lunedì 19 novembre 2012

Tronchetto al Cioccolato


Alcuni giorni fa ho pubblicato una foto di questa prima prova di tronchetto natalizio sul mio profilo di Facebook e vi dirò che le reazioni ed i commenti positivi mi han convinto a fare una foto più luminosa e pubblicarlo con ricetta in bella copia anche quì...


Sebbene sembri una preparazione difficile in realtà questa ricetta non presenta grossi gradi di difficoltà, avendo scelto soluzioni tutto sommato semplici per il ripieno (confettura) e per la decorazione (crème ganache) la difficoltà risiede più che altro nella realizzazione del biscuit arrotolato e nell'arrotolamento stesso.

In Francia il tronchetto è il dolce che fa spesso bella mostra di sé nei pranzi natalizi e tradizionalmente, sia per la farcitura che per la decorazione, vengono usate le creme al burro.
Questa versione, forse non proprio ortodossa, intende anche semplificare un po' la vita a chi si accingesse a realizzarla.


Ebbene, ricetta a parte, molti si domanderanno anche quale è la ragione per la quale un dolce che rappresenta un tronco d'albero segato ed eradicato possa simboleggiare la festa del Natale... 

La tradizione di bruciare un ceppo di legno nel camino la notte di Natale è una consuetudine tramandata da lungo tempo nelle culture popolari di tutta Europa, portandosi appresso un suo corollario di rituali e superstizioni legate all'alto valore simbolico dei simboli dell'albero e del fuoco.

Ad esempio so, tramite racconti familiari e di conoscenti, che in molte zone della Toscana il "ceppo" prescelto doveva essere acceso la notte della vigilia facendo poi in modo che arrivasse ad esaurisi all'Epifania, per questo si cercava di selezionare un legno particolarmente duro che bruciasse lentamente ed il farlo ardere accuratamente per assicurarne la durata per tutti i giorni necessari era un compito preso molto sul serio!

Almeno finché c'era un camino in ogni casa quella del "ceppo" era una tradizione che nessuno ignorava (per dire, al pari dell'olivo nella domenica delle Palme), anche chi viveva in città e non poteva certo trasportarsi agevolmente in casa un grosso tronco a "lunga durata", la notte della vigilia non mancava di far ardere un legno speciale o più grosso del solito.

Quel che è rimasto oggi probabilmente è soltanto la locuzione avverbiale "pe' ceppo" in molti dialetti toscani per intendere appunto "per Natale"... ed anche con accezione ironica per intendere il rimandare ad una scadenza lontana per evitare di onorare una promessa...:

- Quando me lo rendi? 
- Eh... eh... tra un po', quando ho finito... 
- Si, pe' ceppo!
 ;-DDD

Ingredienti


Per il rotolo
Tuorli 55 gr
Uova intere 135 gr
Zucchero 75 gr
Albumi 80 gr
Zucchero 75 gr
Farina 75 gr
Aroma di vaniglia o di limone

Per il ripieno
Confettura un vasetto (340 gr)

Per la decorazione
Cioccolato fondente 64% 180 gr
Panna fresca 200 gr
Burro 20 gr
Zucchero a velo

Procedimento
Preparare anzitutto il rotolo: pesare le uova intere e quelle divise, le due dosi di zucchero e la farina.

Montare le uova coi tuorli, la prima dose di zucchero ed eventuali aromi fino ad ottenere una montata gonfia, spumosa e ferma.

A parte montare gli albumi con la seconda dose di zucchero fino ad ottenere una montata ferma ma non durissima.

Usando una spatola incorporare nella montata di uova quella di albumi alternandola con la farina.

Nel frattempo si sarà foderata una placca da forno imburrata con carta forno imburrata a sua volta e regolato il forno a 220°.

Versare il composto nella teglia livellarlo delicatamente ed infornare per 8' circa sorvegliando comunque la cottura.

Togliere dal forno, attendere alcuni minuti e poi rovesciare il biscotto su un foglio di carta forno leggermente cosparso di zucchero.

Staccare delicatamente la carta forno di cottura partendo in diagonale da un angolo e lasciar raffreddare qualche minuto, dopodiché spalmare la confettura sulla superficie lasciando libero il bordo per un paio di cm.

Aiutandosi col foglio di carta forno arrotolare il biscotto e lasciarlo poi raffreddare avvolto fasciato nella carta tenendo il margine di chiusura del rotolo schiacciato sotto.

Una volta freddo tagliare le fette di un paio di cm agli estremi del rotolo e poi tagliarlo in diagonale ad 1/3 della sua misura per ottenere il pezzo della diramazione, eventualmente tagliare anche un altra fetta leggermente più alta da un lato per realizzare un' altra diramazione però “tronca”.

