martedì 28 febbraio 2012

Bavarese Nocciola & Cioccolato Bianco (dal mio corso di pasticceria)

Rieccomi quà, buongiorno a tutti! Come promesso vi mostro qualcosa delle cose fatte nella seconda sessione del corso sulle basi della pasticceria, quella che prevedeva le frolle, gli impasti montati di uova e la bavarese...

Oltre alla torta in foto infatti, tra le tante cose abbiamo realizzato delle crostate come questa (con qualche variante) ed alcuni biscotti, quelli di frolla montata glassati al cioccolato del giorno precedente purtroppo non sono visibili quì perché ho dimenticato di usare la macchina fotografica... e dire che me l'ero pure portata appresso!

Quel poco di foto che ho fatto illustra la stesura della frolla...

ed una fase della farcitura...


La ricetta della bavarese che vado a presentarvi è per una torta che ha avuto uno scopo "didattico", quindi anche se è niente a confronto delle meravigliose torte "moderne" con inserimenti cremosi alternati a strati croccanti e quant'altro che si vedono sempre più frequentemente in giro, può essere sempre un valido riferimento per chi volesse una ottima bavarese di sicura riuscita.

Inoltre data la totale assenza di composti derivati da o associabili al glutine, la ricetta è totalmente Gluten-Free!

NOTA IMPORTANTE: per chi fosse intollerante al glutine o affetto da morbo celiaco fare tassativamente riferimento al prontuario degli alimenti edito dalla AIC nella scelta di tutti gli ingredienti.


Il dolce è così composto: il biscotto di base è un evergreen della pasticceria (un po' come la "frolla milanese"... ;-))) tanto che mi è capitato di vederne la ricetta citata in libri di 20 anni fa come in quelli appena editi... si tratta di una pasta biscotto a montata separata completamente senza farina e adatta per preparazioni come queste che non richiedono un inzuppatura degli strati, cosa che è infatti controindicata per questo tipo di impasto.

Per la torta ho usato un quadro di 18x18 cm, con le quantità indicate se ne ottiene almeno il doppio che poi andrà ritagliato a misura una volta freddo.

Per quanto riguarda i due strati cremosi si tratta di due "bavaresi", il procedimento e le basi sono molto simili, niente vieta di eseguirle singolarmente raddoppiate nelle dosi qualora non si abbia tempo per una preparazione più complessa e magari piaccia di più un gusto rispetto all'altro.

Ovviamente conviene foderare il quadro con delle striscie di acetato in maniera da poterlo sfilare senza traumi una volta solidificato (eventualmente passare con la punta di un coltello negli angoli dove potrebbe rimanere qualche punto di contatto...), il procedimento che indico io prevede l'assemblaggio direttamente sul vassoio di portata, se invece aveste voglia di fare una glassatura totalmente coprente conviene ricorrere alla tecnica del congelamento sulla quale non mi dilungo per mancanza di tempo.

La glassatura infine è una ricetta piuttosto empirica per ottenere una bella soluzione che non richieda ingredienti particolari difficili da reperire o procedure complesse da eseguire per i non addetti ai lavori, come per certe pectine o sciroppi a "tot gradi brix".

Vi confesso che in quella eseguita al corso sono lo stesso riuscito a sbagliare per pura distrazione la pesatura di un ingrediente e la resa non è stata quella attesa come si nota anche dalle foto... nelle prove precedenti a casa la ricetta aveva però funzionato e perciò ve la indico comunque.

Per quanto riguarda la decorazione infine che dire... la regola aurea è che richiami e presenti il contenuto del dolce, per i motivi ornamentali invece date sfogo alla fantasia! :-D

Biscotto al cacao senza farina

Ingredienti

Albumi 180 gr

Zucchero 190 gr

Sale 1 gr

Tuorli 120 gr

Cacao 50 gr

Procedimento

Mettere gli albumi in una ciotola, con un frullino elettrico o con la frusta in planetaria cominciare a montare finché schiumano ed aggiungere lo zucchero a pioggia.

Quando hanno formato una montata ben soda aggiungere i tuorli a filo mescolando con delicatezza ed infine il cacao setacciato, incorporandolo con una spatola dal basso verso l’alto.

Stendere in una teglia rivestita preferibilmente colando col sac-a-poche e cuocere in forno già caldo a 200° per 10’ circa.

Sfornare capovolgere su carta forno, lasciar raffreddare qualche minuto e togliere la carta forno con delicatezza.

Terminare il raffreddamento su una griglia.

Bavarese alla nocciola

Ingredienti per 450 gr

Per la base crema inglese:

Latte 150 gr

Zucchero 40 gr

Tuorli 40 gr

Vaniglia

Sale

Pasta di nocciole 65 gr

Gelatina in fogli 4,5 gr

Zucchero 35 gr

Panna semimontata 175 gr

Procedimento

Preparare la base crema inglese: raschiare l’interno del baccello di vaniglia e mescolarne la polpa con lo zucchero.

