venerdì 7 giugno 2013

Ciambella Soffice senza Glutine


Avrete notato che questa è stata una settimana molto prolifica per il blog.

Come dicevo qualche tempo fa, tante sono le ricette in coda che attendono la pubblicazione e avendo avuto un po' più di tempo per scrivere, posso addirittura lasciarvi una terza ricetta prima di augurarvi il buon fine settimana... che bello! Erano mesi, forse anni che non riuscivo a pubblicare con questa frequenza! :-DDD

Dunque, si tratta come vedete di una ciambella adatta alla colazione o tutt'al più per l'ora del tè che ha il vantaggio di non contenere glutine.

Faccio però una premessa sul gusto: l'utilizzo degli amidi puri, così come dello zucchero a velo, conferisce alla torta una caratteristica di fondibilità che per alcuni (me compreso) può essere molto piacevole, spesso però sento dire che le torte con fecola non piacciono a molti perché "ingozzano" oppure "allappano" (che dialettalmente significa che si fatica a buttarle giù e che lasciano una sensazione di astringenza al palato) e via discorrendo.

Secondo me però non è il caso di questa torta, l'utilizzo preponderante dell'amido di riso rispetto alla fecola di patate migliora di molto la palatabilità del dolce, prima di storcere il naso magari provate a dargli una chance! ;-)


NOTA IMPORTANTE: ovviamente chi ha problemi di grave intolleranza al glutine dovrà comunque sincerarsi scrupolosamente che gli ingredienti che va a reperire per la realizzazione della ricetta siano garantiti come esenti dal rischio di contaminazione da glutine e pertanto consiglio assolutamente di fare riferimento al prontuario aggiornato degli ingredienti verificati come sicuri messo a disposizione dall'AIC l'Associazione Italiana Celiachia.



Ingredienti
Burro 115 gr
Zucchero 170 gr
Vaniglia
Uova 3 grandi (170 gr)
Latte 85 gr
Fecola 225 gr
Amido di riso 115 gr
Lievito per dolci 16 gr
Sale un pizzico

Procedimento
Preparare anzitutto gli ingredienti: lasciar ammorbidire il burro (2h a temperatura ambiente oppure qualche giro nel forno a microonde), setacciare assieme gli amidi con il lievito, sbattere le uova con il pizzico di sale.

Montare il burro morbido a spuma con l'aroma di vaniglia finché sbianca, aggiungere lo zucchero a velo e continuare a montare.

Incorporare le uova a filo ed il latte, aggiungendo una manciata degli amidi se la montata tende a separarsi, infine aggiungere il resto degli amidi amalgamando bene con una spatola.

Trasferire il composto in uno stampo da ciambella (il mio aveva un diametro esterno di 27cm) con cerchio apribile ben imburrato e spolverato con amido e  cuocere subito a 170° per 35' circa.

Sfornare, sganciare la cerniera e lasciar raffreddare 5-10', togliere poi dallo stampo, capovolgendo su una griglia e lasciar raffreddare del tutto.

Spolverizzare con zucchero a velo e mettere sul vassoio di portata.


Dolce delicatissimo e dalla texture molto leggera, questa torta è da gustarsi fredda, da calda appena sfornata infatti tende a notarsi un certo sapore zolferino di uovo, caratteristica che ovviamente scompare del tutto una volta a temperatura ambiente.

-o-

Un abbraccio a voi, con l'augurio di un fine settimana col sole!! :-D

36 commenti:

  1. Com'è bella!!! Quasi quasi, una bella fetta "pucciata" nel cappuccino!?!? Mmmmm...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima scelta! Pensa che le ultime fette invece addirittura le ho tostate per fare un esperimento! ;-)
      Grazie per il tuo messaggio e buon fine settimana!

      Elimina
  2. Ottimo!!! è vero da noi si dice che "i berlingozzo aggozza" riducendo ogni tipo di ciambellone al "berlingozzo" ...cosa completamente sbagliata !!! cmq si si gli diamo una chance!!! Buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Toscana per dire la stessa cosa ho sentito dire variamente: ingozza, aggozza, ingobbia... e meno male che dice la lingua italiana è nata quì da noi!

