lunedì 24 gennaio 2011

Crostata ai tre sapori


Questa crostata è nata tipicamente per esigenza di smaltimento di alcuni ingredienti prossimi alla scadenza distribuiti tra congelatore, frigo e dispensa.

Siccome il pezzo forte da smaltire era una palletta di pasta frolla, la base è dunque quella della crostata, la cottura che ho prescelto però è quella in bianco per via degli ingredienti della farcitura.

Sulla farcitura qualche parola in più... intanto non avevo neanche un uovo a disposizone... e poi è una farcitura doppia per qualche ragione in più del semplice smaltimento...

Infatti, le due creme prese singolarmente come unico ripieno sarebbero eccessive chi per un verso chi per l'altro... la ganache alla nocciola per la grassezza che la la base di pasta frolla metterebbe ancor più in risalto, la crema di riso al contrario per la "sabbiosità" della texture.

Usate assieme secondo me, le due creme si bilanciano e si complementano, l'amaretto sbriciolato chiude poi il quadro dei sapori legandosi perfettamente con entrambe.

Le dosi indicate dovrebbero esser giuste per una tortiera di 25-26 cm di diametro, le creme che ho fatto in partenza erano un po' più abbondanti... nello stilare la ricetta quà sotto comunque dovrei aver calcolato giusto.


Ingredienti
Pasta frolla 550 gr circa (vedi dosi e procedimento in questa ricetta)
Latte 250 ml
Farina di riso 100 gr
Latte condensato zuccherato 100 gr
Cioccolato al latte 90 gr
Panna 90 gr
Farina di nocciole 90 gr
Amaretti sbriciolati 30 gr


Procedimento
Stendere la pasta frolla nella tortiera e cuocerla "in bianco", ovvero foderare internamente con alluminio, riempire di legumi e mettere in forno già caldo.


Cuocere 15' a 170° nella parte bassa, successivamente togliere il foglio coi legumi e finire di cuocere per altri 5-10'.

Togliere dal forno e lasciar raffreddare, successivamente sformare e porre sul piatto di portata.

Nel frattempo preparare la crema di riso riscaldando il latte e gettandoci a pioggia la farina di riso.

Cuocere a fuoco lento finché comincia ad addensare (attenzione ai grumi!) dopodiché aggiungere il latte condensato zuccherato e cuocere ancora pochi minuti finché è ben addensata.

Togliere dal fuoco e lasciar raffreddare mescolando di tanto in tanto per non lasciar formare la patina secca in superficie.

Metter in frigo un ora a raffreddare ulteriormente.

Preparare la ganache mettendo il cioccolato finemente tritato in una ciotola, portare a bollore la panna e gettarla d'un colpo sul cioccolato, mescolare rapidamente per amalgamare ed infine aggiungere la farina di nocciole precedentemente setacciata.

Spalmare la ganache di nocciole sul fondo della crostata fredda,


mettere la crema di riso fredda in un sac-a-poche con bocchetta a stella e distribuirla in alcune file equidistanti lasciando tra loro lo spazio per posare altrettante file.



Tritare finemente gli amaretti, spolverizzare l'intera superficie della torta dopodiché con il composto rimanente nel sac-a-poche completare riempiendo le file vuote.

46 commenti:

  1. direi deliziosa,e' bella da vedere e sicuramente molto buona.
    complimenti-
    ti auguro buona settimana

    RispondiElimina
  2. Acciderbolina,
    che ci si deve inventare per fare u pulito... Non vedo l'ora di fare un po' di pulizie pure io!

    ps. interessante la crema senza uova!

    RispondiElimina
  3. Andrà riveduto e corretto un famoso slogan...three is mejo che one! Evviva le pulizie con questi risultati :D! La crema senza uova potrebbe placare i miei sensi di colpa :) Un abbraccio, buona settimana

    RispondiElimina
  4. caro nanni buon lunedi e come sempre quando passo da te vengo stregata dalla tua bravura e dalle tue prelibatezze come questa crostata dal guscio delizioso e dal ripieno goduriosooooooooo!!bacioni imma

    RispondiElimina
  5. Ciao Nanni! un'insolita crostata! Fantastica!il latte condensato zuccherato si trova facilmente? ho a casa della farina di riso, e vorrei fare la crema che hai prepararato tu! ciao a presto..

