giovedì 12 settembre 2013

Cantucci alle Mandorle (con Burro)


I cantucci alle mandorle non hanno certo bisogno di presentazioni, conosciuti anche come biscotti di Prato, in abbinamento al Vin Santo (=vino passito) sono diventati col tempo uno dei dolci simbolo della cucina regionale toscana.

La presente versione diciamo che è molto classica, grammo più - grammo meno è mediamente quella che riportano la maggior parte dei libri di pasticceria e dalla quale se avete voglia potete partire per azzardare eventuali declinazioni che possono spaziare dall'impiego di altri frutti a guscio fino ad ingredienti più "esotici"...

Tante difatti sono le variazioni che si vedono in giro (e non mancano quelle salate) che, come dicevo diverso tempo fa per il plum-cake, anche per il cantuccio si può parlare non più di una ricetta ben precisa bensì di un vero e proprio genere a sé.

Ho pensato bene perciò di creare il tag apposito includendovi quelle che ricordo di aver pubblicato negli anni scorsi, il proposito sarebbe quello di arricchirlo di tanto in tanto con qualche nuova idea... beh, si starà a vedere! ;-D

Nota: nel titolo ho specificato tra parentesi 'con burro' per non confonderla con quest'altra mia ricetta nella quale i grassi sono solo quelli delle mandorle.

-o-

Ingredienti
Farina 250 gr
Uova 1
Tuorlo 1
Mandorle grezze 100 gr
Zucchero 180 gr
Lievito per dolci 3 gr
Burro 25 gr
Vin santo (o altro vino passito) 20 gr circa
Uovo per spennellare


Procedimento
Ammorbidire il burro e mescolarlo con lo zucchero l'uovo, il tuorlo ed il passito.

Setacciare assieme farina e polvere lievitante ed incorporare lavorando fino ad ottenere un impasto omogeneo che dovrà risultare leggermente appiccicoso in modo da trattenere le mandorle, eventualmente fosse troppo asciutto aggiungere ancora un po' di passito, un cucchiaio alla volta.

Incorporare infine le mandorle grezze, facoltativamente si possono tritare grossolanamente per darne una distribuzione più omogenea all'impasto, io comunque preferisco sempre metterle intere.

Lasciar riposare l'impasto una mezz'ora a temperatura ambiente coperto con pellicola a contatto dopodiché dividere in due parti uguali e formare due filoni di 25 cm circa da posare distanziati (in cottura si allargheranno) su una teglia coperta di carta forno.


Spennellare con uovo (o anche solo albume, è sufficiente) e cuocere a 180° per 25-30' circa,  comunque fino a doratura.

 

Lasciar raffreddare per alcuni minuti poi tagliare i filoni in tante striscie larghe un dito.

 

Sarebbero già pronti così però se si preferiscono molto biscottati si possono rimettere nel forno spento e ancora caldo per una ventina di minuti circa, controllando di tanto in tanto che non scuriscano.
Tradizionalmente come dicevo nell'incipit, vengono degustati inzuppandoli uno alla volta nel vino passito, io invece in questi giorni me li gusto a fine pasto col caffè, sebbene non credo sia proprio il modo più ortodosso... ma voi non ditelo a nessuno! ;-D

Buona giornata e visto che siamo già a giovedì... buon fine settimana! :-D

47 commenti:

  1. Adoro i cantucci, che buoni!! Pensa che ho provato a farli anche in una versione "americana" con burro d'arachidi e al posto delle mandorle gli M&M's, mmmmmh che bontà (sono sul mio blog)! Buon fine settimana anche a te!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per essere ancor più "American-Style" avresti dovuto farli di 300 gr l'uno! ahahahah ;-D
      Grazie Lara, a presto!

      Elimina
  2. Sai cosa mi piace di questi tuoi cantucci? Che sono dorati ma non bruciacchiati come mi capita spesso di vedere in giro. Del resto ... mica tutti si chiamano Nanni, no???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania! I cantucci fanno parte del DNA dei toscani, un po' come la pasta di mandorle per i siciliani... a proposito, sto vagliando una ricetta che unisce le due cose... ti incuriosisce? ;-)

      Buon fine settimana!

      Elimina
  3. Visto che sono a casa con l'influenza questi cantucci sarebbero l'ideale per corroborare il mio povero e digiuno stomaco! Mi hanno fatto tornare l'appetito! Teresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che funzionano come toccasana? Chissà... magari senza il Vino Passito! ;-)

      Un abbraccio e rimettiti presto!