Scaldare il latte in un pentolino e mescolare nel frattempo in una ciotola con una frusta i tuorli con lo zucchero.

Stemperare con un po’ di latte caldo il composto di uova e zucchero, aggiungere poi il resto del latte e cuocere mescolando con una spatola finché la crema “fa il velo” (con un termometro si misurerà 85° massimo) facendo molta attenzione a non cuocere oltre.

Togliere dal fuoco ed aggiungervi lo zucchero facendolo sciogliere, aggiungere poi la gelatina ammorbidita per 10' in acqua ben fredda e strizzata, mescolare bene facendo sciogliere anch’essa.

Incorporare la pasta di nocciole e lasciar raffreddare dopodiché aggiungere la panna semimontata amalgamando con la frusta.

Versare nella forma, livellare ed abbattere immediatamente (=raffreddamento rapido 20' in congelatore per esempio) .


Bavarese al cioccolato bianco

Ingredienti per 450 gr

Per la base crema inglese:

Latte 75 gr

Panna 75 gr

Tuorli 30 gr

Zucchero 15 gr

Gelatina 5 gr

Cioccolato bianco 115 gr

Panna semimontata 180 gr

Procedimento

Preparare la base crema inglese: scaldare latte e panna mescolate assieme in un pentolino, nel frattempo in una ciotola con una frusta battere i tuorli con lo zucchero.

Stemperare con un po’ di latte caldo il composto di uova e zucchero, aggiungere poi il resto del latte e cuocere mescolando con una spatola finché la crema “fa il velo” (con un termometro si misurerà 85° massimo) facendo molta attenzione a non cuocere oltre.

Togliere dal fuoco ed aggiungervi la gelatina precedentemente ammorbidita in acqua fredda e strizzata e mescolare bene, aggiungere la crema ben calda sul cioccolato bianco tritato finemente ed emulsionare con la frusta.

Lasciar raffreddare girando di tanto in tanto ed infine aggiungere la panna semimontata amalgamando delicatamente con la frusta.

Versare nelle forme ed abbattere immediatamente come sopra.

Glassatura lucida al cacao

Ingredienti

Latte 100 gr

Panna 100 gr

Sciroppo di Glucosio 30 gr

Zucchero 50 gr

Gelatina 4 gr

Cacao 40 gr

Procedimento

In un pentolino mettere latte e panna, sciogliervi a fuoco lento lo zucchero il glucosio, portare al punto di ebollizione e versare sul cacao sciogliendolo mescolando con la frusta.

Lasciar raffreddare pochi minuti ed aggiungere mescolando la gelatina morbida ammollata in acqua fredda e strizzata.

Lasciar raffreddare ancora mescolando di tanto in tanto e quando la glassa è fredda coprirci la torta filtrandola con un colino.

Lasciar rapprendere in frigo a 4° per 3 ore almeno.

Ecco la torta tagliata...

ed una porzione un po' "timida"...


o sarà la scusa per rifarsi e prenderne ancora?? ;-)))

-0-

Vi saluto annunciandovi che il primo modulo del corso sulle basi della pasticceria (quello relativo a pasta sfoglia, choux, crema pasticcera e meringa che portano alla realizzazione della Saint-Honorè) verrà ripetuto il 28 e 29 Aprile sempre presso la scuola Giglio Cooking di Firenze, inoltre mi è stato richiesto da più parti di tenere anche un paio di lezioni sugli impasti lievitati di base e che avranno luogo il 21-22 Aprile, a breve il programma alla mia pagina dedicata ai corsi e sul blog della scuola.

Il prossimo fine settimana invece l'appuntamento è col corso avanzato di cioccolateria... e so che alcuni di voi (come me del resto) non vedono l'ora... ;-)))

Buona giornata!

35 commenti:

  1. che dire, buonissima e bellissima presentazione! il corso avanzato mi piacerebbe tanto,chissà che in futuro non riesca a partecipare.
    Ciao e buon lavoro!!!

    RispondiElimina
  2. Francesca: Grazie carissima! Mi auguro anch'io di potertene dare l'opportunità, ci divertiremmo un sacco!
    Ciao!

    RispondiElimina
  3. Nanni, bavarese veramente stupenda!!
    E complimenti anche per i corsi, devono essere interessantissimi!!

    RispondiElimina
  4. peccato non essere piu'vicini e con un bimbo piccolo mi e'un po'impossibile.avevo visto questa torta su FB e mi aveva subito conquistata.ho paura pero per la glassa...provo la tua ricetta appena mi capita lóccasione!

