lunedì 17 ottobre 2011

Tresor


Rieccomi quà, approfitto che avevo un altro post pronto e ve lo sottopongo subito di lunedì mattina, poi... si vedrà!

Dal mio post precedente molti hanno capito che fossi arrabbiato e con qualche rancore irrisolto che desse la nota dominante alle mie parole, in realtà ho approfittato del momento che dovevo comunicarvi una irregolarizzazione del ritmo nella mia frequentazione di "blogger" per esporne tutte le mie ragioni nessuna esclusa... diciamo che era semplicemente un "avviso ai naviganti" in salsa di "chiarezza", il discorso adesso è chiuso e non ci tornerò più sopra.

-0-

Passiamo ora alle cose serie: pare proprio che da un pezzo a questa parte questi biscotti, che a me ed i miei familiari hanno fatto compagnia per buona parte dell'infanzia, siano inspiegabilmente fuori commercio.

Perciò quando in casa me li hanno richiesti mi sono messo a cercare sul web e la ricerca mi ha portato tra le tante anche sul blog della brava Marcella (o Minù) che propone una ricetta abbastanza simile a quella che poi leggerete più sotto, che differisce solo per la quantità di uovo.
Nota: nel suo blog c'è momentaneamente una raccolta sui cupcakes in corso, tenetelo d'occhio! ;-)

La ricetta che ho scelto invece mi è arrivata per altre vie e comunque secondo me sarebbe da lavorarci un altro po' su per ottenere una taroccatura ad hoc, non tanto per il sapore che se ricordo bene gli originali grossomodo è quello, quanto per la consistenza che la presenza del miele tende ad ammorbidire un po' troppo...

Scendendo nei dettagli di rito: per il miele è consigliabile uno di acacia o di arancio, generalmente hanno un sapore non troppo dominante rispetto agli altri e comunque la presenza del miele in sé, di qualsiasi tipo esso sia, contribuisce anche ad una coloratura più scura del biscotto.

Per dare invece al biscotto la caratteristica forma a "osso" quando si stende col sac-a-poche, semplicemente spremere più composto all'inizio e alla fine della striscia piuttosto che nel centro.

Quelli che vedete nelle foto sono stati realizzati usando una bocchetta di 10 mm di diametro ma a cose fatte ho valutato che così vengono forse un po' troppo grossi... ritengo perciò di consigliarvi di farli più piccoli, di fatto secondo me cuociono meglio e diventano leggermente più croccanti.


Ingredienti
Farina 00 150 gr
Fecola di patate 25 gr
Zucchero 125 gr
Miele 10 gr
Uova 2 (110 gr)
Granella di zucchero 50 gr
Cioccolato fondente 50 gr

Procedimento
Setacciare assieme farina e fecola e tenere da parte.

Montare le uova tenute a temperatura ambiente con il miele e lo zucchero finché diventano spumose.

Aggiungere poco alla volta le farine setacciate alla montata incorporandole con una spatola.

Trasferire il composto in un sac-a-poche con bocchetta liscia di 6-7 mm e stenderlo in striscie lunghe 6 cm distanziate tra loro di un paio di cm su una teglia coperta di carta forno.

Cospargerle di abbondante granella di zucchero


e cuocerle a 170° per 10-12' o fino a doratura dopodiché sfornare e lasciar raffreddare.

Una volta raffreddati temperare il cioccolato e metterlo in un cornetto da decorazione fatto con un triangolo di carta forno piegato a cono, tagliarne la punta con una forbice in modo da ottenere un forellino di 1-2 mm.


Avvicinare i biscotti tra loro e decorare variamente secondo gusto con striscie orizzontali e diagonali,

Nota: quì il piccolo chef ha voluto provare anche una teglia senza granella e cioccolato, ma credo poi se ne sia pentito...

Lasciar rapprendere bene il cioccolato prima di maneggiare i biscotti.


Conservare in una biscottiera.

Buona settimana e alla prossima!

31 commenti:

  1. cavoli nanni, mi riporti indietro nel tempo.... anche io da bambina avevo sempre i tresor in casa....
    buon lunedì!

    RispondiElimina
  2. Ma sai che io non li conoscevo proprio questi biscotti????
    Dalla tua nostalgia mi sa che devono essere buonissimi!

    RispondiElimina
  3. no non conoscevo assolutamente questi biscotti ma direi che mi sono persa molto!

    RispondiElimina
  4. Io li conoscevo... e mi piacevano parecchio!!! Una buonissima giornata Nanni (e un'ottima settimana)!!!

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo questi biscotti così leggeri e golosi...Per fortuna che erano tra i post pronti da pubblicare :)! Baci e buona giornata!

    RispondiElimina
  6. molto carini!
    penso che piacerebbero molto alla prole, che nella sostanza ama i biscotti semplici ma se non c'è un po' di cioccolato è prevenuta negativamente...
    certo che questa robaccia marrone è invasiva! ma che gli è venuto in mente a quelli là di importarla da noi? a me bastavano il mais, le patate e i pomodori! ;-)

    insomma, li rifarò. ma giusto per la prole, perché ovviamente A ME NON PIACE IL CIOCCOLATO ;-)

    p.s. sono contenta che tu non sia arrabbiato con me.
    ah!... appena fa un po' più freschino, pubblico l'alchermes. già bevuto in purezza, e usato nella mitica zuppa inglese. SQUI-SI-TO!