      Elimina
  4. Buoni I cantucci,per qualche bizzarra ragione qui in Inghilterra vengono chiamati semplicemente biscotti.....
    Anch'io,che sono astemia,li gusto come te,in maniera non proprio ortodossa.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe anche esistere una parola ben precisa per cantuccio, forse hanno dimenticato di metterla nel dizionario... ;-D
      Buona giornata a te!

      P.S.: evviva la non-ortodossia! :-D

      Elimina
  5. Ciao caro Nanni!
    Una domandina: che differenze hai notato tra questi con il burro e i classici? sono piu' delicati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me questi col burro sono classici.
      Gli altri ai quali faccio riferimento nel post sono quelli senza che sono un po' più secchi e sanno tanto di mandorla.
      Ciao!

      Elimina
  6. Adoro questo genere di biscotti...così croccanti da sgranocchiare o da inzuppare. questa è una versione che voglio provare.
    Durante le feste di Natale dalle nostre parti se ne preparano una gran quantità per fare sacchetti da regalare però li chiamiamo tozzetti! Credo che gli originali però siano i cantucci!
    ciao buona giornata
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra proprio una bella usanza quella di regalare dei buoni biscotti!

      Sono anche tra i miei preferiti, soprattutto quando voglio variare da quelli al burro che alla lunga stuccano.

      Buon pomeriggio e a presto!

      Elimina
  7. Mmm... questi non possono mancare per la festa d'inaugurazione della casa che ho in mente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuro! In un buffet anche i cantucci ci fanno la loro figura :-D
      Ciao!

      Elimina
  8. Ciao Nanni
    Ottimi i tuoi cantucci: è la buona volta che provo a farli, invece di comprarli (di tutti i tipi e ditte). Poi li faccio assaggià a ì mì sòcero e ti so dire...:))
    Ciao
    Isabel


    PS Bòni nel caffe....ssshhhhh!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occhio che 'e sòceri son esigenti, loro si rammentano sapori d'attri tempi, quande ll'era tutto più genuino!! ahahah ;-DDD
      Ciao!

      Elimina
    2. T'hai ragione...sfido la sorte!!! :))))

      Elimina
    3. Che Dio te la mandi bona! ;-)))

      Elimina
  9. Che buoni.....provo a farli proprio domani
    Se vuoi passa a salutarmi (lacucinadibea.blogspot.com) anche se il mio blog e' ancora un po' povero...
    a presto

    bea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bea, mi auguro ti piaceranno come sono piaciuti a me e ai miei "amministrati"... ;-)

      Grazie per la tua visita e per l'invito!

      Ciao

      Elimina
  10. questi bicotti famosi sono buonissimi normalmente penso conoscndoti via web che i tuoi siano superbi, grazie per la ricetta che terrò presente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte la ricetta in sé conta molto anche scegliere ingredienti di qualità, quello di solito fa la differenza con quelli acquistati.
      Grazie a te per la visita, buona giornata! :-)

      Elimina
  11. mmmm, col caffé! anch'io cedo sempre a un biscottino nel caffé e pensa che non ho mai fatto i cantucci! devo romediare al più presto, come sempre grazie della ricetta :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, col caffè ci vuole biscottino o... cioccolatino!

      Provali provali, il rituale di fine pasto non potrà che esserne arricchito ;-)

      Grazie a te per la visita e a presto!

      Elimina
  12. Che coincidenza!! Sai che in questo momento mi sto gustando gli "originali"? Quelli di Mattonella! E rigorosamente inzuppati nel Vin Santo!! Che bontà!! Ma anche i tuoi non sono da meno, mi sembrano venuti perfetti! Ciao caro Nanni!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh beh, ma co i' Mattonella un si pole competere, pe' queste cose va lasciato stare! ;-D
      Ciao carissima, a presto!

      Elimina
  13. io li adoro,mi hai ricordato che è da tempo che non li preparo...buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Licia! Guarda, basta procurarsi le mandorle grezze, il resto sono ingredienti comuni e si fanno anche lesti!
      Grazie e buona giornata!

      Elimina
  14. Se mi dici cosa intendi per "mandorle grezze" prometto solennemente di provare la tua ricetta e di smetterla di aspettare che sia sempre la mia amica a regalarmeli per Natale! :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alba, per mandorle grezze intendo le mandorle sgusciate e non pelate, quindi ancora con la pellicina.

