martedì 12 luglio 2011

Gli "Scroccadenti" di Elena


Appena rientrato dalla mia breve vacanza ho visto che Elenuccia, blogger ed amica carissima (con la quale oltre alla pasticceria condivido anche la sana passione per il podismo) aveva appena pubblicato (quì) la mia personale elaborazione dei "cantucci" che avevo pubblicato il mese scorso (quì).

Il suo post mi ha fatto tornare a mente che tempo fa aveva pubblicato dei biscotti molto simili, gli "scroccadenti" molto diffusi in Romagna, che poi avevo dimenticato di provare, perso come sempre nelle innumerevoli cose da gestire... e così andando a ricercare la ricetta nel post (dell'anno scorso!) ho trovato che vi era citato e fotografato proprio il posto dove sono stato in questa breve vacanza!!
Mi sono detto: questa è una coincidenza significativa, li rifaccio al volo!

E così è stato, nonostante i 35° (credo) che incombevano su Firenze, ho impastato ed acceso il forno...

Ho potuto così apprezzare la friabilità particolarissima di questi biscotti, adatti quanto mai per l'inzuppo come i loro "cugini" toscani.

Vi trascrivo la ricetta che ho lasciato più o meno immutata.

Ingredienti
Farina 00 250 gr
Burro 50 gr
Zucchero 100 gr
Uovo 1
Scorza grattugiata di 1 limone
Mandorle (con la buccia) 70 gr
Lievito per dolci 7 gr
Sale un pizzico

Procedimento
Sabbiare la farina col burro, il sale e la scorza grattugiata del limone.
Successivamente aggiungere lo zucchero miscelato al "baking" e l'uovo appena sbattuto per amalgamarlo.
Se l'impasto risultasse poco compatto, aggiungere un cucchiaio o due di acqua molto fredda ed una volta compattato aggiungere le mandorle.
Formare una palla, avvolgerla con pellicola e mettere in frigo a riposare per un ora.

Trascorso il tempo, spezzare l'impasto in due parti uguali e formare due filoncini bassi, lunghi più o meno 25 cm, adagiarli ben distanziati tra loro sulla placca da forno e cospargerli di zucchero.

Cuocere in forno caldo a 170° per 25' circa al termine dei quali più o meno avranno un raddoppio di volume e una tenue doratura e screpolatura della crosta.

Togliere i filoncini, lasciarli raffreddare 5' circa ed infine tagliarli diagonalmente in fette di 1 cm circa da ripassare successivamente in forno adagiate per 5' su un lato e 5' sull'altro, per completarne la biscottatura.

Lasciar raffreddare bene e conservare in una biscottiera.

Buona giornata!

21 commenti:

  1. che belli....e quanto sono buoni da intocciare....buona giornata

    RispondiElimina
  2. Ma grazie Nanni, sei stato troppo gentile!!! Piaciuti gli scroccadenti? io li adoro proprio per la loro friabilità.

    La vacanzina all'Elba deve essere stata proprio bella, con questo caldo li si doveva stare proprio meravigliosamente.

    RispondiElimina
  3. @Grazia: grazie! Buona giornata a te!

    @Elena: figurati! E certo che mi sono piaciuti!!

    Non me ne parlare, quasi quasi stasera corro a Piombino a riprendere il traghetto... ;-)))
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  4. che uomo!!ti ci vedo con il forno acceso, e il caldo ad impastare!sai che non li conoscevo?baci

    RispondiElimina
  5. grazie! devo provarli!
    ma il forno aspetta ancora un po', non ce la faccio :-D
    ciao!

    RispondiElimina
  6. @Lucy: ahahah e non è escluso che torni a riaccenderlo presto! ;-)
    Baci a te!
    P.S.: carina la "mise" estiva... ;-)

    @Francesca: grazie a te!
    A presto (con un Vacherin?) ;-)))

    RispondiElimina
  7. Sai che questi biscotti sono uno dei ricordi della mia infanzia ?...Bellii Nanni, e credo non sia difficilissimo adattarli gluten free (ho giá fatto i cantucci e sono venuti niente male...).

    RispondiElimina
  8. Innanzi tutto complimenti per aver avuto il coraggio di accendere il forno :))
    E buonissimi i biscotti!

    RispondiElimina
  9. @Deborah: grazie!

    @Simonetta: si, credo che questi come altri biscotti siano facilmente convertibili...
    Ciao!

    @Monica: ahahahah grazie per i complimenti alla mia incoscienza!! ;-DDD
    Buona serata!

    RispondiElimina
  10. Grazie per la ricetta Nanni, li preparerò per la mia mamma ; ))

    RispondiElimina
  11. Sono ancora in fase gelato+pane...il che visto che quest'ultimo mi porta sempre ad avere il forno acceso non è detto che non mi diletti a rifare questi o i tuoi primi cantucci...tanto lo so che dove casco...casco bene con le tue/vostre ricette! :P ehehehehe

    RispondiElimina
  12. Ma te sei matto ad accendere il forno con questo caldo....
    secondo me, bastava metterli in un contenitore al sole, che cuocevano da soli!!
    ;-)

    RispondiElimina
  13. Quando si dice le coincidenze :-D!E secondo me tra cantucci e scrocchiadenti è una bella lotta!!!Un bacio

    RispondiElimina
  14. Acabo de conocer tu blog de casualidad y me gusta muchisimo tus recetas asi que me hago con tu permiso seguidora de el mismo e invitarte a que seas mi seguidora si te gusta mi blog un besin y
    hasta pronto y gracias por compartir tus recetas

    RispondiElimina
  15. sono andata giusto oggi dal dentista... gli scroccadenti salto, và ;-)

    però sono invitantissimi!

    RispondiElimina
  16. @Titty: grazie a te! A presto :-)

    @Gambetto: già so che per la curiosità farai una teglia di cantucci ed una di scroccadenti!! ehehehheh
    Ciao!
    P.S.: tu si paz! I biscotti ancora ancora, ma il pane in casa con questo caldo non ce la faccio proprio a cuocerlo!! ;-PPP

    @Gaia I.: e vedrai che nei prossimi giorni mi tocca riaccenderlo!
    Ecco... però per delle meringhe potrei fare come suggerisci tu... ;-)))

    @Sara: è un dilemma ancora irrisolto! ;-))) Ciao!

    @Veronica: Hola Veronica, muchas gracias por tu comentario, espero que tu leyes mis recetas con much o gusto :-)

    @Gaia P.: puoi sempre inzupparli nel vino per ammorbidirli... ;-)
    Grazie e a presto!

    RispondiElimina
  17. "tu si paz!"...è bellissimo! :D ahahahhahahahaha

    RispondiElimina
  18. Sapevo che avresti apprezzato! :-)))

    RispondiElimina
  19. i piace il nome di questi scoccadenti ^__^ davvero divertente non che molto buoni...bravo come sempre..
    baci da lia

    RispondiElimina
  20. I nomi dialettali possono essere davvero spiritosi ;-)
    Baci a te e a presto!

    RispondiElimina

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001