giovedì 14 ottobre 2010

Millefoglie classico


... che più classico non si può!

Ultimamente mi capita spesso di dover rifare qualche ricetta su commisione, come per esempio questa torta millefoglie.

La millefoglie su questo blog infatti non è una novità, l'altra unica volta che l'ho eseguita era oltretutto in una forma molto più originale (vedi quì)... però di fronte alla richiesta di un grande classico e così buono poi, io cedo all'istante! ;-)

A me non piace pubblicare due volte la stessa ricetta, anche se può essere un ottimo reminder, questa infatti è un po' diversa dall'altra nelle proporzioni degli ingredienti della crema diplomatica, quindi ve la propongo comunque, anche perché magari a chi mi segue da poco tempo potrebbe essere sfuggito il precedente... ;-)

Molti validi consigli sull'esecuzione di questa torta, soprattutto sulla cottura della sfoglia, potete trovarli anche nella ricetta proposta a suo tempo dallo Zio Piero.



Per 6/8 persone

Se fate la pasta sfoglia da voi prendetevi un po' di anticipo, io per esempio avendo tempo solo nel dopocena ho cominciato due giorni prima...

Queste le dosi sufficienti per la ricetta:

Farina 00 65 gr
Farina manitoba 65 gr
Burro 130 gr
Acqua 70 ml
Sale 3 gr

Seguire le oramai insostituibili indicazioni della ricetta di Paoletta magnificamente illustrate quì.

Una volta ottenuta la pasta sfoglia o se l'acquistate già pronta:

Ingredienti
Pasta sfoglia 330 gr
Latte 0,6 lt
Zucchero 65 gr
Tuorli 3
Farina 00 45 gr
Scorza di mezzo limone e/o aroma di vaniglia
Panna 120 ml
Zucchero a velo 1 cucchiaio per la panna + q.b. per guarnire
Liquore (facoltativo) due cucchiai (tipo Rhum o Maraschino)
Goccie di cioccolato fondente (facoltativo)

Procedimento
Se volete un millefoglie tondo stendere la pasta in 3 dischi identici di 20-22 cm di diametro, altrimenti se volete la mattonella come ho fatto io stendeteli in 3 striscie rettangolari identiche alte 2 mm e lunghe quasi quanto la placca forno (le mie misuravano circa 32x13 cm).

Stendere sulla carta forno bagnata di acqua con un pennello e posata su una placca da forno.

Bucherellare tutta la superficie della pasta con un forchetta per evitare che rigonfi durante la cottura.

Infornare a 160° finché non è ben dorata, spostare fuori dal forno cospargere ogni porzione con un cucchiaio di zucchero a velo e rimettere in forno a 200° fino a caramellatura dello zucchero.

Togliere dal forno e lasciar raffreddare.

Rifilare i profili in modo da ottenere 3 dischi oppure 3 rettangoli identici e tritare i ritagli ottenuti.

Preparare la crema mescolando i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina setacciata stemperandola bene ed aggiungere a filo filtrando con un colino il latte ancora caldo nel quale avrete precedentemente bollito la scorza di limone e/o aggiunto l'aroma di vaniglia.

Mettere a fuoco lento e girando continuamente addensare la crema, continuando per 5' da quando comincia a bollire.

Spengere, aggiungere il liquore ed amalgamare. Lasciar raffreddare mescolando di tanto in tanto per non far formare la patina scura e solida in superficie.

Tenere la crema in frigo 4 ore almeno, montare la panna ben fredda con il cucchiaio di zucchero a velo ed aggiungerla alla crema anch'essa ben fredda amalgamando con una frusta.

Assemblaggio: prendere una striscia di pasta sfoglia poggiarla centralmente al vassoio di portata, coprirla con metà della crema distribuendola con la spatola.

Aggiungere le eventuali goccie di cioccolato e poi appoggiare la seconda striscia di pasta, corirla a sua volta con la rimanente crema (altre eventuali goccie di cioccolato) ed infine concludere con l'ultima striscia di pasta.

Con la spatola pareggiare i bordi della torta dove poi applicherete a piccole manciate la pasta sfoglia tritata tenuta da parte.

Cospargere la superficie con abbondante zucchero a velo.

Decorare a piacere... io per esempio ho fatto tante striscie diagonali col dorso di un coltello lungo in maniera da ottenere un semplice motivo a losanghe, c'è chi usa il cacao e fa le ombre delle forchette, chi ci mette una ciliegina candita con qualche foglia di menta intorno e così via.

