venerdì 22 luglio 2011

Insalata Fredda di Trippa


Molti di voi sapranno che la cucina fiorentina, sebbene venga spesso associata alla sua succulenta Bistecca (o "T-bone steak" per dirla all'americana) cotta sulle braci, in realtà vanta una consistente raccolta di ricette sull'uso delle frattaglie, ovvero del cosiddetto "Quinto-Quarto".

Come già accennai in questo post, a Firenze grazie a questa tradizione è sopravvissuta l'offerta di uno street-food molto particolare... in tantissimi angoli e nei mercati della città e della provincia ci si può imbattere nei chioschi dei trippai, che oltre che preparare i rinomati panini col "lampredotto" caldo, specialmente d'estate propongono anche delle insalate fredde di trippa ed altre frattaglie.

Niente di difficile ed elaborato per chi vuole rifarsele in casa e possono rappresentare una valida alternativa alle classiche insalate di pollo freddo ad esempio, col vantaggio che la trippa ve la vendono già lessata!

Quella che vedete in foto rappresenta più che altro il risultato di uno "svuota-frigo" si nota perciò una certa sovrabbondanza di condimenti... in realtà per mangiare una buona trippa fredda può bastare anche solo condirla con olio, limone e prezzemolo.
Questo fa si che partendo da questa base con poche aggiunte si possano ottenere insalate sempre varie e gustose...

N.B: Per la ricetta quà sotto: chi mal tollerasse la cipolla cruda può smorzarne un po' la forza affettandola sottilmente e tenendola un oretta a bagno in una tazza con acqua e aceto, poi si scola, si strizza e si aggiunge all'insalata.


Ingredienti
Trippa (già pulita e lessata) 600 gr
Fagioli toscanelli o cannellini (lessati e scolati) 200 gr
Olive taggiasche 1 manciata
Cipolla di tropea 1/2
Sedano 1 gambo
Basilico una manciatina di foglie
Prezzemolo
Sale
Olio EVO
Succo di limone

Ingredienti facoltativi
Pomodori a polpa soda tipo "cuore di bue" (privati di semi ed acqua di vegetazione e tagliati a dadini)
Capperi sott'aceto
Giardiniera mista sott'olio
Olive nere


Procedimento
Tagliare la trippa in striscioline sottili e metterla in una insalatiera.

Aggiungervi la cipolla tagliata a fettine sottili, il sedano tagliato a tocchetti ed infine le olive (meglio se denocciolate).

Aggiungere gli eventuali ingredienti facoltativi ed infine il basilico ed il prezzemolo.

Condire con sale, olio e succo di limone, per quest'ultimo aggiungerne poco alla volta valutando con l'assaggio la quantità ritenuta giusta per il proprio gusto.

Questa insalata va conservata in frigo e consumata fredda... possibilmente il giorno successivo quando sarà ancora più gustosa!


Buon fine settimana!!! :-D

14 commenti:

  1. Adoro la trippa e nel merito di alcune cose che ancora devo provare c'è di certo anche il panino con il lampredotto.
    Questi piatti hanno un che di confortante nella loro fattura perchè se di insalata si tratta nell'uso del condimento, nel taglio degli ingredienti da aggiungere si intuisce quanto possa essere costruita con una passione unica :)
    La tua firma è una ovvia garanzia di ciò :)

    RispondiElimina
  2. Un insalata della tradizione oggi Nanni davvero coloratissima e gustosa e dopo tanti dolci quel pizzico di salato saporito come questo ci sta benissimo!!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  3. @Gambetto: quando vieni a Firenze per compensare la mancanza ti faccio fare un tour forsennato dei trippai storici!! ahahahahahah ;-PP
    Ti ringrazio come sempre di cuore e mi auguro davvero di rivederti presto :-)
    Buon fine settimana

    @Imma: eh si eh! Non si vive di soli dolci!!
    Grazie carissima, buon week-end e bacioni a te!

    RispondiElimina
  4. mica ci avevo pensato a questo piatto, per sconfiggere il caldo e assecondare la voglia di non cucinare della settimana scorsa!
    ;-)
    grazie dell'idea!
    buon week end!

    RispondiElimina
  5. Non ho mai mangiato la trippa perchè mi ha sempre fatto un po' senso. Da un paio di mesi però sto considerando che la mia presa di posizione sia stupida. Questa tua ricetta è la spinta che mi mancava per comprarla e provarla.

    RispondiElimina
  6. no, no, no.... ho sbagliato ricetta per fare un giretto a salutarti.... ti saluto comunque perchè è da troppo che non ci sentiamo, ma la trippa nooooo... non mi piace proprio.... baci
    b

    RispondiElimina
  7. @Gaia: come un ci avevi pensato, o che fiorentina tussei?? ahahahah ;-PPP
    Ora un c'hai più scuse!!
    Grazie e buon WE!

    @apiedinudisuldivano: magari scoprirai che ti eri persa qualcosa di buono! Grazie e a presto!

    @Babs: ahahahah, a me va bene carissima... ed anche se non ti piace la trippa hai molti altri pregi! ;-)
    Grazie e baci a te!

    RispondiElimina
  8. Lo ammetto, a me la trippa non piace... e più che il sapore è la consistenza in bocca il problema!
    Sono convinta però che il mio ragazzo apprezzerebbe notevolmente!!

    RispondiElimina
  9. E' comunque una questione di gusto e quindi non si discute! ;-)
    Grazie del commento e buon fine settimana! :-)

    RispondiElimina
  10. A me invece, da buona toscana, la trippa piace.. e tanto!! La tua versione fredda in insalata è molto estiva ma sempre buona!!
    Ciao Nanni buon fine settimana!

    RispondiElimina
  11. certo che se volevi stupirci..ci sei riuscito!!!
    buona domenica,
    Anna Maria

    RispondiElimina
  12. Grazie! A te buona settimana ;-)

    RispondiElimina
  13. Vero! A Firenze non c'è solo la fiorentina...consiglio a chiunque dovesse trovarsi in città di provare a fermarsi a uno dei tanti banchini di 'trippai'! E a proposito di trippa, ho letto un bell'articolo poco fa: http://www.golagioconda.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2589:-sotto-il-sole-estivo-uninsalata-da-trippai&catid=76:h&Itemid=205

    RispondiElimina
  14. E dai trippai non c'è neanche solo la trippa, c'è anche il lampredotto, il centopelli, i nervetti, la poppa etc... ;-)))

    RispondiElimina

Se ti va puoi lasciare un commento.

Prima di pormi domande tecniche assicurati che:
- quello che chiedi non sia già scritto nel post e non lo hai letto per la fretta
- vuoi realmente riprodurre la ricetta e non domandi tanto per fare, perché io non rispondo così tanto per fare.

I commenti pretenziosi e/o anonimi verranno automaticamente cestinati.

Grazie

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001