    RispondiElimina
  6. sono le 10.22 e già ho l'acquolina in bocca... ci farei un sostanzioso spuntino con una fettina di questa delizia!!! Che meraviglia! :o)

    RispondiElimina
  7. un'altra ricetta da prendere e mettere tra i "da provare"... beh per il moemnto posso dire di aver provato a seguire la tua ricetta per la torta della nonna e ne sono rimasta entusiasta... bravissimo come sempre! Buon inizio di settimana!

    RispondiElimina
  8. @antonella: grazie e buona settimana a te!

    @Gaia: la crema di riso mi ricorda un po' le pappine dello svezzamento... ;-)
    Per fare pulito per bene ci vorrebbere diverse altre ricette!!
    Buona settimana!

    @Federica: per la crema ho dovuto fare di necessità virtù! ;-)
    Un abbraccio e buona settimana a te!

    @Imma: grazie carissima! Sei troppo buona con me!
    Bacioni e buona settimana a te!

    @Valentina: se fai la crema a se stante puoi metterci anche lo zucchero semolato o vanigliato al posto del latte condensato, regolati tu assaggiando per la quantità.
    Attenzione però che la consistenza è un po' sabbiosa, sbriciolaci dentro qualche amaretto e l'insieme diventa più gradevole! ;-))
    A presto!

    @Crysania: io ci ho fatto colazione stamani... ;-PPP
    Grazie e buona giornata!

    RispondiElimina
  9. Ciao!
    Scusa tantissimo l’effetto “spam”, ma abbiamo pochissimo tempo per avvisare tutti! Dopo il successo della precedente contro l’omofobia, decolla una nuova iniziativa food-bloggers contro l’atteggiamento indegno del Governo nei confronti delle donne. Qui trovi tutte le info. Vieni a leggere, grazie!
    http://merendasinoira.wordpress.com/2011/01/24/entro-il-6-febbraio-liberiamoci-del-maiale/
    http://kemikonti.blogspot.com/2011/01/nuovo-post.html

    RispondiElimina
  10. Direi assolutamente meravigliosa!!!

    RispondiElimina
  11. @n.: ma grazie!! Sono felicissimo ti sia piaciuta! :-))))
    A presto!

    @Norma: grazie per l'invito, vengo a vedere...

    @Francesca: grazie! Buona giornata :-)

    RispondiElimina
  12. Deve essere deliziosa ed è anche bellissima da vedere con quell'alternanza di righe. La ganache di nocciole sembra deliziosa...non so se in casa mia sarebbe sopravvissuta alla prova assaggio!

    RispondiElimina
  13. qui stiamo tutti influenzati... ma non so com'è quando vedo 'ste cose mi sento quasi meglio.... baci febbricitanti!

    RispondiElimina
  14. Ahhhhhhhhh sei in anticipo sulle pulizie di primavera!!!! :-)

    Ottimo, vedo pure il latte condensato tra gli ingredienti...

    RispondiElimina
  15. Che eri un maestro ed anche un mago lo sapevo già...la tua fama ti precede!!!

    Grazie per tutti i fantastici consigli che ci passi!!! Spero un giorno di fare uno dei tuoi corsi...ciao e buona giornata, Flavia

    RispondiElimina
  16. la fantasia parte anche dalle necessità tipo finire gli avanzi, certo che tu mi stupisci sempre, che delizia! e dalla tua descrizione mi rimane una voglia di addentarla....!
    Ciao!

    RispondiElimina
  17. Un riciclo da urlo Nanni!Non potevi far di meglio...anzi no...
    sono sicura che mi stupirai ancora!:D
    Aspetto il porssimo dolcetto!

    RispondiElimina
  18. @Elena: è un disegno piuttosto classico, si va sul sicuro! ;-)
    Col seno di poi quella ganache l'avrei fatta col fondente...
    Grazie e a presto!

    @Cristina: allora vedrai come starai meglio domenica! ;-)))
    Baci a te!

    @Stefania: scherzi? Se non rimetto un po' a posto la signora mi caccia!! Sapevo che quell'ingrediente non ti sarebbe sfuggito... ;-)
    ciao!

    @Flavia: grazie, troppo buona con me... ;-)
    Mi auguro anch'io di trovarti presto in un occasione del genere! ;-) Casomai scrivimi privatamente.