Posare i pezzi ottenuti sul vassoio di portata formando un tronco principale con una diramazione laterale più corta e l'eventuale diramazione “tronca”.


Preparare la crema ganache per la decorazione portando a bollore la panna col burro disciolto, togliere dal fuoco, attendere un minuto e versarci il cioccolato fondente tritato in piccoli pezzi facendolo sciogliere mescolando con una frusta.

Abbattere in congelatore mescolando ogni 5-10' finché la crema raggiungendo i 20° circa diventa consistente e diventa stendibile col sac-a-poche.

Trasferire il composto in un sac-a-poche con bocchetta spizzata di 7 mm e decorare in modo da creare l'effetto corteccia d'albero.

Al termine eventualmente guarnire con confettini colorati, fruttini di marzapane o spolverizzare con pochissimo zucchero a velo per creare l'effetto “neve”.

Conservare max 48h a temperatura ambiente e servire alla stessa temperatura.

Tagliare con cura eventualmente riscaldando la lama del coltello ad ogni taglio.

Buona settimana!! :-D

64 commenti:

  1. Adoro la "Bouche à Noel" che preparo sempre per Natale, proverò anche questa versione, grazie. Anche a Genova c'è una tradizione che coinvolge un ceppo. Si chiama "Confuego" si svolge il 20 Dicembre, è uno scambio di auguri tra il rappresentante del popolo al Doge, e in questa occasione viene offerto un ceppo mi pare di alloro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante conoscere come le varie tradizioni regionali delle festività abbiano delle analogie legate ai medesimi simboli!

      Se ce la faccio a Dicembre cerco di pubblicare anche una versione più complessa... e golosa! ;-)

      Grazie e a presto!

      Elimina
  2. Bella idea per la tavola Natalizia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Questo diciamo che è il "minimo sindacale" (non sono un gran decoratore), se uno ha un po' di estro può farlo molto più grazioso... :-)
      A presto!

      Elimina
  3. mi vien da ridere perchè ho detto: ora il nanni fa anche le foto ai tronchi per il camino :))
    sembra davvero un tronchetto a differenza di quello vero questo ti riscalda si ma la gola dalla sua golosità ..
    bello e buono..
    bravo come sempre...con te siamo sempre sul sicuro su tutto..
    un abbraccio e buona giornata..carissimo
    lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah se avevo il camino in casa sta sicura che facevo la foto pure ai tronchi per metterli a confronto! ehehheh ;-DD

      Grazie Lia, un abbraccione a te e buona giornata! :-D

      Elimina
  4. Ma che bella questa storia!! Non sapevo proprio del motivo per cui si preparasse il tronchetto per Natale, e ora questo dolce mi sembra ancora più bello! :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima! Come tu sai in Italia ha preso più campo una tradizione di grandi lievitati, ma ugualmente investiti di "ritualità", tipo il panettone tenuto da parte fino a San Biagio... :-D

      Comunque il tronchetto va benissimo prepararlo anche per golosità... ;-DDD

      Buona giornata!

      Elimina
  5. è natale in nanni house?
    :)
    ne assaggerei volentieri un pezzettino!
    ciao nanni!
    b

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh eh, sai com'è... il bimbo sta già compilando la sua dettagliatissima letterina a Babbo Natale, in giro ci sono già luci ed addobbi, io.... mi adeguo! ;-DDD

      Ciao Babs, grazie e a presto!

      Elimina
  6. Uau che bello! Qui da te si respira gia aria natalizia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Mi sono preso un ragionevole anticipo per le prove generali... ;-)
      Buona giornata e settimana! :-D

      Elimina
  7. Ciao Nanni, con questa ricetta potresti partecipare al mio contest dedicato ai dolci del Natale magari facci un pensierino è davvero incantevole!!
    baci,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per l'invito Imma! Volendo posso provare anche a fare di meglio... ;-)
      Baci a te e a presto!

      Elimina
  8. E' davvero perfetto! Mi ricorda tanto quello che faceva mia nonna quando ero piccola; non era così bello ma se era fatto da lei era perfetto!
    Bravo come sempre!

    Alice
    operazionefrittomisto.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande la nonna! Immagino la bontà! :-D
      Grazie e buona giornata!

      Elimina
  9. Ciao Nannia :) Buonissimo, voglio provare a farlo! :) Sembrerà strano ma non ho mai fatto un tronco natalizio! :D Un bacio e complimenti, buon inizio settimana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... ovviamente era Nanni... ma non so perché i tasti partono da soli, qui O_O

      Elimina
    2. Si, non importava la correzione, grazie comunque! :-)
      C'è sempre una prima volta in ogni cosa... ;-D

      Ciao Valentina, baci a te e buona settimana!