    RispondiElimina
  7. che belli! certo che me li ricordo, :-D
    ciao!

    RispondiElimina
  8. Li ho gia visti in giro ma non avevo la ricetta ...sei una fonte inesauribile.

    RispondiElimina
  9. p.s. richiesta di consulenza cioccolatosa: ma il cioccolato si può colorare? lo so che inorridirai, ma quest'anno mia figlia ha voluto una festa per halloween, e sono qui che sto pensando a preparazione a tema. vorrei colorare il cioccolato di arancione.
    come posso fare?

    RispondiElimina
  10. L'espressione "taroccatura ad hoc" mi ha fatto morire dal ridere!!!

    RispondiElimina
  11. "Lasciar rapprendere bene il cioccolato prima di maneggiare i biscotti..." Io capisco che tu debba scriverle certe cose soprattutto per forma ma onestamente non mi ci vedo proprio ad aspettare...magari potrei temporeggiare racogliendo la granella di zucchero caduta ma il waiting-for non mi appartiene proprio...o forse si...pensandoci bene...se avanza crema nel cornetto da decorazione allora mi 'sparo' prima quello...magari mi ustiono e devo desistere obbligatoriamente! :P ahahahahaha
    PS
    Scommetto che la teglia voluta dal piccolo chef senza granella e cioccolato...te la sei dovuta finire tu perchè lui ha preferito la versione pù ricca eh!! :P ahahahahahaha

    RispondiElimina
  12. Ciao!!!
    Questi biscotti non li conoscevo proprio...ma adesso ho già salvato la ricetta,li farò prestissimo!!!
    Complimenti per il tuo blog!
    Vera

    RispondiElimina
  13. @Babs: a casa mia erano i biscotti per andare in gita...
    Grazie e buona settimana!

    @Tery + Lucy: cavoli, non è che sono io che sono già vecchio?! Ahahahah ;-PPP
    Grazie e baci a voi!

    @Marinora: grazie carissima, altrettanto a te!

    @Saretta: neanche tu! E non sono i soli ad essere spariti, ci sarebbe tutta una schiera di dolcetti "vintage" da riesumare... ;-)
    Bacioni e buona giornata a te!

    @Gaia: alla lista io personalmente aggiungerei anche i fagioli... ;-)))

    Ah, te lo bevi pure in purezza?? Beh certo con queste buriane torna utile anche per riscaldarsi! eheheheheheh ;-DDD
    Buona giornata

    - Per colorare il cioccolato (si parla di quello bianco ovviamente) ci sono i coloranti liposolubili (usa rosso + giallo) ma non saprei dirti dove trovarli a Firenze, l'unico consiglio è: cerca di non esagerare, incorporane una goccia alla volta nel cioccolato fuso.
    Per il temperaggio poi segui i parametri del cioccolato bianco.
    Ciao!

    @Francesca: ne ero certo, siamo della stessa generazione più o meno, no? ;-D
    Ciao!

    @Mary: grazie! Buona giornata!

    @Eleonora: ahahahah, la taroccatura è una cosa seria, eh!
    Grazie mille e buona settimana!

    @Gambetto: ormai sono un libro aperto per te, e certo che me li sono dovuti pappare tutti io quelli "poveri"... ahahahahahah son queste le gioie della paternità!! ahahahahah ;-PPP

    Io invece non ho resistito a pucciare direttamente nel cioccolato rimasto nella ciotola un paio di quelli poveri...
    Ciao!

    @Vera: probabilmente apparteniamo a due generazioni diverse! ;-)
    Grazie dei complimenti e del messaggio.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  14. "Conservarli in una biscottiera"...ma quando mai?!?! ;-)) Al solito sono bellissimi!

    RispondiElimina
  15. E certo, sennò tendono ad "evaporare"... ahahahahah ;-)))
    Grazie e buona serata!

    RispondiElimina
  16. "conservare in una biscottiera"...hahahaha che bella battuta :))) si vede che tu abiti con persone morigerate che mangiano solo il numero di biscotti che sarebbe il caso di mangiare mentre io abito con gente che alla sera si piazza sul divano e si scofana un sacchetto di biscotti.

    E la cosa è confermata dal fatto che, se ho contato bene, il piccolo chef non se ne sia mangiato nessuno prima della foto...un vero gentiluomo come il suo papy ^___^
    Io invece devo lottare come una tigre per salvare il salvabile o_O

    RispondiElimina
  17. anche marcella -minù non scherza con i dolci quindi siamo sicuri anche con lei ... e tu pensi che ci arrivano questi biscotti nella biscottiera per conservarli..? che illuso (in senso buono con te)(adesso che non sei più arrabbiato non voglio farti arrabbiare un altra volta non mi permetterei mai con te) hihihi ^__^devi sapere che io ho dei vicini di casa che sentono l'odore per le scale quanto sforno i dolci quindi mio caro Nanni io la potrei anche regalare la mia biscottiera tanto non mi danno il tempo di far raffreddare ciò che ho sfornato grrrrrr
    complimenti per il tuo operato..
    baci ad lia e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  18. ma sono proprio golosi,questi biscotti!!!la rifinitura del cioccolato,poi,li rende irresistibil!!!ancora complimenti per la tua innata bravura^;*

    RispondiElimina
  19. Io non li conoscevo proprio ma devono essere deliziosi :) quasi quasi uno per il dopocena ora me lo prenderei..