    @Angelica: grazie! :-))

    @Francesca: te ne tengo da parte una fetta? ;-) Grazie e a presto!

    @Cranberry: ma grazie! Sono contento che ti piaccia.
    Credo però che il prossimo post non sarà un dolcetto... ;-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  19. Un patchwork di golosità complementari tra loro davvero bello!
    Solo tu ci riesci in simili miracoli, altro che riciclo prima della scadenza! :P ehehhehheh
    La crostata mi piace davvero parecchio, a dire il vero anche io ho indugiato un pò sull'uso del latte condensato zuccherato ma non per qualche motivo specifico solo che realmente non l'ho mai adoperato in cucina e come tutte le cose leggermente 'lontane' devo prima farle mie :P eeheheehehe
    Oltre ai corsi di pasticceria ma un corso sul come individuare la migliore 'compbinazione' per 'sdoganare' gli avanzi no!? :P ahahhahahahah....mi sa che anche li avresti la fila come al primo ;P
    Un abbraccio ed alla prox :))

    RispondiElimina
  20. Dev'essere stata deliziosa tutta quella crema mette una gola... e poi è bellissima *_*
    Sei stato bravissimo ^_^

    RispondiElimina
  21. bhe, se ogni volta che scuoti le dispense & co. escono questi capolavori allora fallo più spesso! :D

    RispondiElimina
  22. Ma com'è che le tue ricette da riciclo sono sempre così fantastiche?????
    Bellissima questa crostata!!!

    RispondiElimina
  23. Ma questa è pasticceria professionale!!! Quando apriamo una pasticceria insieme??? eheheh....bravissimo, ciao Gianni

    RispondiElimina
  24. Altro che avanzi, qui si parla di ingredienti prestigiosi e, soprattutto, preparazioni di prima qualità, come ormai ci hai abituato.

    Grande, Nanni. Non solo nelle idee, ma anche nel presentarcele così dettagliatamente, as usual.

    :))

    RispondiElimina
  25. Eccomi arrivo: sono la fan numero 1 della cucina con gli avanzi!!!! Se poi i risultati sono anche così belli (e non immagino quanto buoni...!!!) meglio ancora!!

    RispondiElimina
  26. Per essere un riciclo questa crostata è una meraviglia!!!
    Ciao Nanni e buona settimana!

    RispondiElimina
  27. Dolce splendido, come sempre...

    Una curiosità: come mai, viste le caratteristiche diverse della crema e della ganache, non le hai alternate a strisce? Non sarebbe stato ancora più carino l'effetto cromatico? O forse sarebbe sembrata una brutta copia della Saint Honorè?

    RispondiElimina
  28. Mamma che goduriosa!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  29. @Gambetto: il latte condensato ce l'ho messo perché ne avevo un tubetto avviato in frigo, altrimenti avrei usato semplicemente zucchero semolato. Per sdoganare le rimanenze alle volte vengono fuori cose non proprio presentabili, stavolta è andata meglio... ;-)
    Un abbraccio a te e a presto!

    @Erica: ma grazie! Volendo posso anche provare a migliorarla... ;-)
    A presto!

    @Federica: accetto volentieri il tuo invito anche perché dispense ed affini sono ancora tutto fuorché in ordine... ;-)
    Ciao!

    @Tery: grazie mille carissima! ... èper via della mia "coscienza ecologica"...;-PPP
    Ciao!

    @Gianni: così rimaniamo ancora "colleghi"! Grazie mille e buona giornata!

    @Zio Piero: sei sempre troppo buono amico mio :-)
    Grazie e ... a molto presto!

    @Eleonora: io allora sono il fan n°2! ;-))) Grazie mille e a presto!

    @Renza: grazie mille!! Buona settimana a te! :-)

    @Virò: visto che le chiedi ti espongo tutto il mio ragionamento:
    avevo una farina di nocciole un po' grossolana, la ganache si distribuiva peggio col sac-a-poche (rischia di intasare) ma la ragioni sono altre: le creme sono molto diverse per natura, gusto e quantità, la ganache è molta meno, più gustosa e grossolana.
    Lo strato di ganache sulla frolla (teoricamente) servirebbe ad isolare dalla crema di riso e mantenere quindi la frolla più asciutta col passare delle ore.

    Grazie mille e... a molto presto!


