mercoledì 16 giugno 2010

Madeleines & Madeleinettes


La scorsa settimana è stata una di quelle settimane di shopping compulsivo di casalinghi.

Eh si, la cosa strana in casa mia infatti è che quello che rischia di dilapidare un patrimonio nei negozi e nei reparti di casalinghi sono io!

Però con le mie particolarità, più specificatamente ho il pallino degli accessori "tecnici".

Così, se da una parte sono capace di presentarvi 30 dolci diversi fotografati sempre sullo stesso piatto (per chi mi segue da poco controllare tutti i post a ritroso per credere), se vedo uno stampo (o una serie) con una forma che ancora non ho, oppure quell'attrezzo così utile per fare quella certa preparazione, devo averlo a tutti i costi!

Poi magari capita che una volta comprato l'oggetto del desiderio, lo metto in un armadio a casa e non lo uso per un anno intero, ma questa è un'altra faccenda.

Questa mania nasce dal fatto che i primi tempi che giravo per i suddetti negozi e vedevo un articolo interessante, rimandavo l'acquisto per poi ritornare dopo lunga riflessione e non ritrovarlo più!

Adesso semplicemente seguo l'antico detto toscano: "Meglio aver roba che quattrini" oppure se vi piace di più: "Ogni lasciata è persa".

Così in una sola giornata l'altra settimana, mi son girato in lungo ed in largo 3 negozi del genere (uno per giunta coi saldi!) dove le commesse si sono mostrate incuriosite e forse anche un po' circospette nei confronti di quest'uomo che solo soletto, scrutava con interesse ogni pezzo di metallo o di vetro esposti e rimaneva allocchito un quarto d'ora davanti ad uno scaffale straripante cocottine di gres di tutte le foggie immaginabili (e non).

Uno dei trofei più ambiti erano gli stampi per madeleine, negli ultimi tempi infatti mi era venuta la voglia di provare questi deliziosi dolcetti e gli stavo dando la caccia... e che ci vuole direte voi, vai su internet e ne trovi a decinaia nuovi o usati.

Superfluo dirvi che non è per niente la stessa cosa scovare un pezzo raro su uno scaffale polveroso, valutarne di primo acchito la qualità e l'utilità e magari trattare il prezzo col negoziante, rispetto ad una asettica selezione a monitor in un orgia di immagini di tutta la merce del mondo pronta lì ai vostri ordini con la quale non avvertite istintivamente alcun legame.

Sono convinto che se invece che a negozio, avessi comprato il mio primo termometro per il cioccolato su un sito internet, non mi sarei mai appassionato alla materia come invece lo sono.

Così spulciando nel negozio coi saldi, buttato in un angolo ti trovo proprio lo stampino metallico da 20 madeleinette con su l'incisione Made in France...l'ultimo pezzo rimasto!

Adesso comincio proprio a credere che niente avvenga per caso ;-)

Nel negozio visitato precedentemente poi me ne avevano appioppato uno di silicone, materiale che non amo particolarmente e con le cavità molto più grandi e meno male perchè l'impasto che ho ottenuto era preciso preciso per tutti e due gli stampi pieni.

Salvo essere smentito, credo che quelle grandi siano chiamate "Madeleines" e quelle piccole più tradizionali invece "Madeleinettes".

Sulle Madeleine si sente dire che è difficile ottenere la caratteristica gobbetta e che il trucco risieda nel fatto che l'impasto già nelle forme pronto per la cottura vada abbattuto ovvero raffreddato prima di metterlo in forno, cosicchè lo shock termico provocato da una più ampia escursione provoca l'accentuarsi della gobbetta... secondo altri pareri sono solo fandonie e la gobbetta verrebbe lo stesso.

Io essendo la prima volta che le facevo, per non rischiare, l'abbattimento gliel'ho fatto comunque, visto che in cucina la temperatura era già alta, per vedere se la ricetta funzionava... e funziona!

Se masticate bene la baguette quì c'è la storia delle madeleinettes e qualche curiosità, tipo che è stato stabilito che il peso omologato del dolcetto una volta cotto è 25 gr. (verificato: corrisponde allo stampo piccolo con cavità lunga 4 cm)... evidentemente a Commercy, città natale di questa specialità, prendono la cosa molto sul serio!

