lunedì 31 ottobre 2011

Pandolce "alla Svizzera"


In questi giorni mi figuro molti di voi intenti ad intagliare febbrilmente zucche giganti e fabbricare dolcetti "mostruosi" con l'intento di far felici i propri pargoli e/o nipotini... fortunatamente per me il mio ancora non da grossa importanza ad ogni festa comandata dal "mercato", men che mai a quella che io definirei: "il carnevalesco incubo di una notte di mezzo autunno"... eheheheheh ;-PPP

Quindi per trascorrere i prossimi giorni che ci separano dal rientro dal ponte di Ognissanti vi lascio con una normale ricetta che avevo lì da qualche tempo, niente a che vedere con l'attesa vigilia ridondante di zucche gialle, fantasmini, zombies etc... bensì un dolce tanto semplice quanto leggero e perfetto per la prima colazione.


La ricetta ed il titolo stesso provengono da uno di quei libriccini-ricettario della Bertolini presenti io credo da sempre in ogni casa italiana (questo era datato 1979!!!) e che ritrovato casualmente a casa dei miei, ho confiscato d'ufficio! ;-D

Ricordo che quando ero bambino sfogliavo con somma curiosità questi libriccini che regolarmente avevano perso la copertina, qualche pagina unta dal burro, qualche altra con traccie di impasti ormai seccati e sognavo di veder realizzate quelle torte che dalle foto a me parevano incredibilmente belle e per un sottinteso principio di equivalenza immaginavo quindi esageratamente buone!

Purtroppo mia madre per andare sul sicuro ha sempre fatto la solita "Torta Regina", che era ottima per carità, ma pur sempre della solita si trattava e quindi quei libriccini sono rimasti in larga parte inutilizzati per lungo tempo.
Un vero peccato perché si tratta di ricette per ottenere ottime torte da colazione che nella loro semplicità e genuinità trovo molto ben bilanciate ed alla portata di tutti...

Ok, intanto facciamo salire questa agli onori della cronaca... ;-D


Ingredienti
Farina 00 350 gr
Zucchero 100 gr
Burro 100 gr
Uova 2
Latte 1/2 bicchiere
Nocciole tostate 50 gr
Lievito per dolci 1 bustina
Sale
Zucchero a velo

Procedimento
Preparare gli ingredienti: setacciare la farina in una ciotola, sciogliere il burro in una tazza e lasciarlo raffreddare, rompere le uova in un'altra tazza e sbatterle appena per miscelarle.

Unire tutti gli ingredienti escluso il lievito alla farina nella ciotola e mescolare energicamente con un mestolo per alcuni minuti, l'impasto sarà abbastanza consistente, infine per ultimo aggiungere il lievito ed amalgamarlo bene.

Versare l'impasto in uno stampo da plum-cake (il mio era di 20x10 circa) imburrato ed infarinato, con le dita unte di burro schiacciarlo a riempire ogni angolo dello stampo ed infine cospargere con le nocciole tritate grossolanamente schiacciando anch'esse un po' per farcele ben aderire.


Mettere in forno già caldo e cuocere a temperatura moderata (160-170°) per 50'.

Verificare la cottura con uno spiedo ed a cottura completata togliere dalla forma lasciandolo poi raffreddare su una griglia e spolverizzarlo infine di zucchero a velo.

Se intendete farlo durare alcuni giorni, conviene tenerlo chiuso in un sacchetto visto che tende a raffermare abbastanza rapidamente.

Buona settimana!

23 commenti:

  1. tu un dolce normale!!!buonissimo!!!

    RispondiElimina
  2. Dolce splendido, come al solito devo dire ;-)
    Ma soprattutto mi hai fatto ricordare i piccoli ricettari Bertolini!!!! Quando torno a Roma devo spulciare un certo cassetto dove sono certa siano ancora...

    RispondiElimina
  3. ciao nanni, spetta che mi sto dimenando tra questo post e quello dei cioccolatini qua sotto che mi ha rapita.... non l'avevo visto. chiedo venia!!!! :))) un abbraccio!
    b

    RispondiElimina
  4. I vecchi ricettari offrono spesso delle gradite sorprese! Come questo tuo pandolce... un'ottimo dolce per la colazione!!
    Ciao Nanni! Buona settimana!

    RispondiElimina
  5. Perfetta nella sua semplicità!
    Buona settimana anche a te!