    RispondiElimina
  20. Ciao Nannni! biscotti preferiti di mia mamma! se riesco li provo, anche a casa mia non mancavano mai una volta :D
    Spero di rileggerti presto. Un bacio

    RispondiElimina
  21. I tresooooooorrrr!!!!!

    Che belli!!! E chi se li ricordava più!!!

    :))

    RispondiElimina
  22. Chissà come sono... inzuppati nel latte!!
    ;-)

    RispondiElimina
  23. Non riesco a seguire certi discorsi perché ho appena scoperto questo blog, ma posso sicuramente apprezzare questi golosissimi biscotti! :)

    RispondiElimina
  24. Me li ricordo eccome!!Il bello è che solo sabato guardavo lo scaffale dei biscotti al super e mi domandavo che fine avessero fatto...sei maa..gico....ciao ciao

    RispondiElimina
  25. cavoli hai ragione, anche i fagioli!!!!
    e come faremmo senza i fagioli? niente ribollita?

    e grazie anche per dritte colorate. forse userò il cioccolato normale, alla fin fine queste diavolerie chimiche mica mi piacciono tanto...

    RispondiElimina
  26. @Monica: bisogna recuperare allora! ;-)
    Grazie e buona giornata :-)

    @Elena: acci... non ti sfugge proprio niente! Eheheh, il piccolo riesco a tenerlo buono solo con una invidiabile razione quotidiana di cioccolato... ;-)

    @Lia: i tuoi vicini allora sono molto fortunati, con tutte le bontà che sforni giorno per giorno!
    Grazie dei complimenti e buona settimana tutta a te!

    @Elisabetta: di più! Per me poi hanno il sapore dell'infanzia...
    Grazie dei complimenti e buona settimana!

    @Commis: ma prendine pure due, sennò mi rimani cin la voglia!
    Ciao!

    @Viola: grazie carissima, contaci!
    Baci a te!

    @LoZiopiero: ti piacciono i "Tresorucci" miei?? Ahahahah ;-)

    @Gaiuccia: ecco, io sono del partito del tè non saprei dirti, però se vuoi provare tu... ;-)
    Ciao!

    @Nerodiseppia: è quello che conta, i discorsi lasciano un po' il tempo che trovano...
    Grazie mille e a presto!

    @Margherita: ma grazie! E non sono i soli biscottini "vintage" che varrebbe la pena di riscattare dall'oblio!
    Ciao!

    @Gaia: oppure cotti al fiasco o all'uccelletto... ;-)))
    Anch'io diffido dei coloranti alimentari di qualsiasi natura, comunque se provi ed hai ancora qualche dubbio non esitare a scrivermi. Ciao!

    RispondiElimina
  27. hahahaha si loro sono fortunati io meno ... ti dico una cosa che mi e successa domenica mattina alle 10:50 ero a preparare gli gnocchi fatti in casa e too chi ti viene a suonare alla porta la vicina entra e mi fa bhaa o guarda che lavoro certosino che fà..!! e si gli rispondo oggi gnocchi e lei boniiiii 0__0 e secondo te a una spudorata risposta così che facevo non gli davo un vassoio pronto di gnocchi e quindi quello e stato anche loro pranzo ... ma non finisce qui e che poi mi e venuta a chiedere anche le uova per far la frittata hahahaha quindi anche le uova gli ho dato .. ma era meglio se mi diceva preparami anche la frittata ^__^ grazie
    e questa e una delle tante hahaha hai capito i miei vicini se vuoi te li presento così saranno più da te che da me ^__*
    baci da lia

    RispondiElimina
  28. Sono dei biscotti super invitanti:) la decorazione con il cioccolato è pure il mio segreto ma ti sei superato con la granella di zucchero;) Ti seguo da oggi e non mi perderò nemmeno una tua ricetta.
    Un abbraccio
    PS fammi visita se ti va

    RispondiElimina
  29. @Lia: eh eh, un po' se ne approfittano però... ;-)
    Baci a te!

    @Maria: grazie mille, mi auguro tu trovi sempre cose di tuo gradimento! Buona giornata

    @Irmina: muchas gracias!! Hasta pronto!

    RispondiElimina

Se ti va puoi lasciare un commento.

Prima di pormi domande tecniche assicurati che:
- quello che chiedi non sia già scritto nel post e non lo hai letto per la fretta
- vuoi realmente riprodurre la ricetta e non domandi tanto per fare, perché io non rispondo così tanto per fare.

I commenti pretenziosi e/o anonimi verranno automaticamente cestinati.

Grazie

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001