    RispondiElimina
  5. Io! Io! Io non vedo l'ora di fare il corso avanzato di cioccolateria! ;p
    Nel frattempo prendo quella timida porzione di bavarese.. ma solo per iniziare!!! :) sai vero che la mia golosità non ha limiti?! a presto, anzi prestissimo!

    RispondiElimina
  6. spettacolare la decorazione!

    per non dire il resto..

    RispondiElimina
  7. Una bellissima bavarese Nanni presentata in modo perfetto!!
    Mi piacerebbe partecipare ai tuoi corsi... chissà... forse un giorno...
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  8. caspiterina....bellissima e moooolto invogliante!!!

    RispondiElimina
  9. @Tery: grazie per tutti i complimenti!
    Buona giornata!

    @Lucy: a chi lo dici, io ho rinunciato ai corsi fuori regione per poter rimanere vicino alla famiglia...
    Corsi o meno mi auguro di riincontrarti in futuro! Ciao

    @Commis: lo so lo so, c'ho le prove! ahahahah ;-P
    Grazie e a presto!

    @Gaia: ma grazie!
    Sono convinto ti piacerebbe anche al palato... ;-)
    Ciao!

    @Renza: sarebbe un occasione per pasticciare un po' assieme!
    Grazie mille e buona settimana a te!

    @Nina: grazie!
    Era pure buona!! ;-)))
    Buona giornata

    RispondiElimina
  10. Carissimo, io non posso dire altro che la bavarese era un sogno, una nuvola, una delicatezza! Stupenda! Per i biscotti, se vuoi, ne vorrei parlare sul mio blog, le foto ce l'ho e la ricetta pure, così accontenterò anche Luisa Ghetti, la Luvi che sembra averli apprezzati molto solo dalle mie foto! Grazie ancora!

    RispondiElimina
  11. Guarda Ele, mi faresti doppiamente felice!!
    Ero molto soddisfatto di come ci erano venuti quelli di frolla montata, a non aver fatto le foto (con la testa che mi ritrovo) a ripensarci mi sarei mangiato le mani, altro che i biscotti mannaggia!!!
    Grazie ancora a te!! :-D

    RispondiElimina
  12. è una torta meraviglioserrima! ti invidio, un corso così farebbe comodo a tutti!:)

    RispondiElimina
  13. Grazie! Beh, forse proprio a tutti no, ma a molti penso di si! ;-)
    Ciao

    RispondiElimina
  14. non sei uno che sta sempre sul blog a inserire ricette ma quando lo fai riesci sempre a stupire.

    RispondiElimina
  15. Questa caro Nanni è favolosa, a quest'ora poi ne gradirei una bella fettina devo proprio farla quanto prima ........ certo se fossi a Firenze un altro corso non te non me lo farei certo scappare

    grazie per le tue sempre splendide ricette
    Manu

    RispondiElimina
  16. Molto bella , e bellissimo quel decoro!
    Acci....alle distanze !!!
    Ruli

    RispondiElimina
  17. @gwendy: grazie! Mi auguro di riuscire a stupirti più frequentemente! ;-)
    Ciao!

    @Manu: grazie a te carissima!
    Magari se anch'io potessi viaggiare di più...
    A presto!

    @Ruli: immaginavo ti sarebbe piaciuta :-)
    Grazie mille e... a presto!

    RispondiElimina
  18. Stamane quando ho letto il tuo post, ho copiato la tua ricetta, volevo scriverti un commento...ma sono stato preso da un 'qualcosa' che non mi tornava.
    Non appena ho avuto dieci minuti ho buttato giù un post "polemico" che nasce dall'approccio che hai tu in pasticceria, approccio che sai prediligo in assoluto. Non so se mai lo pubblicherò ma sappi che se un giorno verrò lapidato pubblicamente, ovviamente non farò il tuo nome ma sappi che l'ispirazione parte da qui :)))

    RispondiElimina
  19. eleganza e belezza al'ennesima potenza!!ormai,qualsiasi complimento risulterebbe banale..chapeau maestro Nanni;0))

    RispondiElimina
  20. Quadro bellissimo! mannaggia la lontananza :(((

    RispondiElimina
  21. Che dire....niente perchè sono senza parole :) mi sa che azzardo a farla anche senza aver fatto il corso....ho un chiodo fisso per bavaresi, mousse, budini....e non posso non provarla :)
    se decidi di spostarti dalla Toscana e onorare i campani della tua presenza potrei mettere a disposizione casa mia :)in campagna!
    un abbraccio
    Rosa

    RispondiElimina
  22. @Gambetto: quindi se un giorno verrai lapidato potrò vigliaccamente girarmi dall'altra parte come se nulla fosse... ahahahahahah ;-PPP

    Gli approcci posso essere tanti e come recita un vecchi adagio francese: "vive la différence!".
    Grazie come sempre per essere passato di quà! Ciao

    @Elisabetta: grazie, ma da quì ad essere un maestro ancora ce ne vuole! ;-)))
    Buon fine settimana

    @titty: ciao! Vabbè, intanto c'hai la foto... e la ricetta! ,-)
    A presto!

