lunedì 8 novembre 2010

"Ginevrini" & Reportage del corso


La ricetta di oggi l'ho dovuta eseguire e pubblicare per rimediare ad un mio recentissimo errore di suggerimento...

Come alcuni di voi ricorderanno sabato scorso ho inaugurato i miei corsi sul cioccolato.

In questa occasione ho avuto la fortuna di conoscere ed avere come allieva/apprendista tra gli altri la bella Saretta autrice del blog "L'appetito vien leggendo" (quì il suo reportage del corso).


Una ragazza davvero in gamba, curiosa, spiritosa e con una passione divertita (cioè quella giusta) per quello che fa.

Vi dico solo che si è fatta 6 ore di macchina solo per venire e ritornare dal corso!!

All'inizio ho fatto un fuori programma nel quale ho mostrato come si fa il fondente di zucchero (quello che serve per i boeri).

Siccome Sara mi chiedeva se poteva essere adatto per fare le caramelle di fondente le ho dato quella che a memoria ricordavo fosse la ricetta dei "Ginevrini", che sono quelle caramelline variamente colorate ed aromatizzate a forma di bottoncino.

Una volta tornato a casa ho verificato che il procedimento era un altro e così, siccome sono anche veloci da farsi, in quattro e quattr'otto ne ho fatti una piccola dose per poter pubblicare la ricetta e rimediare all'equivoco.

Sperando che Sara mi perdoni la svista, intanto il piccolo chef ringrazia... ;-)))


Ingredienti
Zucchero al velo 200 gr
Acqua 2 cucchiai
Essenza di menta 5 gocce (oppure vaniglia o arancio se si preferisce)
Coloranti alimentari (facoltativi)

Procedimento
Versare lo zucchero e l'acqua in un pentolino con il fondo pesante e cuocere mescolando continuamente a fuoco basso.

In questa ricetta per verificare la cottura dello zucchero io non ho usato il termometro ma mi sono regolato ad occhio, presumibilmente la temperatura da raggiungere è il grado della piccola bolla ovvero 115°.

Praticamente quando una goccia del composto messa su un piatto forma una bollicina alta anziché allargarsi a goccia vuol dire che è pronta.

Viceversa se si cuoce ancora e si supera il punto giusto, lo zucchero si asciuga completamente e diventa un mucchio di briciole inutilizzabile.

Prima di arrivare a quel punto lo zucchero gonfia già come una schiuma, quando si reputa che sia cotto si aggiungono mescolando le 4-5 gocce di essenza dell'aroma che si preferisce (io ho messo menta piperita, ed i vapori mi hanno fatto lacrimare all'istante!!!) ed eventualmente due gocce di colorante per alimenti.

Per fare più colori dividere in partenza lo zucchero in più parti e procedere analogamente a diverse cotture.

Quando si è verificato dunque che il composto è pronto per essere distribuito ed è aromatizzato e colorato, si toglie il pentolino dal fuoco e con un cucchiaio lo si distribuisce poche gocce alla volta in tanti bottoncini distanziati tra loro su un foglio di carta forno ben steso.

Lasciar asciugare ed infine distaccarli dalla carta forno passandoci sotto delicatamente con una lama sottile.

Conservarle chiuse in un vasetto o in una scatolina in luogo fresco ed asciutto.

--------------------------------------------------------------------------------------------

Di seguito per gli interessati un piccolo reportage del corso.

Nonostante qualche problema strettamente tecnico e non determinante tipo una bilancia impazzita da subito, qualche problema di compatibilità tra il mio netbook e lo schermo TV ed il telecomando del lettore DVD, è andato tutto bene ;-)

Raffaella si è confermata essere un ospite accogliente, attenta e premurosa, i partecipanti (tutti neofiti assoluti o quasi) sono stati bravissimi, non hanno sbagliato un temperaggio ed hanno realizzato dei cioccolatini perfettamente lucidi (e queste vi giuro son soddisfazioni!!).




Ecco il frutto del loro lavoro:


Le mie foto non sono il massimo, ma credo rendano abbastanza bene l'idea di quanto l'ingrediente trattato, per la sua bontà abbia creato da subito l'atmosfera giusta.

P.S.: Ieri le mie mani ancora profumavano di cioccolato! :-PPP
Buona settimana a tutti!!!