    RispondiElimina
  6. certo che sti nordici hanno tutte queste cosucce semplici,ma cosi' buone!!
    ciao carla

    RispondiElimina
  7. sembra perfetto per la colazione, segno la ricetta :)

    RispondiElimina
  8. Partiamo dall'inizio...tu di "normale" non fai proprio niente e la prova è che zucconi come me sono qui ad imparare tutto dal basic, per darci un tono 'internascional' al più complesso...visto sempre come un miraggio. Se continuo così e se un giorno ci riesco invece della laurea... in cornice ci metto la tua "Saint-HoNoirè"! :P ahahahahaha
    PS
    Copio e nel frattempo ti dò una bella pacca sulla spalla...il tuo ometto è ancora distratto da feste simili...ma ancora per quando?! :P Trema!! :D ahahahahh

    Firmato
    Uno zio disperato :DDDD

    RispondiElimina
  9. nanni che dire...passare da te e come passare davanti ad una vetrina di pasticceria...questa proposta è divina!!!
    Baci,Imma
    P.S. nanni hai qualche ricetta collaudata per un pandoro nn troppo complicato da realizzare???

    RispondiElimina
  10. @Vale: macché normale, è super!!! ahahahah ;-PPP
    Ciao!

    @Mary: grazie! Buona giornata

    @Stefania(araba): lo dicevo io che ce n'è almeno uno in ogni casa! ;-)
    Grazie e buona giornata!

    @Babs: eh, il cioccolato non passa mai inosservato... ;-DDD
    Grazie, un abbraccio a te!!

    @Renza: quando non c'erano i food-blog questi libretti erano un ottimo punto di riferimento!
    Grazie e buona settimana a te!

    @Stefania(P&S): ogni tanto ci vuole anche una torta così... ;-)
    Grazie mille, ciao!

    @Carla: eh, chissà cosa intendevano con "alla svizzera" gli autori del ricettario... ;-)
    Ciao!

    @Anna: ottimo per una colazione leggera!
    Ciao

    @Zio Disperato: almeno fin quando non comincerà a frequentare più continuativamente l'asilo... allora sarò spacciato... e ti penserò! Ahahahahah ;-P
    Grazie!

    @Imma: ma grazie, mi fa molto piacere! :-D

    Per la tua richiesta vado a cercare nel mio "database" e poi ti rispondo privatamente, probabilmente domani.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  11. Semplice semplice ma senza dubbio buona buona!!!!

    RispondiElimina
  12. Ciao! Ricetta deliziosa, complimenti :) Dopo la stranissima chiusura di Naso da Tartufo mi sono trasferita su www.lavitasegretadelletorte.com, piano piano sto cercando di ricreare i post e la sfida :) Ne approfitto per invitarti al mio contest "Love me Cake", può partecipare qualsiasi ricetta dolce (anche più di una) che faccia sentire "coccolato" chi la mangia :) le ricette che arriveranno in finale verranno effettivamente cucinate e testate! questo è il link http://www.lavitasegretadelletorte.com/2011/10/il-mio-primo-contest-love-me-cake.html bacio!!

    RispondiElimina
  13. Mamma mia davvero, concordo con babs...sono anch'io persa tra questo dolce e i cioccolatini postati sotto...cioccolato e arancia mi fanno impazzire! E se mettessi l'Amaretto di Saronno al posto del Grand-Marnier che dici? Ci sta bene lo stesso? Bacione e buon lunedì!

    RispondiElimina
  14. Nanni, questo è rassicurante, sa di casa! Grazie per le sensazioni che trasmetti!

    RispondiElimina
  15. io le conservo tutte, bertolini e paneangeli d'epoca! buonissimo con le nocciole sopra :-)
    ciao!

    RispondiElimina
  16. @Deborah: proprio così! ;-)
    Ciao

    @Benedetta : ti ringrazio per i complimenti e per l'invito che mio malgrado devo però declinare.
    Come ho già detto anche ad altri non partecipo più ai contest.
    In bocca al lupo per tutto!
    Baci

    @Kiara: con l'amaretto io metterei il cioccolato al latte anziché bianco e possibilmente una mandorla al posto della scorza d'arancio candita.
    Dosi e procedimenti poi rimangono esattamente quelli.
    Bacione a te e buona settimana!

    @Marinora: trasmetto anche un po' di appetito...?? ;-)))
    Grazie di cuore e a presto!

    @Francesca: allora non sono l'unico!! ;-DDD
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  17. carissimo nanni, o sei un babbo super-bravo o non so come mai, che qui halloween impazza da diversi anni, e io non lo amo granché, mi sembra una gran sagra del consumismo.
    eppure, molto mio malgrado, quest'anno ho pure organizzato una festa a tema per mia figlia.
    e sai cos'è successo? che alla fine mi sono pure divertita, a preparare tutta questa sequela di schifezze e schifezzuole di dubbio gusto.

    certo, niente a che vedere con il rigore e la bontà di dolci come questo...

    RispondiElimina
  18. @Gaia: quando si gioca coi bimbi c'è sempre di che divertirsi, qualunque sia il tema... :-D
    Diciamo che nell'incipit del mio post emerge più che mai la mia necessità di vivere in modo anticonformista.
    Grazie e a presto!

    @Cooksappe: ottima idea!

    @Claudia: grazie dei complimenti! Un bacio a te!

    RispondiElimina
  19. Un'ottima idea per la colazione! :)

    RispondiElimina

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001