      Sorprendi la tua amica e regalaglieli tu quest'anno allora! ;-)

      Buon fine settimana!

      Elimina
  15. questi decisivamente sono la rovina di casa mia ...dirai il perchè , ma e semplice perchè con il freddo che inizia ad arrivare il dopo cena e assicurato e magari mentre sei sul divano a vedere la tv spizzichi questi deliziosi cantucci accompagnati da un buon vin santo magari fatto in casa ...e quindi sono una vera rovina in senso goloso ovviamente ;)
    un abbraccio
    lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, ti capisco benissimo! Uno tira l'altro!!
      Noi ci roviniamo direttamente a tavola invece, l'ultima volta che ho avuto ospite una delle mie sorelle ho tirato fuori alcune bottiglie, tutte che potevano andar bene coi cantucci... tu mi capisci... prova con una, prova con l'altra, poi l'altra ancora... insomma non c'era verso fermarsi! eheheh :-D

      Un abbraccio a te e buona domenica!

      Elimina
  16. Ho sempre mangiato solo quelli comprati . E mai Mattonella ( mai saputo ) . Non ho Vin Santo , ma
    del passito sardo spettacoloso .....non credo che i tuoi cantucci si offenderanno ....
    Grazie per la ricetta !
    Ruli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, credo anch'io che il "trapianto" con l'aroma sardo funzionerà! ;-D

      Grazie a te e buona domenica!

      P.S.: per mattonella a Prato intendono quelli del biscottificio Mattei... gli originali! ;-)

      Elimina
    2. Aaah...Mattei...Si capisce che non ero mai a Prato ???!!!
      Ruli

      Elimina
    3. Beh, se in futuro ci capiti un salto vale la pena farcelo!
      CIao

      Elimina
  17. quanto sono buoni i cantucci! cercando la ricetta "originale" in effetti il primo dilemma era stato...ma sono più veri quelli senza o quelli con burro???
    ma tu mi dici che...alla fine...vanno bene entrambi, tante sono ormai le varianti!
    ho proprio voglia di farli. e il mio babbo ne va matto! :-)
    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I biscotti di Prato quelli originali/tradizionali/canonici/ortodossi a quanto dicono non dovrebbero avere grassi di alcun genere e neppure il lievito, quelli che ormai sono diventati i cantucci alla mandorle "classici" di pasticceria invece li hanno entrambi.
      Comunque tu la metta vedrai che piaceranno! ;-D

      Ciao!

      Elimina
    2. grazie della delucidazione. un po' di chiarimenti mi ci volevano. internet è una grande risorsa, ma a volte la quantità di informazioni è anche troppa!!! :-)
      sono certa che siano entrambi buonissimi...quasi quasi parto dalla tradizione...e poi proseguo con le varianti.
      complimentissimi per questo tuo blog così curato! ciao!

      Elimina
    3. Le informazioni su internet sono troppe e spesso contraddittorie, per fortuna continuano ad esistere anche i libri!

      Ti ringrazio per i complimenti ma per quanto riguarda l'accuratezza non li merito!! ahahah ;-D

      A presto e buon divertimento con le ricette!

      Elimina
  18. ciao Nanni,
    ho visto su un altro blog la tua ricetta dei biscotti a forma di rugby! devo assolutamente farli e per questo mi servono gli stmapini,ma non riesco a recuperarli...
    sai dirmi dove trovarli?

    grazie mille!!!
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca.
      Mi dispiace ma io non ho quello stampino e non saprei neanche dove mandarti a cercarlo, difatti nel mio post originale io li feci semplicemente tondi:
      http://lavetrinadelnanni.blogspot.it/2013/01/frollini-al-cioccolato-senz-uova.html

      Chiedi all'autrice del blog che li ha pubblicati con quella forma ;-)

      Buona giornata!

      Elimina
  19. grazie mille!!!!
    ciao
    Francesca

    RispondiElimina
  20. Appena postati sul blog....troooooppoooo buoni!! :)

    RispondiElimina
  21. Ieri ho postato la tua ricetta sul mio blog perchè ho fatto questa meraviglia di cantucci, troooooooooooooooppoooooooo buoni!!! :P Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima, ora passo a vedere! :-DDD
      Ciao!!

      Elimina

HO ABOLITO I COMMENTI, NON RIUSCENDO PIÙ A RISPONDERE IN TEMPO UTILE.

CHI VUOLE PUÒ SCRIVERMI PRIVATAMENTE :-)

BUON PROSEGUIMENTO

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001