Se vi interessa sulle origini del nome copio ed incollo da Wikipedia:

"Alcune fonti, incluso il New Oxford American Dictionary, riportano che le madeleine sono chiamate così in onore di Madeleine Paulmier, una pasticciera del XIX secolo.
Altre fonti riportano Madeleine Paulmier come una cuoca vissuta nel XVIII secolo che aveva lavorato per Stanisław Leszczyński, il cui genero, Luigi XV di Francia, scelse il nome dei dolcetti in onore a lei."

Questi dolcetti sono perfetti per la prima colazione o per il tè delle cinque e perché no, anche per un bocconcino dolce a fine pasto... oh, ho detto uno, eh!

Ah, quasi dimenticavo: la ricetta quà sotto viene dal libro incredibile della Ecole Lenôtre già menzionato in altri post.


Ingredienti
Uova 2
Zucchero 90 gr.
Miele d'abete 25 gr.
Farina 00 140 gr.
Lievito per dolci 7 gr.
Burro 100 gr.
Scorza di mezzo limone

Procedimento
Montare le uova intere con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso.

Aggiungere la farina, il lievito ed il miele amalgamare e lasciar riposare un'ora a temperatura ambiente.

Nel frattempo fondere il burro mescolato alla scorza di limone grattugiata e lasciarlo raffreddare.

Amalgamarlo al resto dell'impasto che rimarrà abbastanza consistente e trasferite in un sac-a-poche con bocchetta liscia di 5-6 mm.

Imburrate le cavità degli stampi e riempitele con l'impasto.

Porre lo stampo mezz'ora circa in frigo a raffreddare.

Cuocere in forno già caldo a 190° per 7' circa le forme piccole

e 175° per 15' quelle più grandi.


Toglierle dallo stampo a caldo.

Una volta raffreddate consevarle in un sacchetto.

Bonne journée et bon appétit!

35 commenti:

  1. wow io le adoro...infatti anche io comprai un sacco di tempo lo stampo però quello in silicone e forse sono madeleinettes ma ancora non l'ho provato...io spesso leggo gli ingredienti sulla busta di quelle che io adoro e c'è scritto olio...però in rete trovo sempre burro...tu l'hai trovate simili a quelle che vendono???
    complimenti cmq ^__^

    RispondiElimina
  2. Urca, altro che gobbetta! Queste hanno una gobbona! Chissà se porta anche fortuna ;)! Non so se è stato l'abbattimento o la tua mano magica (mi sa più la seconda!) ma sono favolose.
    Dobbiamo essere in parecchi ad avere la mania di svuotare i negozi di casalinghi. Gli ultimi stampini che ho comprato sono rimasti per più di un anno dimenticati (proprio DIMENTICATI) nell'armadio prima di essere messi all'opera. Però ero così contenta di averli presi...e pure in offerta!
    Baci, buona giornata

    RispondiElimina
  3. piccole bomboniere nanni bocconcini golosi che fanno venir subito voglia di mangiarne tanti da sentirsi male:D.... le ho fatte solo una volta ma nn avendo lo stampo in silicone diventa un casino farle uscire senza romperle invece vedo che le tue sono uscite una meraviglia...la classe nn è acqua!!!bravissimo,un bacio imma

    RispondiElimina
  4. mitico nanni
    le madeleine vengono perfette pure a me, da quando ho scoperto lo choc termico.....
    le ho fatte dolci e salate, son sincera, salate mi piacciono ancor di più!
    ciao nanni, buona giornata!
    ci sentiamo fra qualche giorno che mollo tutto e vado al mare :-)

    RispondiElimina
  5. Bravo, uno dei pochi a non fare dei plumcake a forma di conchiglia!!!!!
    http://tzatzikiacolazione.blogspot.com/2009/09/domanda-e-risposta-ovvero-la-gobba.html
    La mia stima nei tuoi confronti cresce a dismisura

    RispondiElimina
  6. Alla faccia della gobbetta!!!
    Queste sono madeleines ...cammellate!!!:-)
    A parte gli scherzi, ti sono venute benissimo.
    E grazie per le note sull'origine del nome, sono cosine che leggo tanto volentieri quanto la ricetta stessa.
    Ciao!

