martedì 30 ottobre 2012

Barm Brack Cake


E' stranoto ormai che le leggi del mercato alle quali siamo evidentemente felicissimi di conformarci, hanno fatto diventare Halloween una delle feste comandate anche dalle nostre parti, facendogli assumere i connotati di un carnevale fuori stagione dai tratti tetri ed anche un po' "noir".

Poi se nel Carnevale vero e proprio ancora ci difendiamo festeggiando con le nostre ottime ricette tipiche di dolci fritti e non, nell'Halloween "de'noantri" tutto è ammesso ed il mercato ci propone ogni genere di porcheria purché sia in tema horror, oppure colorata di arancione e nero o che sia lontanamente imparentata con la zucca (il noto ortaggio delle famiglia delle cucurbitacee) nella forma e/o nella sostanza.

A me, che per queste cose piace seguire la tradizione più ortodossa perché la trovo maggiormente carica del valore simbolico che il mercato tende invece ad appiattire ed omologare, andava di preparare il dolce tradizionale che gli irlandesi (che poi sono quelli che Halloween l'hanno inventato) preparano per festeggiare: il "Barm Brack Cake".

Un antica usanza vuole che nell'impasto di questo dolce vengano nascosti degli oggetti di valore simbolico tipo l'anello, simbolo beneaugurante di felicità ed unione coniugale, oppure una monetina ovviamente augurante prosperità o ancora uno straccetto come ammonimento ad essere parsimoniosi...

La ricetta viene paro paro dal numero di Ottobre 2011 de La Cucina Italiana ma solo nella lista degli ingredienti, per quanto riguarda il procedimento ho fatto interamente di testa mia.

La farina da utilizzare non è necessario sia forte sia per l'idratazione contenuta che per l'uso del metodo diretto che prevede poche ore di lievitazione.

L'impasto è tutto sommato facile da ottenere, pertanto se non si dispone di un'impastatrice planetaria, si può impastare con successo anche manualmente.

Come fattura e come gusto a me ricorda un po' il panettone genovese anche se la particolare aromatizzazione con la cannella oltre all'arancio fa la differenza col suddetto....
(a parte che poi chi ha compilato la ricetta mi spiegherà dove in Irlanda a fine ottobre si possano cogliere delle arancie mature pronte per essere grattate, ma questa è un'altra storia... ;-P)




Ingredienti
Farina 0 500 gr
Latte 200 gr
Lievito compresso 12 gr
Uova 1
Zucchero 80 gr
Sale 5 gr
Burro 80 gr
Cannella in polvere
Noce moscata
Scorza grattugiata d'arancio
Uva passa (grande) 120 gr
Uvetta sultanina (piccola) 100 gr
Arancio candito 60 gr
Cedro candito 30 gr

Per lo sciroppo
Zucchero 40 gr
Acqua 4 cucchiai

Procedimento
Preparare e pesare tutti gli ingredienti: tagliare i canditi a cubetti, mettere entrambe i tipi di uvetta a macerare in acqua tiepida, ammorbidire il burro e cospargerlo con gli aromi (cannella ed arancio) ed intiepidire il latte..

Setacciare la farina nella ciotola della planetaria fare una fontanella e versarvi al centro il latte intiepidito ed il lievito sbriciolato.

Montare il gancio (meglio ancora sarebbe la spirale per chi ce l'ha! ;-)) ed avviare a bassa velocità (in "prima" per chi ha un impastatrice per il pane).

Quando comincia a formarsi l'impasto aggiungere l'uovo e successivamente lo zucchero, aggiungere infine il sale.

Ribaltare di tanto in tanto l'impasto per renderlo uniforme (io l'ho tolto dalla macchina e l'ho impastato a mano per qualche minuto dandogli anche qualche battuta sul piano) ed infine aumentare leggermente la velocità di impasto (per chi ha l'impastatrice da pane è sufficiente qualche minuto in seconda).

Inserire il burro morbido ed aromatizzato in 3 volte ribaltando ad ogni nuova aggiunta e ad assorbimento completato aumentare leggermente la velocità fino ad ottenere un impasto lucido e setoso.

Strizzare bene le uvette ed assieme ai canditi unirle all'impasto a bassa velocità.

Ribaltare l'impasto più volte affinché la frutta si distribuisca uniformemente e l'impasto assorba anche l'acqua residua della sgocciolatura, alla fine l'impasto deve risultare ancora lucido e ben legato.



Togliere dall'impastatrice, arrotondare e mettere in una ciotola imburrata coperto con un telo bagnato a lievitare in luogo caldo (idealmente 30°) fino al raddoppio.

Trascorso il tempo, rompere l'impasto rilavorarlo brevemente ed inserirci all'interno l'anello portafortuna... ;-D

Formare a sfera chiusa sotto e mettere a lievitare in uno stampo circolare di 20-22 cm coperto con pellicola, temperatura ideale ancora 30°.

Trascorso il tempo cuocere a 180° per i primi 15' ovvero fino a sviluppo completo e poi abbassare a 160° tenendovelo indicativamente per altri 35-40', se necessario coprire con alluminio da metà cottura circa per evitare di scurirlo troppo.

Nel frattempo preparare lo sciroppo di zucchero semplicemente scaldando l'acqua e sciogliendovi lo zucchero.