Pulire il bordo del vassoio togliendo i trucioli di pasta sfoglia con un pennello asciutto.

Conservare in frigo.

26 commenti:

  1. I Classici son sempre Classici..e sempre buonissimi..!!Li rifaccio anch'io sempre volentieri..ne dovrei fare una anch'io per Sabato..Bella in questa versine "mattonella"...!

    RispondiElimina
  2. Continuiamo così facciamoci del male!
    Soffro di arteriosclerosi e quindi sarò ripetitivo (c'è vò pazienza con un anziano come me) ma va detto per l'ennesima volta che meriteresti una statua per come dettagli le ricette!!
    La millefoglie invece è uno dei miei dolci preferiti ma che non mangio mai per via della pasta già pronta che onestamente non mi soddisfa mai...ottima ragione questa per trovare il tempo per cimentarmi io nell'impresa...con questa foto sotto gli occhi e le tue indicazioni a portata di mano!
    Complimenti davvero :)

    RispondiElimina
  3. @Morena: è il periodo dei millefoglie allora! Grazie per la tua visita e a presto!

    @Gambetto: grazie per i complimenti, in realtà molti dettagli di questa ricetta li ho delegati coi link, i migliori sulla piazza a mio giudizio.

    La pasta sfoglia già pronta? Per carità!
    Prova a farla come indica Paoletta, vedrai che non è poi così difficile.
    Grazie e a presto!

    RispondiElimina
  4. Un grande classico in non mi sono ancora cimentata. Bisogna proprio che la provi.

    RispondiElimina
  5. Forse ho cambiato idea, forse per il mio compleanno voglio la millefoglie con la sfoglia fatta da te

    RispondiElimina
  6. Ehehehe...considera che visto che mi ero perso la cupola sono arrivato qui dopo la lettura di entrambi i post! eheeheheh
    Meglio di così...ho gli occhi che gridano vendetta per quelle millifoglie che si vedono in giro...
    @Lydia
    Lydia mi inviti al tuo compleanno?! ahahahaha

    RispondiElimina
  7. Quando si dice "Grandi classici"!
    La millefoglie porta dietro di sè una sorta di referenza... mi sa di dolce serio, austero, non adatto a tutti i palati, ma solo per quelli che sanno apprezzarne davvero la sua specialità... Io lo adoro, figuriamoci, pasta sfoglia, la metterei ovunque!
    Quasi quasi segno la ricetta... prima o poi dovrò farla!!!!

    RispondiElimina
  8. La pasta sfoglia è rimasto ancora un tabù da sfatare! Ce la farò? mah...però la tentazione c'è davanti a questa meraviglia. Complimenti, buona giornata

    RispondiElimina
  9. @Elena: c'è sempre una prima volta! ;-)
    A presto!

    @Lydia: grazie carissima! Nell'incertezza... te le faccio tutte e due! ;-)

    @Gambetto: dalle mie parti se ne trovano anche di buone di millefoglie, magari un po' troppo dolci... ma vuoi mettere farsela da soli?
    Ti ci voglio anch'io al compleanno di Lydia, anche perché non verresti certamente a mani vuote... ;-)

    @Tery: tutte le ricette classiche sono un po' così, se non era per la richiesta specifica lo facevo un po' più particolare ;-)

    @Federica: ma certo che ce la farai, io non ho dubbi! Poi non potrai più farne a meno e quella già pronta ti farà ribrezzo!! ;-D
    Buona giornata a te e grazie per i complimenti!

    RispondiElimina
  10. ciao! grazie per essere passato da me! Anche oggi trovo una meraviglia di dolce qui da te! un classico che però non ho mai affrontato, colpa della sfoglia e del tempo che ci vuole, ma è solo una scusa, quando sarò in vena la proverò :-D
    Francesca

    RispondiElimina
  11. Mmmmmh...buonissimo!Il millefoglie è uno dei miei dolci preferiti...Bellissima la tua mattonella!

    RispondiElimina
  12. Non lo preparo mai di mia spontanea volonta', ma devo dire che e' insieme al tiramisu' il dolce che mi viene piu' richiesto dai miei amici stranieri.
    Qualcosa vorra' pur dire...:-)

    RispondiElimina
  13. @ nanni e gambetto, 2 torte per il compleanno qualcuno dovrà pure aiutarmi a mangiarle!!!

    RispondiElimina
  14. @Francesca: dopo il capolavoro di torta che hai pubblicato ieri non hai più scuse! ;-)
    Grazie a te per la visita!