      Grazie e buon fine settimana a te!

      Elimina
  3. E gliene darei anche più di una di chance, con una bella tazza di caffè profumato!!
    Wow, deve essere così leggera...
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tè, caffè, cappuccino... o anche qualche infuso fruttato, perché no?
      Grazie per essere passata e a presto!

      Elimina
  4. bellissima anche lo stampo che una volta avevo anch'io e che mi hai fatto venir voglia di ricomprare,la ciambella è fantastica, mio marito è uno di quelli che dice che allappa,ma comunque a me piace e quindi la copio per prepararla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ce l'ho ancora quello stampo probabilmente perché lo uso poco... di solito infatti faccio tote più piccole.
      Sono contento ti piaccia e chissà che tante volte questa ricetta non superi anche la diffidenza del tuo consorte! ;-)
      Grazie e buon fine settimana!

      Elimina
  5. Una volta ho provato una torta di sola fecola ed effettivamente l'avevo trovata non proprio gradevolissima, molto fine ma che necessitava di un qualche liquido per poterla mandare giu'...quindi perfetta per il te' delle cinque :)
    Con la farina di riso probabilmente viene meglio, voglio provare perche' qui in ufficio ho un collega celiaco che non puo' mai mangiare nessuna torta che faccio.
    La tua ciambella ha una texture meravigliosa, a prima vista avrei detto che era un 4/4 invece mi sbagliavo.


    PS: allappare si dice anche dalle mie parti e sencondo me rende benissimo il concetto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa' attenzione che quella in ricetta non è farina, bensì amido di riso, il quale purtroppo è un po' più difficile da reperire.
      Se prepari un dolce per il tuo collega fa attenzione anche che lo stampo non abbia cotto precedentemente cose col glutine o il rischio di contaminazione cresce parecchio!
      Buon fine settimana!

      P.S.: pensa che dalle mie parti si dice anche che "allega"... ;-)

      Elimina
  6. Ciao Amico mio, come non capirti? Anche io ho troppe cose "in coda", tant'è che ho un pochino - leggermente - rallentato con le produzioni, anche se è difficile perché poi nel week end scappa sempre di fare qualcosa.
    Il pane, specialmente.
    Io non lo so se la tua ciambella allappa o no ma mi fido talmente ciecamente che il problema non me lo pongo, me la magno e basta :D anche se solo virtualmente!

    Un bacione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece ho lasciato un attimo da parte la panificazione (anche se non ho dimenticato la promessa che ho fatto a te e Piero ;-)), il fine settimana lo riservo alle cose un po' più elaborate e a certi esperimenti che non vedranno mai la pubblicazione! ;-)

      Di ciambella prendine quanto ne vuoi, solo virtualmente non rischi indigestioni!! ahahahah ;-D

      Un abbraccio e buon fine settimana!

      Elimina
  7. se non trovo l'amido di riso, posso usare la maizena? grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi provare ma il risultato credo sarà più simile al mettere tutta fecola...
      Grazie a te!

      Elimina
  8. complimenti una ciambella davvero molto gustosa e invitante....felice giornataa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria, felice giornata a te! :-)

      Elimina
  9. Eccome se gli do una chance!! Ma anche due nel caso la prima sia venuta... troppo buona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo auguro!
      Sai, è un genere di torta questo che o lo ami o lo eviti ;-)
      Buona serata!

      Elimina
  10. sono in una fase ciambellosa per cui mi segno la tua che e ottima senza glutine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io invece sono nella fase delle crostate, solo nell'ultima settimana ne ho fatte 4, una delle quali stile "Linzer" di oltre 2 kg!! :-O
      Baci a te e famiglia e buon WE!