    RispondiElimina
  7. Nanni ma sono perfette!!!Hai qualche segreto per far uscire la gobba o è il tuo nuovo stampo che è profondo??Concordo ,infatti ,con il commento di Lydia,fin'ora ho visto soltanto stampi che hanno una forma di conchiglia festonata,altro che madeleine,vuol dire che dovrò trovare la dicitura made in France.(l'unica cosa francese che comprerò ahahah).
    Ps Anche per te i negozi di casalinghi sono il paese dei balocchi???Più sono forniti e più scatta il desiderio,lo voglio,lo voglio,lo voglio,devo averlo!!!!! I miei ultimi acquisti proprio ieri.Nanniiii non ci crederai ahahah è arrivato ora il tuo pacchetto,hanno bussato mentre scrivevo!!!!!L'ho aperto immediatamente che profumo,non ho scartato i singoli pacchettini e ho solo dato uno sguardo veloce alla lettera,che dirti grazie millissimeeeee ora guarderò tutto con calma ahahah grazie !!Io ho spedito invece tramite corriere ci sono delle cosine che spero non si rompano.Vabbè ho scritto un tetamento ..la contentezza.. ti mando una mail stasera.Buona giornata!!!!

    RispondiElimina
  8. non penserai di non dire niente sulle lochescion degli acquisti...dove dove dove?

    RispondiElimina
  9. Più che una gobbetta ti è venuta una montagna!!!! prima o poi me lo faccio pure io quello stampo....è da un po' che ci filo dietro a queste madeleine.
    Ma quanto è grande il tuo forno? lo stampo piccolo è lunghissimooooooooo!

    RispondiElimina
  10. che meraviglia! delle gobbe (più che gobbette perfette)! sugli stampi e altri accessori ti appoggio in pieno, invece mio marito si lamenta se prendo uno stampo e non lo uso per un anno, ma poi l'ispirazione arriva...

    RispondiElimina
  11. @Marianna: le ultime comprate che ho assaggiato risalgono alla mia infanzia, quindi non ti saprei dire.
    In quasi tutti i dolci che si comprano c'è l'olio (di palma, di cocco, di colza etc...) perchè costa meno del burro, è la ragione per la quale i dolci me li faccio in casa ;-)
    Grazie del commento e a presto!

    @Federica: chissà... ma io sono già fortunato!
    Mi fa piacere vedere che non sono l'unico "collezionista" :-D
    Baci e buona giornata a te!

    @Imma: confermo, va unto bene lo stampo e bisogna sformarle a caldo.
    Grazie per il bel commento!

    @Babs: beh queste erano le prime per me e sono andato sul classico... salate mi incuriosiscono però!
    Beata te che vai in vacanza, io stò contando anche i secondi che mancano ad Agosto...
    Buon mare allora!

    @Lydia: grazie! Anche quelle nel tuo post però mi sembrano venute bene, no?
    Buona giornata e a presto!

    @Stefania: dici che l'escursione termica del deserto fa lo stesso effetto ai cammelli? ;-)
    Grazie e a presto!

    @Nitte: Grazie mille a te!
    Aspetto che arrivi il tuo con trepidazione e curiosità :- DDD
    Buona giornata!!!

    @Monica: ti scrivo privatamente... grazie della visita!

    @Elena: no, è un effetto prospettico, anche se... ci andava precisino :-)
    Grazie del commento e a presto!

    @Francesca: giustamente il marito è esigente, conosce le tue possibilità ;-DD
    Ciao!

    RispondiElimina
  12. Nanni, cavoli sembrano di pasticceria, ma come hai fatto a far venire quella bellissima gobbetta? Stasera ci proverò anch'io (avevo in mente di fare dei muffins ma raddrizzo il tiro)...ti saprò dire!