    @Gloria: grazie dei complimenti!!
    Buona giornata! :-)

    RispondiElimina
  30. Senti, Nanni... in ogni modo la pupi chiamare ma NON ricetta svuotafrigo!! Nessuno ci crederebbe... :D
    Così equilibrata!

    RispondiElimina
  31. Infatti il frigo è ancora pieno di roba da smaltire!!! eheheheheh ;-)))
    Ciao!

    RispondiElimina
  32. in ritardo ma arrivo!
    grandissimo nanni! ma quando vieni a milano???? devi assolutamente farmelo sapere :)
    un bacione
    b

    RispondiElimina
  33. Carissima! Spero di riuscire ad organizzarmi per Marzo, ovviamente ti avviso quando ho qualcosa di sicuro.
    So che hai una settimana molto impegnativa ed anche la mia non sarà da meno! ;-)
    Buon tutto!

    RispondiElimina
  34. Mannaggia che non potrò seguire il tuo corso a Roma...uffa!!! Spero però che tornerai presto... Questa crostata mi sembra una ricetta perfetta anche per una quasi-neofita dei dolci come me.. Pensavo che sarebbero bellissime anche monoporzionate (a tortine)... quasi quasi ci provo...
    Complimenti per il tuo blog e per le ricette sempre precise e golose :))
    A presto
    Eli

    RispondiElimina
  35. Un altro corso a Roma? Me lo auguro anch'io! ;-)
    Grazie per i complimenti e fammi sapere se l'esperimento ha soddisfatto le aspettative! ;-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  36. Giusto: all'impermeabilizzazione non ci avevo pensato ed in effetti è il problema maggiore delle frolle...

    Grazie della pazienza e a prestissimo...

    RispondiElimina
  37. ... delle frolle e delle sfogliate!
    Grazie a te per i commenti stimolanti :-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  38. Alla faccia del reciclo, che spettacolo!! Se questo ti viene fuori da ingredienti prossimi "al cestino" pensa con quelli "programmati per". Complimenti!!

    RispondiElimina
  39. Grazie per i complimenti!
    A presto!! :-))

    RispondiElimina
  40. Ciao Nanni, piacere di conoscerti! Sono arrivata al tuo blog tramite la ricetta del Tartufo sul blog di Zasusa!
    Wow, hai un blog davvero strepitoso, le tue creazioni sono spettacolari, m'incanto a guardare tutte queste meraviglie!
    Da oggi ti "seguo" anch'io, così non mi perdo nessuna delle tue meraviglie! ;-)

    A presto
    Minu'

    RispondiElimina
  41. che bello il tuo blog!! .. mi segno subito tra i tuoi sostenitori così non ti perdo più di vista..
    Paola

    RispondiElimina
  42. ciao nanninanni...
    ti ho scoperto sul blog di zasusa ti ha rammentato e sono subito corsa a vedere e devo dire il vero ho dato un occhiata veloce al tuo blog ma mi sono inserita nei tuoi sostenitori perchè e molto interessante...e se ho bisogno di qualche consiglio e aiuto ti terrò presente
    by da lia

    RispondiElimina
  43. buonissima questa crostata! non conosco la crema di riso, ma è molto particolare e soprattutto senza glutine, mi incuriosisce molto.
    buona serata e complimenti
    ciao.
    ps. il primo messaggio scritto si è cancellato, almeno credo, in caso contrario...fai finta di nulla :-)

    RispondiElimina
  44. @Vale: Grazie mille! A presto!!

    @Minù: ma grazie! Mi auguro di meravigliarti ancora in futuro! ;-)
    Ciao

    @Paola: ma benvenuta!! Grazie del tuo sostegno!

    @lia: ciao e benvenuta anche a te! Mi auguro di poterti essere d'aiuto se serve :-)
    Ciao

    @Sonia: già credo proprio che cambiando appena la frolla verrebbe una perfetta ricetta GF :-)
    Grazie e buonanotte

    RispondiElimina

Se ti va puoi lasciare un commento.

Prima di pormi domande tecniche assicurati che:
- quello che chiedi non sia già scritto nel post e non lo hai letto per la fretta
- vuoi realmente riprodurre la ricetta e non domandi tanto per fare, perché io non rispondo così tanto per fare.

I commenti pretenziosi e/o anonimi verranno automaticamente cestinati.

Grazie

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001