      Elimina
  11. ultimamente i dolci nel mio blog scarseggiano alla grande :-(( non puoi immaginare che desiderio ho di dolci ... lo stampo al tuo ce l ho però mi garberebbe averlo già pieno ;-)
    ottima accompagnata in tutte le salse :-)
    lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che domani su questi schermi arriva pure un dolcino al cioccolato di quelli che soddisfano tutte le voglie... o quasi, via! eheheh ;-P

      P.S.: eh, lo stampo pieno sarebbe una bella comodità! ;-D

      Elimina
  12. Nanni,e' molto bella!Lo stampo ce'l'ho (comprato per fare l'angel food cake,che poi non ho mai fatto...)Non si sa mai che questa sia la volta che inauguri lo stampo!
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è sempre una prima volta, no? Anche per me che l'Angel-food non l'ho mai fatto! ;-)
      Bacione a te e buona serata!

      Elimina
  13. Oltre al tuo scritto , leggo sempre anche i commenti perché talvolta riportano informazioni
    interessanti . Questa volta invece ho letto di una tipo Linzer di " OLTRE 2 KG " !!!!!!!!!
    Maaa ....Nanni , DOVE l'hai cotta ????? Hai partecipato a qualche Guiness dei primati ?????
    E mostrare a noi , poveri mortali , un simile fenomeno ????
    La ciambella è da fare : mi piace assai questo tipo di dolci
    Ruli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La maxi-Linzer rivisitata è stata un bell'esercizio, credo di aver raggiunto il limite di carico sia del mio fornino catorcio che della mia valida aiutante impastatrice... ;-D

      Il primato della Linzer più grande, se ho ricercato bene, credo sia di 650 kg!! :-O
      Ciao!

      P.S.: ti ho mandato un'email...

      Elimina
  14. Nanni. Grazie !!! Non so che altro dirti sono emozionata e felice !!!
    Un abbraccio grande, Simonetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati Simonetta! Mi auguro davvero di poter fare ancora altro del genere in futuro! :-)
      Un abbraccio a te e a presto!

      Elimina
  15. Ovviamente la proverò visto che da poco, causa forza maggiore mi sto avvicinando alla cucina gluten free, ha veramente un bellissimo aspetto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca!
      Per l'aspetto è merito dello stampo... ;-)
      Ciao!

      Elimina
  16. Wow dall'aspetto non ha nulla a che invidiare ad un ciambellone "normale". E' davvero sofficioso!!
    Mia mamma ha delle intolleranze (glutine e lattosio) e penso proprio che le preparerò questo dolce, solo 2 domande: se sostituisco l'amido di riso con quello di mais (che ho a casa) e il burro con la margarina?? Grazie mille Nanni!
    un abbraccio a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si credo proprio si possano sostituire efficacemente i due ingredienti come dici tu, ovviamente poi siccome è un dolce particolare, l'ideale è che incontri anche i gusti dell'interessata :-)

      Un abbraccio a te e grazie per essere passata!

      Elimina
  17. Nanni non ho letto se hai rettificato nei commenti ma nel procedimenti non ho trovato quando e come va aggiunto il latte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, ho appena corretto il testo.

      Grazie mille per la segnalazione, il latte era rimasto... nella tastiera! ;-)

      Ciao!

      Elimina
  18. vengo qui e ti trovo una torta senza glutine. con l'amido di riso che è uno dei miei preferiti.
    la proverò sicuramente
    che bellezza!
    e poi sopra una crostata frangipane al cioccolato che si ingrassa a guardarla anche da lontano.
    sei un tentatore, nanni, ma di quelli buoni.

    un abbraccio, gaia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima! Ti credo che tu lo preferisca l'amido di riso, ha delle proprietà uniche, mi auguro non ti deluderà! :-D
      Un abbraccio a te e buona giornata!

      Elimina

HO ABOLITO I COMMENTI, NON RIUSCENDO PIÙ A RISPONDERE IN TEMPO UTILE.

CHI VUOLE PUÒ SCRIVERMI PRIVATAMENTE :-)

BUON PROSEGUIMENTO

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001