anno scorso.

Eh si, l'autore infatti aveva continuato ad approfondire e a collezionare ricette in vista di una riedizione ampliata dell'opera.

Lo scorso anno infatti è uscito il primo volume di ricette della nuova edizione che integra quindi la vecchia ristampa aggiungendo del nuovo.

Ed ho scoperto proprio in questi giorni che l'autore nel frattempo ha aperto anche un blog.

Vediamo la ricetta:

Per 4 persone

Trippa 350 gr
Cipolla 1 (piccola)
Uova 3
Burro 20 gr
Una fetta di pane senza crosta (solo la midolla)
Brodo o latte
Prosciutto cotto 100 gr
(Pinoli 20 gr)
Prezzemolo
Un cucchiaio di parmigiano o grana
Noce moscata
Farina
Pangrattato
Olio E.V. d'oliva
Sale
Pepe

Far appassire la cipolla nel burro.

Aggiungervi quindi la trippa tagliata a listarelle, salare e pepare.

Cuocere mezz'ora a fuoco basso.

Togliere dal fuoco e lasciar raffreddare.

Mettere nel frullatore e tritare assieme al pane bagnato col brodo (o latte) e poi strizzato, al prosciutto, al prezzemolo tritato, a due uova, al formaggio grattugiato e ad una grattata di noce moscata.

Nota: Questa ricetta originariamente presa da un libro di cucina edito nel 1694, prevedeva l'aggiunta di midollo di bue, uvette e pinoli.
Io ci ho messo una manciata di pinoli.

Con il composto formare le polpettine e nell'ordine passarle nella farina, nell'uovo appena sbattuto e nel pangrattato.

Friggerle in abbondante olio.
A casa mia non si frigge spesso, ma quando si frigge ci trattiamo bene ed usiamo l'olio EVO e la differenza con gli altri olii vegetali è abissale.

Presentare il piatto abbinando con patate fritte a spicchi o crostini di pane fritto nel burro, o se si preferisce lasciar insaporire per una decina di minuti le polpettine in una casseruola con del sugo di pomodoro.

Su invito fattomi alcune settimane orsono dalla mia quasi omonima Nanny, partecipo alla sua raccolta con questo post.

14 commenti:

  1. oh nanni...... e la mia coccola mattutina presa qui da te???? accidenti.... scendo e vado in archivio!!!!
    ciao nanni! buona giornata :-)

    RispondiElimina
  2. L'aspetto è davvero invitante... ma credo di non aver mai mangiato la trippa e non so se sia il caso di iniziare ora!

    RispondiElimina
  3. Caspita...e pensare che la trippa fa parte di una delle pochissime cose che non mi piace!
    Però concordo pienamente con te, le frattaglie, come i pesci più poveri sono ingiustamente disdegnati... Ho pronto per settimana prossima un post sulle creste di gallo... le signore (over 70) al mercato erano nauseate all'idea che cucinassi e mangiassi le creste e le zampe del gallo! e mi è venuto da pensare...ma una volta, viste le carenze del periodo non si mangiava di tutto?!

    RispondiElimina
  4. io assaggio tutto! la trippa l'ho mangiata poco ma so che è buonissima se fatta bene! quel libro era giustissimo per te!!!
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. Oh si il panino col lampredotto è unalibidine pazzesca!!! me lo faccio sempre quando vengo dalle tue parti.
    Non posso esismermi dal provare la versione polpetta "podistica" :)

    RispondiElimina
  6. Ecco, la trippa e' una cosa che cucino sempre allo stesso modo, al sugo di pomodoro.
    Non ho mai pensato di farci altro, ed ho sbagliato, ad occhio e croce ;-)

    RispondiElimina
  7. @Barbara: eh! Dovevi passare lunedì! :-))
    Buona giornata a te!

    @Bruna: c'è sempre una prima volta... ;-)

    @Tery: sono curioso di vedere questa tua ricetta!


    @Francesca: sei sempre in tempo a rifarti! ;-)
    Ciao

    @Elena: magari un panino prima di partire per "il Passatore"... :-O

    @Stefania: le ricette con questo ingrediente sono spesso legate alle cucine regionali e ai loro ingredienti tipici, ne esistono quindi un infinità.
    Ciao

    RispondiElimina
  8. A Firenze facevo il trippaio....ti ricordi lo stornello ??
    Bella questa rivisitazione di un piatto tradizionale ! Bravo Nanni !!!

    RispondiElimina
  9. @Rossella: ...mi successe un grossissimo guaio, la mi’ moglie, una donna piacente, dava a tutti la trippa per niente"
    Grazie!!!

    RispondiElimina
  10. non preoccuparti...nessuna arricciatura del naso e nessuna alzata di sopracciglio. Molto bella la ricetta di queste polpette, sicuramente da provare! a casa mia la trippa si cucina cn il sugo e con i fagioli!
    P.S. impossibile non aggiungerti nel blogroll, sei troppo bravo!

    RispondiElimina
  11. il lampredotto non l'ho mai assaggiato (vergogna!)a me la trippa piace tantissimo, la faccio classica, al sugo con una spolverata di prezzemolo e parmigiano ma le polpettine non le ho mai fatte!
    (anche io friggo con l'extra...non c'è paragone! noi toscani siamo abituati troppo bene, ahahahah!)

    RispondiElimina
  12. @Zasusa: deve essere ottima!
    Grazie per il commento!!!

    @Mammadeglialieni: guarda, te la perdono proprio perchè friggi con l'extravergine ;-)))
    Grazie della visita, a presto!!

    RispondiElimina
  13. Io invece al sugo e all'insalata,questa ricetta è davvero originalissima, grazie per averla postata e per aver fatto si che entrasse nella mia raccolta,la trovo davvero deliziosa :P

    RispondiElimina
  14. Grazie a te per il commento! :-)

    RispondiElimina

Se ti va puoi lasciare un commento.

Prima di pormi domande tecniche assicurati che:
- quello che chiedi non sia già scritto nel post e non lo hai letto per la fretta
- vuoi realmente riprodurre la ricetta e non domandi tanto per fare, perché io non rispondo così tanto per fare.

I commenti pretenziosi e/o anonimi verranno automaticamente cestinati.

Grazie

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001