      Elimina
  10. Nanni... non e' nella mia tradizione ma ricordo in una pasticceria vicino casa... i giorni intorno a Natale, io e mia madre attaccate alla vetrina... quanto ci piaceva, cosi' bello e decorato.... Ma alla fine compravamo un altro dolce, ne ricordo uno quadrato a forma di calendario... sicuramente per capodanno, rimandando l'acquisto del tronchetto all'anno seguente!
    O Nanni... che ricordo e' uscito fuori, chissa' magari quest'anno un tronchetto pensando alla mia mamma riusciro' a tirarlo fuori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero chissà... magari se non è il tronchetto sarà il calendario anche quest'anno! ;-DDD
      Grazie carissima, a presto!

      Elimina
  11. Sembra vero! Non ne ho mai fatto uno, che sia ora di farlo materializzare tra le dune? :-)
    E non conoscevo l'espressione pe'ceppo, mi fa ridere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E certo che è vero e si mangia pure!! ehehehh ;-DDD

      Se lo fai nascere tra le dune però devi decorarlo a tronco di palma, eh!! ;-)))

      Ciao!

      Elimina
  12. Bellissimo! Quella decorazione a ganache non la trovi già abbastanza perfetta?
    La storia che accompagna questa ricetta dona il tocco finale ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, ma in giro si vedono dei capolavori arricchiti di tantissimi particolari: meringhette, pasta di marzapane, fiocchi etc...
      Grazie della tua visita e buona giornata!

      Elimina
  13. Ecco, hai fatto proprio bene a metterla anche qui.
    Vuoi vedere che quest'anno mi decido a farlo?!?!
    grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento di averti dato lo spunto!
      Tra l'altro si fa anche parecchio prima che a fare un panettone ed i bambini ne vanno letteralmente pazzi!! ;-)
      Grazie a te e a presto!

      Elimina
  14. Meravigliosamente perfetto! Voglio provare a farlo per natale ma se cambio da confettura a nutella che dici è eccessivamente ciccolatoso?
    buona settimana
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, se ti piace la nutella è un esperimento che puoi tentare.
      Grazie e buona settimana a te! :-)

      Elimina
  15. Non l'ho mai fatto, ma ho deciso di farlo quest'anno, infatto proprio ieri mi sono esercitata della realizzazione della pasta biscuit, la tua ricetta mi è capitata proprio a "fagiolo", grazie anche della spiegazione della sua origine...a presto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricetta che ho usato io è piuttosto classica l'ho trovata più o meno sempre così in tutte le fonti che ho consultato.

      Grazie a te per essere passata, ciao!!

      Elimina
  16. Sembra fattibile anche per chi è negata come me
    Riempito di crema di marroni povrebbe andar bene?
    Grazie per la ricetta
    Laura Pennydue

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può andare anche con la crema di marroni... anche se io così d'istinto ci aggiungerei pure del cacao, del rum e l'alleggerirei con panna montata ;-)
      Grazie a te e a presto!

      Elimina
  17. Mitica questa preparazione già da piena atmosfera "pappalizia" (=pappata natalizia)! Mi riporta alle feste di quando avevo qualche (ehm..) annetto in meno e ti assicuro che questo tronchetto è anche più bello e sicuramente più buono di quelli che ricordo! Teresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E figurati che lì per lì non mi sembrava neanche da pubblicare! ;-D
      Quand'ero piccolo io invece anche a Natale c'era sempre il meringato! :-P
      Grazie carissima e a presto!

      Elimina
  18. E' bellissimo,e se dici che non e' difficile, quasi quasi comincio a mettere la cucina a soqquadro...
    Un salutone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, diciamo che la ricetta è... "complicabile"! ;-DDD
      Grazie, saluti a te!

      Elimina
  19. E' vero , c'è chi sa scegliere il ceppo giusto che può bruciare molto a lungo ...visto con meraviglia da parte nostra dal consuocero calabrese !!!
    Ma il " tuo " ceppo ...son sicura che non dura , vien bruciato subito !!!!!
    Ruli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che è veloce finché è nel piatto, ma... poi diventa lento da bruciare quando arriva al giro vita!!! eheheh

      Grazie e a presto!

      Elimina
  20. inanzitutto bello e interessnate il post...poi ti dico che sono da sempre affascianata al tronchetto di Natale e devo dire che a furia di prove su proe, tutto sommato ora non mi viene male. ...mi piace e poi fa tanto feste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, fa tanto festa e anche... golosità!
      Ricordo che quando ero piccolo mi piacevano anche i rotoli in vendita al supermercato!
      Immagino i tuoi bimbi come saranno contenti quando glielo fai! :-)
      Grazie e a presto!