Verificare con uno spaghetto o con uno spiedino lungo la cottura al centro e quando pronto pennellare con lo sciroppo tutta la superficie del dolce ripetendo fino ad esaurimento ed infornare nuovamente per altri 10'.
N.B.: dalla foto del dolce si intuisce che questo passaggio l'ho saltato... infatti per distrazione avevo messo tutto lo zucchero nell'impasto!! ;-D

Sfornare e dopo 5' togliere dallo stampo e far raffreddare su una griglia.

Una volta ben freddo conviente conservarlo chiuso in un sacchetto per ritardarne il raffermamento (il metodo diretto difatti ha questo svantaggio) e comunque è ottimo da consumarsi appena tostato con o senza burro e confetture varie per una bella colazione!


22 commenti:

  1. A me quel che dà fastidio è uniformarci a feste non nostre non capendone nulla della storia e del significato, per questo Halloween non mi è molto simpatico...invece mi piacciono le realizzazioni a tema, e questo non l'avevo mai visto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colto il punto!
      Ti confesso che per anni l'ho anche detestato, ora ho preso atto che ormai abbia preso piede.
      Ciao!

      Elimina
  2. parli di gancio a spirale...ma questo non serve per impasti duri?? io ho comprato la kmp05 e ha questo gancio, ora cerco il gancio ad uncino per gli impasti tipo panettone e non so dove guardare, in teoria tutte la major dovrebbero avere lo stesso attacco. A parte questo, questo dolce mi ispira molto.. sa di casa e di colazione in famiglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti questo non è un impasto morbido.
      Secondo me puoi provare ad usare comunque la spirale anche per il panettone calcolando la giusta temperatura per gli ingredienti.

      Il mio KA invece essendo la versione "Artisan" non aveva la spirale, perciò gliel'ho fatta modificando in officina quella per il modello superiore! :-D

      Concordo che per la colazione sia l'ideale!

      Grazie e a presto!

      Elimina
  3. Un bellissimo dolce e ... concordo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e pure buono!! ;-D

      Grazie e buona giornata Clara!

      Elimina
  4. Che profumo questo pane!!! Ideale per la colazione......Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed infatti non vedo l'ora che sia domattina per farci colazione!!
      Grazie dei complimenti e a presto!

      Elimina
  5. ...il profumo e' arrivato fin qui...solo quello sigh ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, ora hai anche la ricetta! ;-DDD
      Ciao!

      Elimina
  6. non lo conoscevo ma mi ispira moltissimo, dev'essere bello morbido e profumato!!!
    ciao :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è profumatissimo e ha rischiato seriamente di non arrivarci neanche ad Halloween!!
      Ciao carissima!

      Elimina
  7. Oufff...finalmente sei tornato !!!! Anche se posso capire : pure io ho un periodo molto occupato
    in cose lontane da dolci et similia...E' da maggio che aspetto di aprire e..." sfruttare " un meraviglioso libro sulla cioccolata comprato a Vienna . Autore J.P.Wybauw .
    Ma visto che da queste parti girano i nipotini , un dolce come il tuo mi può scappare : mi attira !
    E mi tengo lontana da mascherate che non sento mie .
    Ruli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io ti esorto a metterti all'opera, Wybauw è uno dei grandi e le sue ricette sono di sicuro effetto.
      Un caro saluto a te e... ai nipotini!

      Elimina
  8. Ho letto la ricetta ma non altro...sei nei miei pensieri da un pò (per chi non ci conosce non siamo "compagni" nella vita!!) ma torno con la calma dovuta.
    A presto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi auguro siano pensieri benevoli.... ho appena fatto ritingere la carrozzeria! ahahahhahah ;-PPP
      A presto!

      Elimina
  9. Cosa vedo,un classico di Halloween! Chi trova l'anello si sposera' entro 12 mesi,chi trova il ditale (un tempo si metteva anche quello) rimarra' zitella!!
    Fai bene a metterti la domanda riguardo alle arance fresche,le ricette tradizionali non le contengono.
    Nonostante anch'io non abbia una simpatia eccessiva per Halloween,questo me lo papperei di sicuro...
    Un salutone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheh, il mio sospetto era legittimo allora! ;-)
      Credo si sia capito che la sento un po' una cosa estranea, ma avendo un figlio in età scolare ho cercato un compromesso che soddisfacesse anche me... ;-D
      Grazie, un salutone a te e a presto!

      Elimina
  10. Non festeggio halloween, ma questo lo metto tra le cose da provare... in fretta, dieta permettendo!!! Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati che a casa mia non mi credono che questo dolce c'entri qualcosa con H., credono che gli abbia fatto una specie di panettone rapido alla cannella!!
      Neanche noi lo si festeggia, in senso stretto... mica siamo irlandesi!! ;-DDD

      Grazie per la tua visita e a presto!

      Elimina
  11. e vero halloween non e una festa italiana ma e una americanata (senza offendere) però e anche vero che oramai gli abbiamo fatto prendere strada in italia quindi e giusto che venga festeggiata e i bambini si divertono.. e non solo anche noi grandi tra menù e dolcetti a tema..
    questo dolce davvero non lo conoscevo ottimo direi..
    allora Nanni come va..?!
    un abbraccio carissimo...
    lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, l'importante è festeggiare, concordo!!! ;-DDD

      Tutto ok grazie! Un abbraccio a te!

      Elimina

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001