venerdì 4 maggio 2012

Panna Cotta al Cacao


Questo sembra essere per me un periodo prolifico in fatto di ricette, erano mesi infatti che non pubblicavo 3 post in una settimana... non garantisco però di riuscire a mantenere questa media "vertiginosa" anche perché sento il bisogno di riposarmi un po' e raccogliere le idee per il futuro prossimo, o giù di lì...

Il dessert nasce prima come sperimentazione e solo successivamente ad assaggio avvenuto ho cercato di identificarlo con un nome corretto.

Anche se all' aspetto rammenta uno di quei budini in scatola di nota marca, non può essere definito budino in quanto manca delle uova e degli amidi e quindi vien da chiedersi perché sulle scatole ci viene scritto budino quando tra gli ingredienti figurano zucchero, aromi e qualche addensante tipo carragenina, ma questa è un'altra storia....

La base è quindi quella di una panna cotta un po' "light"... ora, non voglio prendere in giro nessuno facendo credere che un dolce così possa essere dietetico, ma mettere metà latte in questo caso può essere un buon compromesso con le calorie.

La difficoltà di questo dessert è minima, se si esclude la decottura del caramello della quale non ho messo il quantitativo di acqua perché non è possibile valutarlo esattamente e per la quale quindi ci vuole un occhio unn po' allenato.


Ingredienti per 6 cocottine

Per il caramello
Zucchero 100 gr
Acqua q.b.

Per i dolci
Panna 300 gr
Latte 300 gr
Zucchero 150
Cacao 120 gr
Gelatina in fogli (colla di pesce) 12 gr

Procedimento
Preparare il caramello da distribuire all'interno delle cocottine: in un pentolino a doppio fondo cuocere a secco lo zucchero aggiungendone poco alla volta via via che si scioglie e comincia a colorare.

Su un altro fuoco tenere un pentolino con dell'acqua vicina al punto di ebollizione, al momento che il caramello si è formato aggiungerne un po', poco alla volta e decuocere il caramello portandolo ad una viscosità tale che poi lo si possa versare caldo e distribuire all'interno delle cocottine fredde ruotandole tra le mani, senza che si solidifichi bruscamente come avverrebbe invece con un caramello non decotto.


Una volta distribuito il caramello negli interni preparare il composto gelatinoso mettere quindi la gelatina in fogli a bagno in acqua ben fredda.

Nel frattempo versare in un pentolino latte, panna e zucchero, mescolare per farlo sciogliere e portare poi ad ebollizione.

Togliere dal fuoco e versare sul cacao setacciato in una ciotola girando con una frusta per sciogliere bene i grumi.

Lasciar raffreddare un po' ed aggiungere infine la gelatina ammorbidita e strizzata, mescolare fino a completo scioglimento e lasciar raffreddare.

Quando il composto è raffreddato (<30°), versarlo filtrando con un colino distribuendolo nelle singole cocottine.


Coprire con pellicola e mettere in frigo per una notte per far consolidare la gelatina e permettere al caramello di sciogliersi.

Si possono consumare così...


....no, vero? ;-)))

oppure si smodellano dallo stampino e si mettono in un piatto, nell'operazione il caramello sciolto si verserà automaticamente nel piatto col dessert!


Per smodellare bene conviene staccare un po' di bordo del dolce con il lato piatto di un coltello in maniera da far passare l'aria che permetterà il distacco dallo stampo una volta rovesciato.

Grazie per aver letto fin quì e buon fine settimana!!! :-DDD

32 commenti:

  1. Hai mai visto Gassman, il grande Vittorio, ingurgitare tre panne cotte di seguito con un sol boccone l'uno in 30 secondi netti (lo ha fatto anche in TV un paio di volte)??
    Se non hai presente la scena sappi che per le tue potrei anche arrivare a 5 o 6 sempre che potessi farlo ovviamente! :P heheheheheeh
    Mi segno il bilanciamento e penso che lo rifarò a breve anche se non per me...ti faccio sapere che ne pensano pur non avendo ombra di dubbio in merito.
    PS
    Dici che mio cognato è una fogna se aggiunge fondente fuso sopra...(non scherzo!)

    RispondiElimina
  2. Ahahah, quella delle panne cotte di Gassman mi manca, chissà perché invece riesco perfettamente ad immaginare te nell'atto di "diluviarne" (cit. da "Pinocchio" - C.Collodi) anche 5-6!! ahahahah ;-PPP

    Tuo cognato mi farebbe paura invitarlo a pranzo, ma tu non dirglielo... ;-)))

    RispondiElimina
  3. Se fa paura a me...trovo comprensibilissima la tua affermazione. Piuttosto la prox settimana ti giro una foto di come l'ho "atterrato" nel we. Non è una cosa che penso pubblicherò e quindi ti faccio vedere il calibro dei "proiettili" con il quale l'ho steso! :P ahahahahahahaha

    RispondiElimina
  4. non ti riconoscevo senza cacao e cioccolato! :-D
    come sempre ci prendi per la gola, fai benissimo!!!
    ciao
    Francesca

    RispondiElimina
  5. ok, light nn è però almeno nn ci son le uova e volendo si può sostituire il latte di mucca con latte di mandorla o riso, vero? e lo zucchero bianco con zucchero di canna..e la gelatina con agar agar..vabbè sarebbe un'altra ricetta e la tua direi che è perfetta cosi!!

    RispondiElimina
  6. @Gambetto: Capisco, calibro non convenzionale quindi l'immagine deve rimanere segreta... ahahahah ;-PPP

    @Francesca: dì la verità, cominciavi a preoccuparti! ;-)))
    Grazie carissima, buon fine settimana!