32 commenti:

  1. La prossima volta non potrò mancare.
    Ho visto certe cose che se riuscissi a farle mi sentirei un genio!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Sono sempre più dell'idea che non me lo posso perdere! Attendo newwwwwwwwwwwwws per le prossime date ^__^ A presto

    RispondiElimina
  3. Mamma mia che bello, davvero interessantissimo, anche per me che non amo il cioccolato, cioè non amo mangiarlo, ma adoro usarlo in ogni sua forma per servirlo.
    Aomplimenti per tutto e buona settimana

    RispondiElimina
  4. mi sa tanto che al tuo prossimo corso ci sarà la fila! grandissimo nanni :)
    ciao!

    RispondiElimina
  5. Mamma mia Nanni ho guardato il reportage di Saretta...davvero favoloso!!! direi che ne è valsa la pena di farsi 6 ore di macchina.

    Queste caramelline mi hanno fatto tornare in mente la mia infanzia...mia nonna me ne faceva sempre trovare in un vaso quando andavo a trovarla. Sono anni che non le vedevo, non sapevo neanche come si chiamassero. Grazie della ricetta, voglio provare a farle.

    RispondiElimina
  6. sono stati bravissimi! e nemmeno si sono sporcati tanto, sembra!!
    non vedo l'ora che sia il 21!!

    Ho gia' il profumo di cacao in testa!!
    bravissimo/i!

    RispondiElimina
  7. Più semplice di quello che si pensava allora?!Niente glucosio, niente sac à poche, niente piano di marmo ma solo acqua, zucchero, carta da forno, aroma e nel mio caso il TERMOMETRO(ora che ce l'ho ne approfitto ;-))?!. Poi ti faccio sapere come è andata.
    Grazie mille per le belle parole scritte nei miei confronti e per tutte le preziose nozioni che mi hai trasmesso!!!E fare sei ore di viaggio per il tuo corso non mi è pesato per niente, anzi ripartirei pure subito ;-). A presto!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  8. Il corso sembra essere stata una figata e quelle caramelline sono allegre e coloratissime =)

    RispondiElimina
  9. Ma che bravi!!!
    I tuoi allievi sono stati bravissimi e sicuramente grazie alle ottime capacità del maestro!!
    Anche le caramelline sono simpaticissime, complimenti!!

    RispondiElimina
  10. nanni che belle le foto del corso cosa avrei dato per esserci e anche questi ginevrini sono una goduria ma quei cioccolattini di sotto mi tentano troppo!!bacioni imma

    RispondiElimina
  11. Nanni confermo che avere ospitato un corso tuo è stato davvero un onore , penso che tu sia un artista del cioccolato e hai una capacità di spiegazione talmente chiara ed efficace che non è difficile credere che il risultato dei cioccolatini creati dai partecipanti sia stato ottimo , con un maestro generoso e attento come te per me non c'erano dubbi. Bravissimo!

    RispondiElimina
  12. Mi metto in coda per il prossimo corso!!! :-p

    RispondiElimina
  13. Caspita che meraviglie avete creato! Congratulinazioni, Nanni, per questa tua iniziativa e a tutti i partecipanti che magari non credevano di poter fare certe robine da urlo con le proprie manine. Bravi!

    RispondiElimina
  14. @Lydia: perdonami la confidenza ma per me tu SEI un genio! :-)
    A presto!

    @Federica: ok ti faccio sapere per le prossime date ;-)
    Grazie e a presto!

    @blunotte: grazie! Il cioccolato affascina chiunque, anche i non-choco-addicted ;-)
    Ciao!

    @Babs: ahahah, io me lo auguro! ;-)
    Grazie carissima, buona giornata!

    @Elena: sul perché si chiamino così non sono riuscito a trovare nessuna traccia, però li ho sempre sentiti chiamare ginevrini.
    Grazie a te e a presto!

    @Gaia: anch'io non vedo l'ora, vedrai che ci divertiremo! ;-)
    ciao!

    @Saretta: si, così ho fatto io ieri, anzi senza il termometro.
    Le parole che ho scritto non potevano essere diverse, ti ringrazio ancora per l'impegno e l'interesse che ci hai messo.
    A presto!

    @Cey: quello che non ho detto è che è stato anche faticoso ;-D
    Grazie per la tua visita!