    RispondiElimina
  13. Come ho fatto? Ho seguito la ricetta quà sopra :-D
    Ok, sono curioso di sapere se ti piacciono
    A presto allora!

    RispondiElimina
  14. Ma che belle scoperte che hai fatto! E che bella "faccia" che hanno questi dolcini: non vedo l'ora di provare la ricetta!

    RispondiElimina
  15. Oddiooooo che invidia! E dov'è il negozio con i saldi?? Anch'io ho cercato lo stampo metallico, ma son tornata a casa con quello di silicone :-( che giace lì da un bel po' di tempo (eh ma allora siamo proprio tutti uguali!). Ma guarda, codeste gobbe fanno venir voglia di provare subito! Ora, se uno stampo solo non basta, pensi che posso lasciare l'impasto in frigo mentre cuocio la prima infornata? e in questo caso, una volta che lo verso negli stampi, posso mettere subito in forno?
    Ma perché riesco sempre a spararti una sfilza di domande?
    Comunque grazie in anticipo per le risposte :-)))

    RispondiElimina
  16. Ecco, mi scappa un'altra domanda:
    miele d'abete...e se non ce l'ho?? ho miele d'acacia, di lavanda, di arancio, di ciliegio, di castagno e di spiaggia (ahah, scommetto che non lo conosci!) ma di abete proprio no! qual'è, secondo te, il migliore fra questi che ho? Grazie

    P.S. e pensare che ero passata dal tuo blog per fare la torta di pesche e nocciole!!

    RispondiElimina
  17. @Perla: hai visto? Per curiosità, si trovano bene le attrezzature da cucina a Madrid?
    No, non stò pensando di fare il viaggio apposta :-))
    Fammi sapere se ti piacciono.
    Buona giornata!

    @Sandra: ma scherzi, fai pure tutte le domande che vuoi!
    Te lo dico sottovoce ma forse già lo sai: Bartolini (Via de'Servi) da mesi fa i saldi per trasferimento in altri locali, ma ora è praticamente vuoto.
    Non è che puoi, DEVI lasciarlo in frigo ;-)
    Se non è troppo caldo secondo me puoi andare direttamente in forno dopo averlo distribuito, dovrebbe bastare...
    Spero di esserti stato utile :-)
    Grazie a te per il commento e a presto

    RispondiElimina
  18. Sandra sei sempre in tempo a fare anche quella, anzi tra le due a me piace di più quella ;-)
    Per il miele metti quello che più ti piace.
    Ciao

    RispondiElimina
  19. Grazie!!
    Acc...credevo che Bartolini avesse finito i saldi a fine maggio! Ah, ma si trasferisce? pensavo chiudesse definitivamente...ffffiiiuuuu, questa è già una buona notizia..sarà caro, ma è l'unico posto dove si può trovare tutto.
    Farò anche la torta, ma la precedenza adesso va alle madeleinettes...mia figlia le adora e poi è giunta l'ora di utilizzare lo stampo (anche se al silicone, sigh!)

    RispondiElimina
  20. Su Bartolini concordo, infatti lo stampo metallico l'ho visto solo lì.
    Se tutto va bene dovrebbero riaprire a novembre sempre in zona Duomo... stringiamo i denti!
    Oh, mi raccomando fammi sapere!! :-D

    RispondiElimina
  21. mi dici quali sono i negozi di attrezzi da cucina dove vai a firenze? con la chiusura di bartolini mi sento orfana...

    belle le madeleines!

    RispondiElimina
  22. Ma sono una meraviglia Nanni queste madeleines! Ti sono venute perfette!
    Non sai come mi sono ritrovata nel tuo post!Anch'io quando entro in uno di quei negozi mi dimentico del tempo, mi incanto come davanti a una gioielleria..

    Ciao e buona serata!

    RispondiElimina
  23. Sai che qui c'e' prativamente un quartiere dedicato ai casalinghi e alle forniture per cucine e ristoranti. Ora vado a vedere meglio cosa trovo...cosi' faró queste madeleines...
    Au revoir...

    RispondiElimina
  24. ho appena inserito nella mia wishlist lo stampo da medeleine!!!
    of course la ricetta con la quale le sperimenterò sarà la tua che sei una garanzia... ciao!