    @Martina: grazie! Te ne offrirei volentieri una fetta! :-)
    Ciao!

    @Stefania: vuol dire che niente succede per caso... o che semplicemente li fai molto buoni! ;-)
    Ciao!

    @Lydia: non temere che tra me e Gambetto siamo due boccucce...

    RispondiElimina
  15. Bravissimo, io l'altra ricetta me la sono persa! E questa l'ho archiviata nella cartella "da provare in fretta"!
    Ciao!

    RispondiElimina
  16. Ebbene sì: confesso che la sfoglia pronta la compro e la utilizzo spesso!

    Non so perchè ma tutti quei "giri" mi sembrano fuori dalla mia portata...ora però mi hai fatto venir voglia di provare...

    Una curiosità: il fatto di caramellare lo zucchero su tutte e tre le strisce di pasta, in qualche modo le impermeabilizza ed impedisce alla crema di "inzuppare" la sfoglia?

    Se è così è un trucchetto semplice ma geniale...

    RispondiElimina
  17. ciao nanni, era un po che non passavo, ma sai com'è, quando si decide di buttare giù qualche kg....è meglio evitare ogni tentazione! e io di kg. me ne sono persi 6...non vorrei riprendermeli!
    i tuoi dolci sono stupendi oltre che buonissimi! senti, i miei figli mi hanno chiesto il diplomatico, non mi ricordo se lo hai già realizzato, hai qualche suggerimento da darmi? secondo me se yuffie (mia figlia di 13 anni) vede il tuo millefoglie sviene!
    io comunque sono svenuta con il tuo dolce gattopardo! baci a tutta la tua famiglia!

    RispondiElimina
  18. Un classico ma ugualmente super goloso, fatto in casa ha un sapore ed un profumo che non ha niente a che vedere con i prodotti delle pasticcerie. Bravissimo

    RispondiElimina
  19. @Meg: macchè persa, sta ancora lì! ;-D
    Se la provi prenditi un po' di tempo per farla.
    Grazie e a presto!

    @Virò: beh, finché non provi non puoi saperlo se è difficile o meno ;-))
    Si, il trucco è quello lì e viene nientepopodimeno che da Luca Montersino via ZioPiero.
    La cottura della sfoglia per me è la fase più critica, molto della riuscita dipende da quello.
    Grazie e Buon fine settimana!

    @Mammadeglialieni: hai fatto bene, occhio non vede... ;-)

    Per il dipolomatico ti mando da un caro amico che è una garanzia:

    http://ipasticcidelloziopiero.blogspot.com/2010/02/un-po-di-diplomazia-non-guasta-mai.html

    Buon rinvenimento e buon fine settimana! ;-)

    @Simona&Claudia: grazie! Io in pasticceria è un bel pezzo che non ci metto piede... troppo zucchero!
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  20. Aaaaaaah la millefoglieeeee! :):):) Bella, perfetta la tua... sfoglia più crema è un mio punto debole... mi hai fatto venire una gran voglia di mettermi a fare "i giri", è un po' che non preparo la sfoglia... e la temperatura inizia ad essere anche adatta! ;)
    Buon w.e.! :)
    Agnese

    RispondiElimina
  21. Aaaaaaah la millefoglieeeee! :):):) Bella, perfetta la tua... sfoglia più crema è un mio punto debole... mi hai fatto venire una gran voglia di mettermi a fare "i giri", è un po' che non preparo la sfoglia... e la temperatura inizia ad essere anche adatta! ;)
    Buon w.e.! :)
    Agnese

    RispondiElimina
  22. Lussuria pura!Mi papperei anche i "trucioli" di pasta,in stile "formichiera"...
    Bravissimo!

    RispondiElimina
  23. @Agnese: io ne ho fatta un bel po' e buona parte l'ho congelata ;-)
    Grazie per la tua visita e buona settimana!

    @Edith: grazie! Le briciole che rimangono nel vassoio sono spesso oggetto di contesa ;-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  24. Caspita!!! Questa mi era sfuggita!!!

    Grazie per gli innumerevoli riferimenti!
    :))))

    RispondiElimina
  25. Secondo me la versione alle fragole è più scenografica..

    Guardate qui e fatemi sapere

    http://prontointavola.tgcom24.it/wpmu/2012/06/25/millefoglie-veloce-alle-fragole/

    RispondiElimina
  26. Senz'altro, può essere una variante stagionale interessante.

    RispondiElimina

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001