    @Tery: io ci ho messo tutto l'impegno, ma loro sono stati davvero super!
    Le caramelline sono molto allegre, il mio piccolo chef ci ha giocato un bel po' mentre se le pappava.
    Grazie e a presto!

    @Imma: il cioccolato per me batte qualsiasi caramella ;-)
    Grazie e bacioni a te!!

    @Raffaella: ma grazie! Io credo che a molto abbia contribuito anche la bellissima location che ci hai messo a disposizione.
    Grazie ancora e a presto! ;-)

    @Mapi: ok, scrivimi privatamente
    e ci accordiamo.
    Grazie e a presto!

    @Tiz: Credo che i partecipanti leggeranno il tuo commento, intatno ti ringrazio anche a nome loro :-)
    Buona giornata e a presto!

    RispondiElimina
  15. Invidia,Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, Invidia, : ) : ) : ) : )
    cerca di diventare presto un famoso maitre chocolatier economico e venire presto a Torino, eh!!!! ; )
    Buona settimana e in bocca al lupo con i tuoi corsi,
    baci : * *

    RispondiElimina
  16. Grande Nannibis! Che spettacolo quelle realizzazioni. Bravissimi tutti!!

    OK, la prima è andata...
    Chissà se la seconda....
    (numme faffa' promesse, eh?)
    ;-)

    RispondiElimina
  17. Ma dai! ho visto quelle caramelle al supermercato, e ho pensato: che peccato, costano un sacco! Ora posso farle a casa, wow!!!
    e doppio Wow per il corso: bravissimo! lo sapevo che avrebbero imparato subito con un maestro come te! una bella soddisfazione davvero :-D
    ah! tutta quella cioccolata....
    Francesca

    RispondiElimina
  18. Nanni, a te piace scherzare!!! ;-0

    RispondiElimina
  19. sono una lettrice silenziosa del suo blog, ma spero presto di poter partecipare ad uno dei suoi corsi sul cioccolato!
    che felicità deve esser stata "sfornare" dalle proprie mani cioccolatini così!
    claudia

    RispondiElimina
  20. Che Nanni sia un fuoriclasse non lo si scopre certo adesso ma che sia anche un bravo insegnante, generoso, competente e soprattutto "uno della porta accanto" beh questo non è proprio da tutti.
    Il corso è la conferma di quello che molti di noi sanno già e come mi accade pochissime volte sono sinceramente contento del tuo successo perchè è un raro caso di professionalità abbinata ad una bella persona :)
    Complimenti davvero :)

    RispondiElimina
  21. Non sono amante di caramelle, ma di cioccolato eccome!!!!

    RispondiElimina
  22. Wow...che bei dolcetti!!!
    Bravissimi i tuoi allievi...e una cosa...tu sei quello che fa il figo con il grembiule nero rigato?
    :O
    Nonno...insieme allo zio siete stati i colpevoli di questo:P
    http://cappuccinoandcornetto.blogspot.com/2010/11/bon-bon-al-cioccolato-bianco.html
    baci ^_^

    RispondiElimina
  23. @Vicky: ...spero sia invidia di quella buona! ;-)
    Grazie per la tua visita :-)

    @Flavia: intanto, crepi il lupo!!!
    Torino è un po' lontana... Roma ti andrebbe bene lo stesso? ;-)

    @ZioPiero: sono stati bravissimi davvero, io ai miei primi temperaggi feci certi disastri!!

    Il turno del 21 però è al completo, se vuoi passare come ospite sei il benvenuto, lo sai :-)
    Sentiamoci piuttosto ;-)

    @Francesca: ciao carissima! è un eresia che le facciano pagare tanto, sono poco più che zucchero cotto!
    Uh, la soddisfazione è stata tanta e... proporzionale alla fatica!
    A presto!

    @Lydia: mi piace scherzare, ma ogni tanto scrivo anche seriamente ;-D
    A presto!

    @Claudia: grazie allora per il messaggio allo scoperto :-)

    Per i corsi, se vuoi, scrivimi pure privatamente così ti aggiorno su cosa bolle in pentola ;-)
    A presto!