    RispondiElimina
  25. i negozi di casalinghi sono una tentazione troppo forte, specie se ci sono i saldi!:)
    a furia di comprare stampi e stampini avrei bisogno di una casa più grande!eheheheheehehe
    madeleins perfette,belle gobbute e sicuramente deliziose!complimenti Nanni

    RispondiElimina
  26. @Gaia: per fortuna che poi riapre!
    Ma tu non hai un email di contatto?
    Scrivimi privatamente che ti mando gli indirizzi.
    Ciao!

    @Renza: eheheh, lo sapevo che eravamo in diversi ;-))
    Grazie della visita, buona giornata!

    @Glu.fri: addirittura un quartiere!
    Non mancherà proprio niente!
    Ciao!

    @Alessandra: Grazie per la preferenza! (e per il commento) Anche tu hai una wish list?

    @Cris: grazie dei complimenti!
    Io riuscirei a riempire anche una casa più grande! :-D
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  27. ciao Nanni!
    non ho purtroppo il tempo per leggere tutto il tuo interessante post.
    Ma mi è bastata la prima frase.
    Incredibile! Un omo a cui piace fare shopping, e, soprattutto compulsivo e soprasoprattutto di casalinghi!

    ;-)

    Mi chiami la prossima volta?

    RispondiElimina
  28. senti ma quello co' saldi era Bartolini? ;)
    La prossima volta ce lo fai un post in anticipo così veniamo a caccia di rarità con te, risate incluse? =)

    Chiara

    RispondiElimina
  29. Ti avevo scritto un commento, ma come spesso mi capita, non l'ho spedito!! Che addormentata!!!
    Va bè, avevo descritto le mie abitudini nei negozi di casalinghi...lasciamo stare! :P
    Questa madeleines sono stupende!!!

    RispondiElimina
  30. Ricetta presaaaaaaaaaa!!! Ho lo stampo da due anni e ancora non ci ho provato..vediamo che sia la volta giusta!!!
    Baciotti, Laura

    RispondiElimina
  31. @Gaia+Chiara: mmh... che dite ai prossimi saldi facciamo una squadra?
    Volentieri!
    Ciao ciao!

    @Tery: ma dai!
    Grazie per aver ripetuto allora :-)
    Ciao!

    @Laura: anche tu fai stagionare gli stampi?
    Anch'io, poi funzionano meglio!!
    Ahahahah
    Ciao!

    RispondiElimina
  32. Oh, mon ami je t'adore :)
    Ora sono io, a voler essere la tua vicina di casa, non virtuale...
    E' sempre libero l'appartamento?
    ha ha ha
    Mi sembra quasi di sentire il profumino delle madeleines...sniff, sniff
    Bravo, bravo, bravo...i mi Nanni!

    RispondiElimina
  33. Mah, forse è ancora libero... intanto però stasera c'è la riunione di condominio, se vuoi ti firmo la delega! ahahahahahah
    Guarda, ci aggiungo anche qualche Madelinette... No, eh?
    Vabbè ci andrò io... :-))
    Ciao!

    P.S.: Ho risposto al tuo messaggio/ricetta da FB.
    Grazie ancora!

    RispondiElimina
  34. Sìììììì, la gobba è venuta! Anche il sapore è buono, morbide e spugnose, ma non sono soddisfatta dello stampo che ho. E' in silicone e con uno solo si fa male. Devo andare a cercarne uno in metallo e da madeleines, non madeleinettes.

    RispondiElimina
  35. Bene sono contento che ti siano piaciute :-)))
    Quindi cerchi lo stampo grande ed in metallo?.... Buona fortuna!! ;-)

    RispondiElimina

Se ti va puoi lasciare un commento.

Prima di pormi domande tecniche assicurati che:
- quello che chiedi non sia già scritto nel post e non lo hai letto per la fretta
- vuoi realmente riprodurre la ricetta e non domandi tanto per fare, perché io non rispondo così tanto per fare.

I commenti pretenziosi e/o anonimi verranno automaticamente cestinati.

Grazie

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001