      Elimina
  21. HAHAHAHAAA...!!!!! Hai ragione , quando arriva al giro vita non brucia più ....diventa asse portante come le travi dei sottotetti....!!!!! 0__* ... Ma lo stesso w w w simili tronchetti !
    Ruli

    RispondiElimina
  22. "Pe'ceppo" insieme alla dettagliata descrizione sono già salvati non tanto in bit quanto nella mia testa.
    Ovviamente nel ripercorrere mentalmente i passaggi, due sono le maggiori difficoltà per me...uno la marmellata...io ne metterei il triplo eheheheheh e quindi di conseguenza la fase della chiusura che vedo davvero impossibile senza una saldatrice-a-cioccolato!!! :P ahahahahahah
    PS
    Non sopporto la corsa al Natale e quindi mi verrebbe voglia di prepararlo subito il tronchetto...ovviamente il buscuit sarebbe inzuppato di alcool così giusto per svegliarmi direttamente pe'ceppo! :P ehehehhe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, anch'io più o meno per la stessa ragione l'ho preparato (e tutt'uno, finito) 5 settimane prima!! ;-D

      La "saldatrice-a-cioccolato" è l'attrezzo che improvvisamente mi accorgo di desiderare più di ogni altra cosa!!
      Mi ci vedo bene con la maschera col vetro fumé e l'elettrodo di cioccolato che fa scintille!!! Ahahahahah ;-PPP

      Elimina
  23. ottimo questo tronchetto...copio subito
    grazie
    anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Anna! Mi auguro ti piacerà :-)
      Buon pomeriggio!

      Elimina
  24. a parte,la bellissima immagine,dev'essere squisito,questo tronchetto!!
    complimenti,Nanni e felice settimana ^;*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisabetta!
      Posso dirti che chi lo ha assaggiato, ha gradito! ;-D
      A presto!

      Elimina
  25. Ho sempre evitato i rotoli per paura che si rompessero al momento dell'arrotolo.

    Se giuri che con le tue dosi riesce bene anche a me ci provo...

    RispondiElimina
  26. E certo che ti riuscirà bene, eh!
    Se poi si rompe qualcosa lo copri con la ganache... ;-D
    Ciao!

    RispondiElimina
  27. mi piace moltissimo e l'ho fatto spesso variando anche i gusti, questo è bellissimo! grazie per l'introduzione, sempre molto interessante, non conoscevo quel modo di dire, simpatico :-)
    devo ancora fare l'albero ma sto entrando nel clima natalizio!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca! Questo diciamo che è un "modello base", sia come gusti che come decorazioni.
      L'albero vero e proprio invece lo faremo sabato! ;-D
      Buona giornata!

      Elimina
  28. piacere di conoscerti, quante belle ricette!! mi sono iscritta ai tuoi followers!! da oggi ti seguo, felice giornata, ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta, piacere mio!!
      Felice notte e a presto!

      Elimina
  29. Ho intenzione di farlo prima di Natale!

    Mi unisco al tuo blog.

    Baci

    stefaniaskitchen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Stefania, grazie!
      Mi auguro ti piacciano sia il tronchetto che le cose che pubblicherò via via... ;-)

      A presto!

      Elimina
  30. Intanto grazie per la ricetta :) Ho deciso che lo farò (finalmente!!) :) Maaaaa... a quando la versione più complessa?? Sono curiosa! ;)
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice, purtroppo sono un po' fuori sincrono con le pubblicazioni, mi sa che prima di Natale non ce la faccio... :-(
      Ti ringrazio e mi auguro intanto ti piaccia anche questo!
      A presto!

      Elimina
    2. Certo :) proverò a farlo a breve :)
      Alice

      Elimina
  31. ciao carissimo Nanni..
    hai scritto che questa torta va lasciata a temperatura ambiente per 48h , hai scritto bene oppure e solo un errore di dicitura...quindi e un dolce che si può preparare con un pò di anticipo..?! e in frigo? può andare in frigo o no?!
    scusami per le mie domande..
    attento una tua risposta..
    baci caro
    lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tronchetto PUO' essere conservato per 48h a temperatura ambiente, ma se lo metti in frigo dura anche di più! L'unica cosa è che se lo tagli da freddo di frigo la crema sopra è indurita e si rompe, quindi conviene rimetterlo a temperatura ambiente qualche ora prima e tagliarlo con una lama riscaldata.
      Baci a te!!

      Elimina
  32. io leggo sempre male :-((
    quindi se lo faccio non metto in frigo ...
    sei sempre tanto gentile...
    grazie infinite..
    lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati! Grazie a te

      Buon fine settimana

      Elimina

Se ti va puoi lasciare un commento.

Prima di pormi domande tecniche assicurati che:
- quello che chiedi non sia già scritto nel post e non lo hai letto per la fretta
- vuoi realmente riprodurre la ricetta e non domandi tanto per fare, perché io non rispondo così tanto per fare.

I commenti pretenziosi e/o anonimi verranno automaticamente cestinati.

Grazie

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001