    @Gambetto: non sai che darei per essere davvero il tuo vicino della porta accanto! Sai che viavai di torte, rustici e quant'altro per quel pianerottolo! ;-)))
    Grazie per i complimenti ormai è una frase scontata... diciamo grazie e basta!
    Ciao!

    @Eleonora: anche per me cacao batte zucchero 10 a 0 ;-)
    Ciao!

    @Cranberry: no, io sono quello con la pettinatura alla moda ahahahahah ;-)
    Vengo a vedere quello che hai creato.
    Baci a te!

    RispondiElimina
  24. ...Nanni devi fare dei video in podcast !! I ginevrini mi ricordano l'infanzia, i miei non me li compravano perché ero vcapace di mangiarmi tutto il pacchetto in un paio di minuti....Sai che solo adesso mi rendo conto che non sono una cosa magica ma che si possono fare !!
    Baci

    RispondiElimina
  25. Che meraviglia!

    Non so se mi piacciono di più i prodotti finali o l'atmosfera allo stesso tempo informale ma professionale che si intuisce dalle foto!...

    RispondiElimina
  26. che spettacolo!!! amo il cioccolato...sono stati tutti bravissimi!
    complimenti

    RispondiElimina
  27. che in- vi- diaaaa!!
    quanto mi sarebbe piaciuto partecipare..mannaggia alle distanze!
    vengo sempre a curiosare sul tuo blog, e fuggo per non cadere in tentazione, proverei tutte le tue ricette !!
    ma i ginevrini(qui a parma le chiamiamo pasticche) quelli li provo, troppo simpatici !!

    RispondiElimina
  28. @Simonetta: succedeva anche a casa mia che le caramelle evaporassero, anche perché eravamo in tre bimbi!
    Baci a te!

    @Virò: secondo me più di tutto ti piace la cioccolata :-DDD ahahahahah
    Buona giornata!

    @Puffin: grazie dei complimenti!
    E chi non lo ama il cioccolato? eheheheh ;-)
    Ciao!

    @Dauly: si, colorati così sono anche molto allegri :-)
    Per ora i corsi li faccio tutti in zona Firenze, non so se comincerò a viaggiare come Adriano e Paoletta... chissà!
    Grazie per la tua visita e buona giornata!

    RispondiElimina
  29. ti voglio ancora ringraziare per la bellissima esperienza di ieri, e lo scrivo qui perché penso che sia giusto farti un tributo pubblico.

    hai fatto una lezione fantastica, competente, chiara, in cui ci hai davvero dato l'opportunità di imparare.
    l'aver temperato quel benedetto cioccolato così tante volte è stato utilissimo, credo che ci rimarrà stampigliato in testa per la vita :-)

    e poi è stata molto utile e interessante anche la parte iniziale, sulla storia e la degustazione.

    insomma, veramente complimenti e grazie.

    quando sono arrivata a casa mio marito non voleva credere che quelle meraviglie che avevo portato a casa fossero frutto delle mie mani, mi ha chiesto dieci volte "e su dai dimmelo dove ti sei fermata a comprarli..."
    son soddisfazioni!!!!!

    prossimo acquisto? stampi, spatole e vai con i cioccolatini!

    RispondiElimina
  30. p.s. mi è piaciuto molto anche l'aspetto scientifico, dato che insegno in un professionale alberghiero penso proprio che quando farò la lezione sui passaggi di stato farò una digressione sul polimorfismo del cioccolato e le varie forme cristalline in cui può solidificare.

    a questo proposito ti segnalo questo post
    http://blog.moebiusonline.eu/index.php/2010/05/07/cioccolato-temperaggio/
    è di un fisico che si occupa da anni di scienza in cucina, ha anche scritto un libro a quatro mani con uno chef, "Il gelato estemporaneo" edito da Rizzoli, è molto interessante.

    RispondiElimina
  31. Ma grazie Gaia, sono davvero felice che il corso abbia soddisfatto le tue aspettative... ed anche quelle di tuo marito!!! ;-)))
    Giro volentieri i complimenti a voi partecipanti tutti, che siete stati bravissimi a rimettere subito in pratica quello che vi ho mostrato.
    Purtroppo a quel link il computer mi segnala una minaccia di "malware".
    Visto il tuo interesse ad approfondire ti spedirò privatamente dei link su polimorfismo e temperaggio.
    Grazie mille e buona settimana!

    RispondiElimina

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001