    @Cleare: certo, si può variare ma la ricetta poi va aggiustata caso per caso.
    Grazie per la tua visita e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia!! un baceione

    RispondiElimina
  8. @Olga: grazie! Un bacione a te e buon fine settimana!

    @Mariangela: te gusta?? ;-) Grazie e a presto!

    RispondiElimina
  9. Si possono usare stampini di silicone invece delle con ottiene? Non sono tanto pratica e non vorrei fare un pasticcio...

    RispondiElimina
  10. Cocottine, stupida tastiera che cambia le parole se uno non sta attento!

    RispondiElimina
  11. Credo si possa usare anche con del buon silicone ma per sicurezza aspetta a versarci il caramello decotto, che sia un po' raffreddato.
    Io col silicone preferisco comunque fare solo cose a freddo.
    Ciao!

    RispondiElimina
  12. mia!questo lo faccio e e poi la foto invita moltissimo!

    RispondiElimina
  13. Allora mi auguro vi piaccia! :-D
    Grazie e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  14. La panna cotta al cacao... uno dei miei sogni proibiti!
    Grazie mille per questa ricetta che spero di fare appena possibile.

    Gabriella

    RispondiElimina
  15. Figurati, grazie a te per il commento!
    Qualsiasi cosa pur di far coronare un sogno proibito altrui! ;-)))
    Ciao

    RispondiElimina
  16. Sono fan della panna cotta, ma questa mi mancava proprio! Devo assolutamente recuperare ;)

    RispondiElimina
  17. Amo la panna cotta, quella fatta bene, io riesco a fare decentemente quella normale.... Questa è di un goloso da delirio!!!! Oddio, con il caramello ho un rapporto odio-amore ma.....
    Sei sempre un grande! Buon fine settimana carissimo!

    RispondiElimina
  18. Non lo avevo mai mangiato al cioccolato!é da provare!
    Non sapevo che si poteva sformare la panna cotta con la parte piatta del coltello.
    Io di solito mettevo gli stampi in acqua calda,l'unico inconveniente è che si scioglie un pò tralasciando una parte liquida.

    RispondiElimina
  19. @Jane: serviti pure! Ciao!

    @Eleonora: ma grazie! Buona domenica!

    @Gwendy: un modo vale l'altro, con questo dessert mi sono trovato bene così ;-)
    Grazie e a presto!

    RispondiElimina
  20. Ricetta goduriosissima, come sempre le tue del resto!

    RispondiElimina
  21. leggerti è sempre un vero piacere,Nanni!!pare di vederti all'opera,tanto sono chiari i tuoi procedimenti scritti!!un dolce meraviglio,che mette l'acquolina,solo a vederlo..ed è anche molto bella la sua presentazione!!complimenti e buon lavoro per i tuoi corsi!!!;0))

    RispondiElimina
  22. dolcetti facilissimi, ottimi da preparare il giorno prima se abbiamo degli amici a cena, e poi cosa importantissima "fatti in casa", senza bustine (che odio). vuoi mettere?
    grazie nanni, prendo e segno sul mio librino di ricette, sei un grande!

    RispondiElimina
  23. p.s. è che alla panna cotta al cioccolato nn ci avevo pensato...

    RispondiElimina
  24. Ecco...sono un momento impegnata con ospiti e comunioni e tu mi pubblichi tre post uno dopo l'altro e, soprattutto, uno più interessante dell'altro!

    Non ci crederai ma la panna cotta, così semplice da preparare, mi si separa sempre in due parti: sotto più compatta e sopra più gelatinosa. Studiando il tuo procedimento vedo che io non uso il colino quando la verso nelle cocottine...che sia per quello?

    RispondiElimina
  25. @Antonietta: grazie! Sono contento che faccia questo effetto! :-D
    A presto!

    @Elisabetta: grazie carissima! Coi corsi farò una pausa di qualche settimana, mi auguro così di potermi dedicare un po' maglio al blog. A presto!

    @mammadeglialieni: si è ottima come dessert veloce.
    Le bustine quì non vanno neanche nominate! ;-)))
    Ciao

    @Virò: Ciao! Ma io so che ti rimetterai subito in pari... ;-)
    Il colino io lo uso per questa al cacao perché non si scioglie mai perfettamente. La precipitazione della gelatina secondo me può capitare se si cola prematuramente prima che il composto sia raffreddato abbastanza, prova ad aspettare a distribuirlo nelle forme mescolandolo nel frattempo.
    A presto!

    RispondiElimina
  26. Wow Nanni! non si era più abituati a tutti questi post.. devo mettermi al passo, iniziando da questa panna cotta quasi light :) a presto!

    RispondiElimina
  27. No neanch'io c'ero più abituato! eheheheh ;-)
    Grazie per la visita e a presto!

    RispondiElimina
  28. mmm, che buono il budino! a occhio mi sembra perfetto, sì sì!!!

    RispondiElimina
  29. Grazie Donatella! Perfetto non lo so, però era buono! ;-)))
    Ciao

    RispondiElimina
  30. Madò Giovanni, come faccio a commentare con questa acquolina? che desiderio mi hai fatto veniree...
    non passo più da qui, quando sono a dieta, ecco...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  31. Mi toccherà pubblicare solo ricette light d'ora in poi! ;-)))
    Un abbraccio a te

    RispondiElimina

Se ti va puoi lasciare un commento.

Prima di pormi domande tecniche assicurati che:
- quello che chiedi non sia già scritto nel post e non lo hai letto per la fretta
- vuoi realmente riprodurre la ricetta e non domandi tanto per fare, perché io non rispondo così tanto per fare.

I commenti pretenziosi e/o anonimi verranno automaticamente cestinati.

Grazie

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001