    @Rosa Maria: ti ringrazio per i complimenti e per l'offerta, non si sa mai che tante volte non si possa organizzare qualcosa...
    Buon fine settimana ed un abbraccio a te!

    RispondiElimina
  23. E fortuna che dici che ti sei sbagliato e non è venuta perfetta come quella che avevi fatto a casa!! non oso immaginare come fosse quella. E' spettacolare Nanni, e la decorazione è davvero da grande maestro, raffinata ed elegantissima.

    In bocca al pupo per i corsi..vedo che oramai ti sei lanciato :D bene bene. Salutami la pulcina, so che è venuta a trovarti questo we per spatolare un po di cioccolato ^__^

    RispondiElimina
  24. Ciao carissima, chi citi tu mi ha riferito subito appena arrivata stamani dei tuoi saluti che ti ricambio di tutto cuore. :-)
    Grazie mille, un abbraccio e buona domenica!!!

    P.S.: a questo corso non si spatola più... ;-)))

    RispondiElimina
  25. questa bavarese è meravigliosa. e non metterti a fare il modesto dicendo che è una cosa semplice etc etc invece è una splendida meraviglia punto e basta.
    e poi è gluten free, e questo la rende ancor più buona.
    e poi hai scritto del prontuario in quel modo perfetto, e di questo ti sono ancor più grata, perché ormai di gente che scrive ricette gluten free ce n'è un sacco, ma non ti dico quanta approssimazione si legge in giro.

    insomma, accidenti a me che lavoro di sabato mattina, questo lo voglio proprio dire! :-(

    RispondiElimina
  26. Va bene, mi limito a ringraziarti di cuore per i complimenti!! :-DDD

    Per il discorso del GF concordo che molti danno per scontato tante cose e l'informazione in giro purtroppo è quella che è...

    Un abbraccione e a presto!

    RispondiElimina
  27. Sembra squisitaaaa!!! Mangerei anche le foto!!!

    RispondiElimina
  28. E' l'effetto che deve fare.. ;-)))

    RispondiElimina
  29. Sai quelle ricette che copi e metti da parte dicendoti "prima i poi devo assolutamente provarla.."? Bè è giunto il momento! :-)
    Però avrei un paio di domande..
    il biscotto non l'ho mai fatto, diventa tanto croccante?
    vorrei fare io la pasta di nocciole, potresti indicarmi le dosi?
    il cioccolato bianco non mi piace, se volessi farla al cioccolato al latte o fondente cambia qualcosa?
    Ti ringrazio fin da subito per la tua disponibilità e... sopratutto grazie per la ricetta!! (e per tutte le altre);-)

    RispondiElimina
  30. Sapessi quante ne ho messe da parte io in 10 anni... ;-)

    Rispondo più che volentieri alle tue domande:

    -non deve ingannarti il nome il biscotto in realtà è sofficissimo, si chiama così perché i francesi lo chiamano biscuit e noi gli siamo andati dietro ;-)

    -Quali dosi? Forse confondi la pasta di nocciole col "pralinato"...
    Semplicemente prendi le nocciole pelate che ti servono e le triti finemente con un buon cutter. Io comunque in genere consiglio di comprarla già fatta, il grado di raffinazione è sicuramente superiore a quello che si riesce ad ottenere in casa, poi fai tu...

    -per quello al latte conviene metterne un po' meno direi 100 gr anziché 115 per quello fondente oltre che meno cioccolato devi mettere molta meno gelatina, direi 1,5 - 2 gr al massimo giusto per aiutare ad emulsionare.

    Grazie a te e a presto!

    RispondiElimina
  31. Intanto grazie per la ricetta :) golosissima :) Scusa l'ignoranza ma per il biscuit quando dici di "aggiungere i tuorli a filo" intendi appena sbattuti con una forchetta e non montati? Grazie
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, si è come dici tu, non c'è bisogno di montarli ma solo di romperli.
      Grazie a te e a presto!

      Elimina
  32. Ma che bella!! La devo provare!!
    Io normalmente preparo miniporzioni,
    Ti posto la ricetta:
    http://mmenoisette.blogspot.it/2013/07/bavarese-alla-nocciola.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Clara, grazie per il commento!
      Anche te hai un debole per le nocciola, eh? ;-)

      Buona serata!

      Elimina

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001