lunedì 21 ottobre 2013

Torta "Amarettone"




Oggi vi presento una torta che è risultata particolarmente gradita ai miei ospiti.

Sebbene fosse definibile più genericamente come "Torta di Mandorle", ho proferito chiamarla Torta "Amarettone" in quanto il risultato mi ricordava di più un grosso amaretto morbido cotto su un biscotto friabile.

E non si tratta certo di una torta ipocalorica, non inganni la mancanza del burro tra gli ingredienti del ripieno, la presenza massiccia delle mandorle in ben 3 forme (cioè macinate/granella/lamelle e che lo rammento per il 55% sono composte di grassi) la rende invece una ricetta un po' "pesante", di quelle che saziano (o quasi, dipende dall'appetito...) con una fettina, ma direi assolutamente da provare per gli amanti della mandorla.

L'aggiunta delle mandorle amare anche se non strettamente indispensabile io la consiglio vivamente, giusto per conferire al dolce quella nota aromatica ben nota e ricercata dagli amanti delle paste di mandorla.

Tra l'altro, tanto per sfatare un mito, la loro tossicità è sempre relativa all'ingestione di semi crudi ed in quantità importanti, quel che è meno noto infatti è che a seguito del calore della cottura (o di un bagno d'acqua) la mandorla amara perde comunque la sua nocività.

Difatti fin da tempi antichi viene prodotto anche un marzapane detto "Persipane" prodotto in gran parte, se non addirittura interamente, con mandorle amare appunto dette anche "mandorle di Persia" ed utilizzato in sostituzione del "cugino ricco" ottenuto dalla mandorla dolce.
Il vantaggio era quello di avere un prodotto ad un prezzo competitivo rispetto al marzapane comune (anche se oggi il divario di prezzo si è molto ristretto) il quale tuttavia rimane sempre la scelta qualitativamente migliore. 

Per la pasta frolla potete impiegarne una classica, non sto a riportarvi quella che ho usato io stavolta, do per scontato che ognuno di voi abbia la sua versione preferita e stracollaudata, consiglio soltanto di prepararne un po' di più in maniera da poterla stendere e ricavarne agevolmente il modesto quantitativo richiesto dalla ricetta. 


Ingredienti (per una torta di diametro 20 cm)
Pasta frolla 100-120 gr circa
Mandorle pelate macinate fini 170 gr
Mandorle amare 10 gr (facoltative)
Zucchero 180 gr
Tuorli 3 di uova medie (50 gr circa)
Albumi 3 di uova medie (100 gr circa)
Farina 50 gr
Limone grattugiato
Mandorle in granella media
Mandorle a lamelle
Zucchero a velo


Procedimento
Preparare con un certo anticipo la pasta frolla in modo da averla già pronta e riposata al momento dell'utilizzo.

Macinare assieme lo zucchero, i due tipi di mandorla e la scorza del limone, aggiungerci poi un albume liquido e lavorare fino ad ottenere una pasta umida ed uniforme.

Successivamente incorporarvici i tuorli e poi la farina setacciata.

Montare a neve ferma gli albumi rimanenti ed incorporarli manualmente (e pazientemente) con una spatola facendo tagli nell'impasto che sarà inizialmente piuttosto consistente.

Stendere un disco sottile di comune pasta frolla in uno stampo del diametro di 20 cm imburrato, oppure stendere la pasta frolla e con un cerchio imburrato sempre dello stesso diametro tagliarla alla stessa misura togliendo quella in eccesso all'esterno.

Granellare il bordo interno con granella di mandorla di media grandezza, versarci l'impasto precedentemente ottenuto e livellare con una spatola.

Cospargere uniformemente la superficie con mandorle a lamelle e cuocere in forno a 180° per 35-40' circa evitando di brunire eccessivamente le mandorle a guarnitura, a fine cottura l'impasto sarà rimasto comunque un po' umido ed appiccicoso, più o meno come l'interno degli amaretti morbidi.

Lasciar raffreddare, togliere dallo stampo e spolverizzare con poco zucchero a velo.


-o-

Prima di salutarvi vi comunico che anche nel 2014 proseguirà la mia collaborazione con la scuola di cucina Giglio Cooking di Firenze, ho appena aggiornato la pagina di questo blog dedicata alla mia attività didattica coi nuovi appuntamenti. Chi fosse interessato ai miei corsi (o anche solo curioso... eheheh) può andare a dare un'occhiata... ;-)
-o-
 
Buona giornata, buona settimana a tutti e... mi auguro a presto! :-D


28 commenti:

  1. Che bontà! Questa me la provo subito!

    RispondiElimina
  2. Ciao Marina!
    Mi auguro ti piacerà :-D
    A presto

    RispondiElimina
  3. Questa la provo di sicuro, amo le mandorle, gli amaretti e tutto quello che è "mandorloso". E in casa mia non manca mai un piccolio pacchettino di mandorle amare. Non ho capito bene se la frolla deve ricoprire anche il bordo della tortiera o deve essere solo a filo della base

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo ricordo, le mandorle sono una delle tante passioni che abbiamo in comune... ;-)

      Di frolla io ne ho messo solo un disco sottile alla base, secondo me comunque viene anche se rivesti il bordo.

      Ciao!

      Elimina
  4. Come si fa a resistere ad una torta alle mandorle? Io le adoro! La metto subito in lista per natale! Ma anche prima perché no... la dolcezza nella vita non è mai troppa! Teresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, perché resisterle? Una torta che sa farsi così benvolere! ;-)

      A chi lo dici, io giornalmente ho le mie piccole "parentesi dolci"! eheheh ;-D

      Grazie carissima e a presto!

      Elimina
  5. Mmmmmmh, buonissima!! La devo assolutamente fare!! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava!
      Buon divertimento allora! ;-)))

      Elimina
  6. Io adoro le mandorle soprattutto nei dolci, ma il mio caro consorte no, quindi finchè non ho qualche invitato non mi arrischio a provarla, che altrimenti mi tocca papparla tutta...che sacrificio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, come ti capisco... sebbene con le mandorle in casa mia nessuno abbia problemi di incompatibilità! ;-D
      Grazie e buon pomeriggio!

      Elimina
  7. Amarettona proprio!!! Ma molto mandorlosa ;-) è una torta travestita per fare dolcetto o scherzetto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, per quelle credo sia prescritta la zucca gialla... ;-)
      Ciao!

      Elimina
  8. mamma mia che torta squsita, grazie per la ricetta,per le foto e felice settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per essere passata!
      Buona giornata!

      Elimina
  9. questa si che fa al caso mio...assolutamente da rifare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, se ti garbano le mandorle la devi provare!
      A presto!

      Elimina
  10. adoro le mandorle, questa torta me la segno, e quando la faccio me ne tengo solo una fettina perché rischio di finirmela da sola! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh me lo ricordo, la mandorla è uno dei gusti (assieme al cioccolato... ;-) ) che abbiamo in comune! :-D

      Quì mi hanno brontolato perché mi sono mangiato l'ultima fetta rimasta... il rischio c'è! ahahah ;-)

      Elimina
  11. Ciao Giovanni, ogni tanto mi faccio viva, ma ti seguo sempre con interesse!
    mi dici dove trovi le mandorle amare? io le compravo sempre da Pegna, ma la settimana scorsa ero andata a cercarle (per fare gli amaretti morbidi..) e mi hanno detto che non le tengono più. Grazie, e buoni impasti!
    Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania!
      Purtroppo non saprei dove indirizzarti in zona, a me le regalarono diverso tempo fa.
      Provo a cercare in un paio di posti e poi ti scrivo privatamente come è andata.
      Grazie per essere passata e a presto!

      Elimina
  12. Sto per andare dalla mia spacciatrice di frutta secca per le preparazioni natalizie e questa torta capita a fagiolo perchè io le mandorle le mangerei pure in testa a un tignoso, come se dice a roma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uguale uguale se dice pure quà... condivido su tutta la linea! ;-)
      Ciao carissima e a presto!

      Elimina
  13. Come al solito non sbagli un colpo... :) questa torta è da provare assolutamente.
    Calorica o no na bella scorpacciata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rischio è proprio quello, di farsene una scorpacciata! ;-)
      Grazie per essere passato e buona giornata!

      Elimina
  14. ciao! ho una richiesta per te, se e quando avrai tempo e voglia.
    mentre sulla crema classica (sia pasticcera a freddo sia da forno) mi sento ferrata, con quella al cioccolato ho problemi.
    non so mai se farla col cioccolato o col cacao, se fare una pasticcera e aggiungere del cioccolato/cacao (ma allora non mi va in forno) o se fare proprio una cosa diversa...
    ad esempio, una torta della nonna o una crostata crema pasticcera e frutta le faccio ad occhi chiusi. ma sulla torta del nonno e sulla crostata al cioccolato mi blocco.
    ti andrebbe, again, quando hai tempo e voglia, di fare un post sulle creme al cioccolato/cacao?
    grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una richiesta che mi è arrivata già da più parti quella di riprendere un discorso sul cioccolato con cose tipo la crema pasticcera, la torta del nonno etc...
      La voglia c'è, per il tempo invece ho un periodo un po' pieno di impegni di lavoro ed altre ricette in sperimentazione (quest'ultime sempre col cioccolato comunque... ;-))) ).
      Grazie a te e buon fine settimana!



      Elimina
  15. Ciao Nanni,dove posso trovare le mandorle amare?grazie Lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia, prova in qualche drogheria ben fornita o in qualche mercato della tua città.
      Ciao!

      Elimina

Se ti va puoi lasciare un commento.

Prima di pormi domande tecniche assicurati che:
- quello che chiedi non sia già scritto nel post e non lo hai letto per la fretta
- vuoi realmente riprodurre la ricetta e non domandi tanto per fare, perché io non rispondo così tanto per fare.

I commenti pretenziosi e/o anonimi verranno automaticamente cestinati.

Grazie

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001